NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

L’ Auto cinese…. sempre più conveniente

L’ Auto cinese…. sempre più conveniente
da in Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    CINA

    Per l’industria europea sarà forse un problema in più, ma per il singolo automobilista, potrebbe essere una vera e propria goduria, l’industria automobilistica cinese, secondo il Centro di monitoraggio internazionale, diminuisce i prezzi delle sue vetture, tou court, del 3% .

    Il motivo di tale decisione, secondo il National Development and Reform Commission (NDRC), l’Ente d’osservazione dei mercati globali, sarebbe da ricondursi all’eccessiva produzione di auto da parte dell’industria cinese e dalla diminuzione del prezzo dell’acciaio.

    C’è da dire anche, che tale ritocco in basso dei prezzi, non dovrebbe arrecare alcun danno di natura economica alla Nazione della Grande Muraglia, se solo si considera l’iperproduzione di vetture che sforna, annualmente, l’industria locale, ben otto milioni di veicoli l’anno, con un esubero di produzione di oltre due milioni di vetture che, nonostante tutto, non sempre riescono ad essere vendute nei modi e nei tempi prefissati.

    C’è anche da sottolineare che, nei prossimi anni, potremmo assistere ad un vero e proprio boom di auto cinesi anche nel nostro Continente, non solo perché vendute a prezzi da Hard Discount, quanto invece per il riconoscimento che andrà dato a queste vetture per gli sforzi dell’industria cinese nel limitare l’impatto ambientale delle proprie auto, attuando una saggia politica che combatta i consumi e che limiti al massimo le emissioni inquinanti. La direttiva che risponderà appieno a tali requisiti, approvata dal governo di Pechino, si rifletterà, entro il ‘2010, in un prodotto sicuro, pochissimo inquinante e riciclabile oltre l’80%, che diventerà, entro il 2017, di ben oltre il 95% . Una politica che oltre a diminuire sensibilmente lo smog delle grandi metropoli cinesi, attualmente attanagliate da questo grave problema, aprirà non più spiragli, verso l’occidente, ma veri e propri varchi dove l’auto, made in China, potrebbe avere il sopravvento su tutte le altre.

    Uno spauracchio in più per le Nazioni progredite che si vedranno soprafatte da questa ondata di vetture proveniente dall’Asia e che potrebbe produrre dissesti all’economie locali. Ma il dato dover far riflettere; se è vero che colossi industriali occidentali si dovranno confrontare con nuovi giganti asiatici, vero è anche, che, mai come adesso, abbiamo qualcosa da imparare anche dai gruppi emergenti.

    397

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo auto
    PIÙ POPOLARI