NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Jeep Grand Cherokee Trackhawk: SUV più potente del mondo monta l’Hellcat 6.2 V8 [FOTO]

Jeep Grand Cherokee Trackhawk: SUV più potente del mondo monta l’Hellcat 6.2 V8 [FOTO]

Il pazzesco Hellcat 6.2 litri V8 arriva sotto al cofano della Jeep Grand Cherokee Trackhawk 2017, il SUV più potente del mondo con 717 cavalli che fa diventare questa Jeep la più veloce di sempre.

    Svelata la nuovissima Jeep Grand Cherokee Trackhawk: il SUV più potente del mondo. La casa americana ha deciso di battezzare come “Trackhawk” la nuova belva da pista, nonchè sport utility ad altissime prestazioni. Rappresenta di diritto il nuovo top di gamma, posizione prima d’oggi occupata dalla ben più tranquilla SRT8. Definire tranquilla una Grand Cherokee SRT8, che monta il 6.4 litri V8 HEMI da 468 cavalli può sembrare ridicolo, ma non lo è affatto se teniamo presente cosa hanno pensato quelli di Jeep per il nuovo modello. I “cuochi” americani hanno per la loro ricetta hanno usato un ingrediente davvero esclusivo, ossia il motore Hellcat 6.2 litri V8 sovralimentato da 717 cavalli, che ha già fatto il suo debutto ufficiale sulla Dodge Charger SRT Hellcat, la berlina a quattro porte più potente al mondo.

    Svelata ufficialmente da Jeep al Salone di New York 2017, era dal 2015 che si parlava dell’arrivo di questa versione ad altissime prestazioni, ma finalmente l’attesa è finita. Grazie al suo motore 6.2 litri vù-otto sovralimentato con compressore volumetrico da 717 cavalli e ben 880 Nm di coppia, la Trackhawk 2017 è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in circa 3,6 secondi (la casa dichiara uno 0-96 km/h – il classico 0-60 miglia orarie – in 3,5 secondi) e può raggiungere una velocità massima di 289 km/h (ma il tachimetro segna fino a 320 km/h…). Numeri spaventosi se pensiamo che stiamo parlando di un SUV di 485 centimetri di lunghezza, con un peso nell’ordine delle due tonnellate e mezza. A livello estetico, poi, è ancora più esclusiva ed aggressiva rispetto all’odierna SRT8, con un body kit specifico, grossi cerchi in lega ed un assetto ribassato. Il paraurti frontale sfoggia enormi prese d’aria, che chiariscono subito gli intenti corsaioli del modello. Dietro, invece, a regalare tanta aggressività sono i quattro terminali di scarico bruniti. Stesso discorso anche per gli interni, impreziositi da sedili sportivi in pelle, plancia e pannelli porta in pelle, finiture in fibra di carbonio e barre battitacco con la scritta “Supercharged”. Sulla razza inferiore del volante spicca anche il logo “Trackhawk”. Non manca, ovviamente, anche un sistema multimediale di ultima generazione con display touchscreen da 8,4 pollici, compatibilità con Apple CarPlay ed Android Auto ed una serie di funzionalità specifiche per monitorare il settaggio e le performance del veicolo.

    LEGGI ANCHE: Dodge Charger SRT Hellcat: 6.2 V8 per la berlina 4 porte più potente al mondo [FOTO]

    Logicamente, per gli ingegneri americani non si è trattato solamente di mettere un motore incredibile sotto al cofano della Grand Cherokee. Ad esempio il cambio è un automatico ad otto marce TorqueFlite, specificamente settato per offrire in ogni condizione la cambiata ottimale. Diventa più o meno fulmineo nei passaggi di marcia a seconda dell’andatura e delle intenzioni del guidatore: pensate che in modalità “Track”, si passa da una marcia all’altra in appena 160 millisecondi.

    L’assetto è tutto nuovo, con ammortizzatori adattivi della Bilstein, mentre per frenare questa bestia si è puntato sull’impianto frenante marchiato Brembo, con dischi da 40 cm all’anteriore (i più grandi mai montati su di una Jeep!) e da 38 cm al posteriore, mentre le pinze sono a sei pistoncini davanti e a quattro pistoncini dietro. Il risultato è decisamente performante, considerando il valore dichiarato dalla casa: da 100 a 0 km/h in meno di 35 metri.

    Diverse modalità di guida possono essere selezionate tramite il selettore Select-Track: Auto, Sport, Track, Tow e Snow.

    Dovete prestare la macchina ed avete paura di fare usare a qualcun altro tutti questi cavalli? Niente paura, in Jeep hanno pensato a tutto. Esiste una modalità “Valet” che limita cavalli, coppia, giri del motore, disattiva il launch control, inserisce l’ESC e disabilita i paddles al volante. Infine il prezzo: si parte da circa 85.000 dollari, più o meno 80.000 euro al cambio attuale.

    A questo punto sembra plausibile che in futuro il marchio Jeep abbia in mente di dedicare spazio anche alle versioni sportive dei suoi 4×4. Alcuni rumors parlano anche del potenziale arrivo della nuova Jeep Renegade Trackhawk, che potrebbe condividere la stessa ossatura meccanica dell’Abarth 500X.

    LEGGI ANCHE: Jeep Renegade Trackhawk: via libera alla versione sportiva del piccolo SUV [FOTO]

    850

    PIÙ POPOLARI