Jeep Compass 2017: prova su strada, prezzo, dimensioni e motori [FOTO]

Abbiamo effettuato una prova su strada a Lisbona della nuova Jeep Compass 2017. Di seguito le nostre opinioni, prezzo, consumi, motori, dimensioni e interni.

da , il

    Nuova prova su strada di AllaGuida.it: abbiamo avuto il piacere di effettuare un lungo test drive della nuova Jeep Compass 2017. Quando si pensa a brand particolari come Jeep è ovvio fare un collegamento con quello che è il DNA intrinseco dietro ogni prodotto. La passione e la specializzazione per l’offroad hanno fatto di questo marchio uno dei più importanti al mondo nel settore, ma ciò porta alla responsabilità di dover offrire sempre vetture che abbiano capacità fuoristradistiche di un certo livello. La nuova Jeep Compass 2017 che abbiamo provato su strada cerca di imporsi in modo vigoroso e prepotente nel segmento dei C-SUV, quelle interpretazioni di veicolo con una dimensione prossima ai 4 metri e 40 centimetri che tanto stanno spopolando negli ultimi anni. Tra le frecce al suo arco ci sono chiaramente la possibilità di abbandonare percorsi tracciati dall’asfalto per dedicarsi alla libertà di gironzolare in offroad, soprattutto con la versione Jeep Compass Trailhawk 2017. Ma andiamo con ordine alla nostra recensione, più prezzo e motori della Jeep Compass 2017.

    Jeep Compass 2017: Esterni che richiamano la Grand Cherokee

    Per stessa volontà di Jeep la nuova Compass si rifà in buona parte alla Jeep Grand Cherokee per quanto riguarda il look. L’anteriore è la zona che più somiglia alla grande della firma sotto l’egemonia di FCA, con non solo la griglia a sette feritoie verticali, un must presente su ogni Jeep e chiaro segno distintivo, ma anche la forma dei gruppi ottici. Questi sono stati pensati per darle un aspetto cattivo ma allo stesso tempo dinamico, come gli occhi di un rapace capace di fiondarsi immediatamente sulla preda senza mezzi termini. La linea del paraurti ha invece aiutato i designer a conferirle una larghezza percepita maggiore di quanto non lo sia in realtà – parliamo di 1.82 metri in totale -, che poi si raccorda con un fianco lungo il quale viene percepita esclusivamente una linea retta che collega i passaruota anteriori e posteriori, inglobando le maniglie lungo il cammino. Se poi ci mettiamo anche al posteriore si alternano linee squadrate con qualche morbidezza sparsa l’effetto potrebbe quasi essere assicurato. Di certo la somiglianza con la Grand Cherokee è forte, non possiamo negarlo.

    Compass 2017: Premium ma non troppo

    In buona approssimazione gli interni della nuova Jeep Compass 2017 hanno mutuato un mix di soluzioni viste e novità in senso stretto. Il display al centro della strumentazione è ampio, un 7 pollici, che però paradossalmente potrebbe essere affiancato da un 5 pollici dell’infotainment se viene scelta la versione base della gamma. Per chi è disposto a spendere di più invece, ci sono upgrade con sistemi che sfruttano display touchscreen da 7 o addirittura da 8.4 pollici, compatibili anche con Android Auto ed Apple Car Play, tutti posizionati al centro della plancia ed incorniciati dalle bocchette di areazione che fanno molto effetto “nuro e crudo”. Una politica commerciale già vista in FCA, che però può comunque vantare il sistema UConnect arrivato alla versione 4.0: molto interessante, sembra anche ben fatto e soprattutto user-friendly. Sparso per l’abitacolo però si alternano plastiche più economiche con plastiche dall’aspetto nettamente più premium come la cornice del selettore del cambio, anche colorate in base all’allestimento, ma qualche scricchiolio lo si avverte di tanto in tanto soprattutto nella zona del tunnel centrale e del bracciolo. Volante grande e rivestito in pelle sulla versione Jeep Compass Trailhawk che abbiamo provato, cosparso di comandi per gestire tutto il possibile e che alterna una buona sensazione al tocco della corona con una mediocre degli stessi pulsanti, un po’ inconsistenti alla pressione. Ad ogni modo uno degli aspetti più interessanti restano i sedili, provati nella versione a regolazione elettrica e con riscaldamento/ventilazione – gestibili dai comandi di un climatizzatore che sembrano essere stati posizionati in un modo del tutto casuale e poco intuitivo-, che con tanto di ricamo “Trailhawk” a contrasto sono ciò che più eleva lo status del nuovo SUV sfornato da Jeep.

