Kit riparazione gomme auto: prezzo e come funziona

C'era una volta la ruota di scorta, oggi invece le case scelgono sempre di più il kit di riparazione degli pneumatici auto. Scopriamo come si usa questo alleato per le piccole forature.

da , il

    Sempre più case scelgono di dotare le proprie auto del kit di riparazione degli pneumatici auto. I perché di questa scelta sono numerosi: è meno ingombrante (si recupera quindi spazio nel classico vano della ruota di scorta), pesa di meno (quindi si riducono i consumi e le emissioni) e soprattutto costa di meno. Solo pregi, quindi? In realtà i suoi difetti non sono certo un mistero: tanto per cominciare è un alleato solo per le piccole forature, perché se la gomma è particolarmente squarciata non può fare niente. E poi non è proprio semplicissimo da usare, ecco perchè in questo articolo vi vogliamo dare qualche consiglio proprio per come utilizzare al meglio questo oggetto.

    Nella malaugurata ipotesi di una foratura, la prima cosa da fare è accostare in una zona sicura ed ampia, in cui possiamo armeggiare attorno all’auto in completa sicurezza e senza alcun tipo di impedimento. Fatto questo, apriamo il portabagagli e cerchiamo il kit di riparazione delle gomme, che il più delle volte è sotto alla moquette, nel classico vano dove veniva messa la ruota di scorta un tempo. Come potrete notare il kit in sè è composto solo da due oggetti: il compressore ed una bomboletta di materiale schiumoso/gommoso. Il compressore andrà collegato alla presa dell’accendisigari dell’auto, mentre il mezzo andrà mantenuto con il motore acceso per poter garantire la classica tensione di corrente da 12V.

    Successivamente dobbiamo svitare la bomboletta e collegarla all’apposito ugello del compressore. Il compressore andrà, poi, collegato alla valvola della ruota forata e messo in funzione. Grazie all’iniezione di aria compressa e schiuma all’interno della gomma, i piccoli fori vengono quindi chiusi e provvisoriamente riparati. La riparazione sarà del tutto ultimata quando la pressione dello pneumatico torna quella prevista dal costruttore. È buona norma, poi, controllare periodicamente la pressione della gomma riparata, magari ad intervalli di 20 minuti. Questo perchè una riparazione come questa è solo momentanea e serve a farci raggiungere comodamente un gommista: non si tratta di niente di definitivo, fate attenzione!

    Se siete comunque previdenti, il nostro consiglio è di scegliere l’optional della ruota di scorta o del ruotino al momento dell’acquisto della vettura. Può evitarvi spiacevoli sorprese in futuro…