Motor Show Bologna 2016

Kia Optima Sportswagon: prova su strada, scheda tecnica, prezzi [FOTO]

Kia Optima Sportswagon: prova su strada, scheda tecnica, prezzi [FOTO]

    La Kia Optima Sportswagon è sbarcata in Italia e cerca subito di andare incontro alle esigenze più diverse. In questa prova su strada abbiamo visto da vicino la nuova vettura coreana di segmento D, commercializzata per la prima volta anche nel nostro Paese. Design, ricchezza di equipaggiamenti, tecnologia sofisticata: la Optima ha le carte in regola per dire la sua in un segmento di mercato difficile ma sempre importante. Entriamo quindi nel dettaglio di questa prova, in cui accenneremo anche alla berlina ibrida plug-in, la Kia Optima PHEV.

    Kia Optima 3

    Le linee della Kia Optima Sportswagon provengono dal concept Sportspace, mostrato nel 2015 a Ginevra. Il look è marcatamente sportiveggiante, da qui il nome Sportwagon. All’anteriore la celebre griglia “tiger nose” sulla calandra è sottile e va a congiungersi ai gruppi ottici in un’ideale linea continua. Nella zona del paraurti le prese d’aria laterali a triangolo rovesciato cromate con due fregi centrali contribuiscono a creare un’immagine dinamica, completata dall’altro elemento decorativo cromato che percorre orizzontalmente il paraurti. La vista di profilo accentua l’aspetto sportivo. Lo sbalzo anteriore molto corto “allunga” la vettura, il disegno dei cerchi in lega è decisamente grintoso; una mascherina cromata subito sotto il cofano richiama suggestioni da pista; la linea di cintura alta e il tetto spiovente raccordato allo spoiler, oltre al lunotto inclinato, accentuano l’idea di sportività. La cromatura alla base della carrozzeria aggiunge un tocco di eleganza. Passando alla coda, l’immagine decisa è accentuata dai gruppi ottici sottili a trapezio rovesciato, dai doppi scarichi ovali e dalla decorazione nel paraurti che richiama la forma di un estrattore aerodinamico. La berlina ibrida plug-in assume un aspetto ancora più sportivo grazie alla forma della coda tradizionale, in cui il tetto forma una linea curva dolce ma molto angolata, per congiungersi alla coda senza interruzioni. Davanti ci sono delle leggere differenze al paraurti, in particolare nelle prese d’aria. Nella coda le differenze sono importanti, forma a parte; i fanali sono molto allungati, mentre la zona paraurti presenta degli eleganti incavi.

    Kia Optima 2

    La Kia Optima Sportswagon ha dimensioni piuttosto compatte per essere una station di segmento D. La lunghezza è infatti di 4.855 millimetri; il passo è ampio, 2.805 mm; la larghezza è di 1.860 mm, l’altezza di 1.470 mm (1.460 la GT); l’altezza da terra è di 135 mm (125 la GT). Le dimensioni della berlina sono identiche, a parte i 5 mm di altezza in più della Sportswagon per le barre sul tetto. Per quanto riguarda le masse, la Sportswagon 1.7 CRDi pesa 1.545 Kg col cambio manuale e 1.560 con l’automatico. La Sportswagon GT pesa 1.605 Kg. La Optima PHEV, cioè la berlina ibrida plug-in, pesa 1.705 Kg. Kia Optima 15a Per quanto riguarda il bagagliaio della Sportswagon, troviamo un volume minimo di carico, cioè in configurazione a cinque posti, di ben 552 litri; il volume massimo a sedili posteriori abbattuti arriva a 1.686 litri, siamo a livelli molto elevati. La classica conformazione 40-20-40 per l’abbattimento dei sedili posteriori rende molto versatile la macchina, in particolare la soglia di carico molto bassa, le guide regolabili per il fissaggio del carico e anche l’apertura automatica del portellone, se ci si avvicina tenendo la smart key in tasca.