    Jeep Compass 2017: Dimensioni da SUV di segmento C

    La volontà di Jeep è stata chiara al lancio della nuova Compass: aggredire un segmento in forte crescita. Quale? Pare ovvio che parliamo dei SUV di media grandezza, quelli che sembrano una normalissima hatchback di segmento C ma con le sospensioni con maggiore escursione e la posizione di guida rialzata. Questo ha portato quindi a produrre un’auto lunga leggermente meno di 4 metri e 40 centimetri, in linea con le dirette rivali, larga 1 metri e 82 centimetri ed alta quasi 1 metro e 67. Infatti non è bassa, si vede e lo si percepisce anche standoci a bordo. La piattaforma è quella della Renegade, una soluzione già ampiamente vista e che ha permesso al brand Jeep di totalizzare numeri ed una crescita che mai avrebbero immaginato dall’anno della fondazione (più o meno…), ma sono stati leggermente allungati il passo ed in parte gli sbalzi. Il risultato è anche un bagagliaio che arriva ad una capienza di 438 litri.

    Prova su strada del Compass diesel 170 cavalli

    Giusto per non farci mancare niente abbiamo provato la versione Jeep Compass Trailhawk con motore diesel 2.0 litri che porta a corredo la potenza di 170 cavalli, così come si abbina al cambio automatico a 9 rapporti che è diventato ormai un must all’interno di FCA. Basta metteri 30 secondi al volante della nuova Compass per capire che, di fatto, è una Jeep a tutti gli effetti. Con oneri e onori dal caso ovviamente, perchè con buona pace di chi ama le prestazioni velocistiche non c’è verso di guidare in modo affilato tra le curve, a causa di un rollio ben marcato. Ma d’altronde la Jeep non ha interesse a piazzarsi al vertice della categoria per precisione di guida quando si alza il ritmo, bensì vuole ovviamente dire la suo in fuoristrada. Ecco dunque che interviene il manettino del selettore di guida, che può optare per una funzionamento in automatico oppure per un fondo stradale preimpostato: Sand, Snow, Rock e Mud, rispettivamente per fondi sabbiosi, innevati, rocciosi e fangosi. Alla rotazione della leva l’auto capisce al volo che deve adeguarsi secondo dei parametri ben precisi, che passano dalla curva di erogazione del motore – che ad esempio in Snow non fa mai partire l’auto con la prima marcia ma sempre in seconda, per essere più dolce – fino alla ripartizione della coppia motrice sui due assi ed all’esclusione del controllo elettronico di stabilità. Sul lato superiore del manettino c’è poi la possibilità di inserire la trazione integrale, ovvia prerogativa quando lasciamo terreni asfaltati per strade più impervie, le marce ridotte e l’Hill Descent Control, che mantiene una velocità di 2 km/h in discesa autonomamente, per evitare che una velocità troppo alta costituisca un pericolo in fuoristrada. Ebbene tutto ciò che questa nuova Compass non concede agli sportivi lo ritratta abbondantemente con chi ama la natura incontaminata ed il raggiungerla con la propria auto. Con buoni angoli di attacco ed uscita è capace di superare tratti anche sufficientemente impervi e sconnessi, cosa che a volte potrebbe sorprendere data almeno l’estetica di questo modello. Invece no, con un po’ di attenzione si procede per la propria strada senza problemi, con la trazione integrale che lavora bene e ci ha permesso anche di superare tratti con una ruota completamente alzata da terra. Certo, ritornati su strada si torna a vivere con un impianto frenante che è dimensionato a filo e per il quale avremmo immaginato un mordente più forte, ma almeno il cambio assolve bene al suo lavoro ed in modo efficiente. Giusto nelle ripartenze più veloci pecca con uno strattone avvertibile, ma è proprio un voler cercare il pelo nell’uovo!

    Allestimenti e prezzi Jeep Compass 2017

    La Jeep Compass 2017 parte da un prezzo di 25.000 Euro, cifra che vuole stuzzicare non solo i fedelissimi al brand ma anche eventuali nuovi clienti e, soprattutto, punta ad posizionamento esattamente a metà strada tra l’offerta dei brand generalisti e quella dei brand premium.

    Benzina:

    Jeep Compass 1.4 Turbo MultiAir 140 cavalli Sport 25.000 Euro

    Jeep Compass 1.4 Turbo MultiAir 140 cavalli Longitude 26.500 Euro

    Jeep Compass 1.4 Turbo MultiAir 140 cavalli Limited 30.250 Euro

    Diesel:

    Jeep Compass 1.6 Multijet 120 cavalli Longitude 27.500 Euro

    Jeep Compass 1.6 Multijet 120 cavalli Limited 31.250 Euro

    Jeep Compass 2.0 Multijet 140 cavalli Longitude 4WD 32.000 Euro

    Jeep Compass 2.0 Multijet 140 cavalli Limited 4WD 35.750 Euro

    Jeep Compass 2.0 Multijet 140 cavalli Longitude 4WD automatica 34.000 Euro

    Jeep Compass 2.0 Multijet 140 cavalli Limited 4WD automatica 37.750 Euro

    Jeep Compass 2.0 Multijet 140 cavalli Opening Edition 4WD automatica 36.450 Euro

    Jeep Compass 2.0 Multijet 170 cavalli Limited 4WD automatica 39.750 Euro

    Per le versioni Business dedicate solo ai possessori di partita IVA bisogna aggiungere 2.000 Euro rispetto alle versioni in allestimento Longitude.