Jaguar XE SV Project 8, scheda tecnica attesa: motore V8 e aerodinamica estrema [FOTO]

Jaguar XE SV Project 8 è la Jaguar stradale più potente di sempre. Tiratura limitata per la berlina. Scopriamo la scheda tecnica attesa della nuova vettura inglese.

da , il

    E’ la Jaguar stradale più potente di sempre. Lo sviluppo in pista di Jaguar XE SV Project 8 si affianca all’annuncio di qualcosa che va oltre una possibile rivale di BMW M3 o Classe C AMG, per intenderci. La Jaguar XE passa dal reparto Special Vehicles Operations di Jaguar e riceve in dono il motore V8 sovralimentato con volumetrico da 5 litri di cubatura e 600 cavalli.

    La scheda tecnica completa della Jaguar XE SV si scoprirà solo il prossimo 28 giugno, a ridosso del debutto dinamico previsto al Festival della velocità di Goodwood 2017, il 30 giugno. Dopo aver partorito il concept Project 7 su base Jaguar F-Type, il marchio inglese ha pronti 300 esemplari della berlina che rifletteranno l’unicità tecnica della XE, anzitutto nel prezzo. Chissà che non apra la strada a una versione di più ampia tiratura, una Jaguar XE da contrapporre effettivamente alle proposte più estreme della concorrenza.

    In attesa di scoprire i piani futuri, le prime immagini di XE Project 8 offrono uno sguardo sugli interventi estetici e funzionali che caratterizzano la carrozzeria. Il cofano motore guadagna un’ampia apertura di sfogo dell’aria dal vano interiore, il muso produce un paraurti con splitter pronunciato e generose aperture completate da condotti per migliorare l’aerodinamica.

    Il profilo svela minigonne a lama estese, di raccordo tra i passaruota maggiorati, indizio di una larghezza notevolmente superiore in corrispondenza dei due assi.

    L’esemplare impegnato nei test al Nurburgring completa la configurazione aerodinamica con un’ala posteriore fissa, collocata piuttosto in alto, mentre nella parte inferiore i quattro terminali di scarico sono inseriti in un componente che prova a simulare gli effetti di un diffusore, piuttosto curato nelle forme alle estremità, dietro le ruote posteriori, dove presenta aperture dedicate alla riduzione delle turbolenze generate dalla ruote stesse.

    Scontato attendersi un impianto frenante maggiorato, quello del muletto di anticipazione di Project 8 sembra montare dischi in acciaio, l’alternativa in materiale composito potrebbe rientrare tra le dotazioni a richiesta.

    Null’altro è dato sapere in questa fase, indizi interessantissimi su una proposta destinata a far parlare.