    Kia Optima 15c

    Le Kia degli ultimi anni ci hanno abituati a trovare sempre interni molto curati e completi. La Optima Sportswagon non fa eccezione. Nell’allestimento GT Line ci sono degli ottimi rivestimenti in pelle nera con doppie cuciture rosse, anche qui per sottolineare il look sportivo. La sportiva GT invece sfoggia una pelle rossa tipica di ben altra categoria di prezzo. Tornando alla GT Line, il nero decora anche la plancia e i pannelli delle portiere. Il materiale è di tipo soft touch, morbido e piacevole. La postazione di guida è molto ergonomica, la posizione si trova in un attimo, grazie anche alle regolazioni elettriche in 8 posizioni, di serie anche nell’allestimento di partenza Class. Il navigatore con touchscreen da 7 pollici è di serie anche su Class, insieme ai sistemi di mirroring per gli smartphone Apple CarPlay e Android Auto; GT Line aggiunge anche la sciccheria dell’impianto audio Harman Kardon a 10 altoparlanti e 490 watt di potenza, oltre alla radio digitale DAB. Non manca nemmeno la ricarica wireless per i cellulari e tablet compatibili. L’allestimento GT Line, dove il cambio è l’automatico DCT a doppia frizione, comprende anche i paddles al volante. Esso è in pelle, ovviamente multifunzione. Il comfort della vettura è di alta qualità, si sta seduti molto comodamente anche dietro.

    Kia Optima 15b

    La Kia Optima Sportswagon viene proposta in due motorizzazioni. Il solido turbodiesel 1.7 CRDi eroga 141 cavalli a 4.000 giri e 340 Newton metri di coppia massima fra 1.750 e 2.500 giri. Nell’allestimento Class è abbinato ad un cambio manuale a 6 marce, mentre nel GT Line ha l’eccellente cambio automatico DCT a doppia frizione e sette marce. Chi ama le prestazioni può scegliere la Kia Optima Sportswagon GT che fa sfoggio di un potente motore a benzina 2.0 turbo T-GDI da ben 245 cavalli a 6.000 giri e 353 Nm di coppia fra 1.350 e 4.000 giri. Qui c’è un cambio automatico a 6 rapporti con convertitore di coppia. I consumi dichiarati dalla casa, riferiti ai test Nedc sul ciclo combinato: 4.4 litri per 100 Km per la 1.7 CRDi manuale e 4.6 per l’automatica; 8.2 l/100 Km per la GT. Riguardo alle prestazioni, la CRDi manuale accelera da 0 a 100 Km/h in 10.2 secondi e l’automatica in 11.1; la GT stacca 7.6 secondi. Velocità massima di 200 Km/h per entrambe le CRDi e 232 per la GT. Soffermiamoci sulla Kia Optima PHEV, la berlina ibrida plug-in. Il motore a benzina 2.0 aspirato ha 156 cavalli. Il motore elettrico ne eroga 68. La potenza massima combinata disponibile è di 205 cavalli, la coppia combinata è di 375 Newton metri. Il pacco batterie che alimenta il motore elettrico ha una capacità di 9.8 kilowattora. La trasmissione automatica ha sei rapporti. Accelera sullo 0-100 in 9.4 secondi e ha una velocità massima di 192 Km/h. Il consumo dichiarato sul ciclo combinato, calcolato con ruote da 17 pollici, è di 1.6 litri per 100 Km, cioè 5.3 sui percorsi extraurbani e 0 in città, dove si usa solo il motore elettrico. In modalità solo elettrica la vettura ha un’autonomia massima di 54 Km. Nel 2017 anche l’ibrida sarà disponibile in versione Sportswagon. La tecnologia di sicurezza della Kia Optima è abbondante. Troviamo tutti i dispositivi più moderni: frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedone (AEB); controllo della velocità di crociera e della distanza di sicurezza; mantenimento della corsia; regolazione automatica proiettori; indicazione limiti di velocità; monitoraggio angolo cieco; avviso traffico in attraversamento durante le manovre in retromarcia. In particolare l’AEB si avvale di due radar di diversa portata. Funziona e riconosce un pedone tra 8 e 60 Km/h. Infine la GT dispone di sospensioni a controllo elettronico.

    Kia Optima prova

    Sulla Kia Optima Sportswagon si viaggia molto bene. Fa tutto quello che deve nella massima praticità, il comfort è assoluto ed è anche una bella auto da vedere, il che non guasta mai. La 1.7 CRDi è un ottimo strumento di lavoro. Le lunghe percorrenze non saranno mai un problema, tale è la comodità. Questa macchina offre anche un elevato grado di sicurezza, incertezze non ce ne sono nella guida di tutti i giorni. La precisione dello sterzo elettrico è molto alta; le manovre si eseguono in totale scioltezza, grazie anche alla retrocamera di serie. E’ una maratoneta, non una sprinter, sebbene non sia certo priva di spunto, in particolare se si sceglie il cambio a doppia frizione. Per il divertimento ci si deve orientare sulla GT, dove la storia è completamente diversa. Qui si fa quello che si vuole, i cavalli sono maledettamente abbondanti, tenuta e freni di prim’ordine. Due parole anche sull’ibrida plug-in. E’ bello muoversi in città nel silenzio più totale, senza consumare una sola goccia di benzina. Ma quando serve lo scatto, la coppia combinata dei due motori spinge meglio di un diesel. E’ anche ben zavorrata, le batterie sotto il pianale aggiungono stabilità. Mantiene anche una certa agilità, nonostante i 160 Kg in più rispetto alla CRDi. Per chi si sta orientando ad alimentazioni di questo tipo, certamente la Optima è da tenere in considerazione.

    Kia Optima prova2

    Cominciamo dalla Kia Optima berlina 1.7 CRDi. Allestimento unico, Class. L’equipaggiamento di serie è sterminato. Segnaliamo: Stop&Go (cioè lo start/stop), cerchi in lega da 17 pollici, climatizzatore automatico bizona con ionizzatore, luci diurne a Led anteriori, Kia Navigation system con schermo da 7 pollici e retrocamera; esso comprende 7 anni di aggiornamenti gratuiti per le mappe e le informazioni di TomTom su traffico, meteo e autovelox. Proseguiamo nell’equipaggiamento di serie: Lane Keeping Assist, regolazioni elettriche e supporto lombare sedile guida, rilevamento automatico limiti velocità. Il prezzo di listino è di 29.500 euro. Il cambio è manuale, si può avere come optional il DCT per 2.000 euro. La Optima PHEV, anch’essa in allestimento unico, costa 44.000 euro. Passiamo alla Optima Sportswagon. Versioni Class, GT Line e GT. La GT Line aggiunge a Class parecchie cose, fra cui: sedili in pelle, pedaliera in alluminio, audio Harman Kardon e radio DAB, vetri oscurati, fari posteriori a Led, tetto panoramico, volante e sedili anteriori riscaldabili, ricarica wireless cellulare, portellone ad apertura intelligente, fari allo xeno autolivellanti, cerchi da 18 pollici. La GT, motore a parte, aggiunge di serie ulteriori equipaggiamenti importanti, fra i quali: Around View Monitor, frenata AEB, monitoraggio angolo cieco, cerchi da 19 pollici, pinze freni rosse, fari anteriori a Led autolivellanti, Rear Cross Traffic Alert, Smart Cruise Control, sospensioni elettroniche. I prezzi di listino chiavi in mano della Kia Optima Sportswagon: Class 30.500 euro; GT Line 37.500 euro; GT 45.000 euro. Fino al 31 dicembre 2016 c’è un’offerta di lancio del valore di 5.000 euro di vantaggio cliente. Come per ogni Kia, anche nella Optima è inclusa nel prezzo una garanzia di 7 anni o 150.000 Km.

    1912

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI