Salone di Parigi 2016

La classifica delle 10 auto più veloci al mondo

La classifica delle 10 auto più veloci al mondo
da in Auto sportive, Classifiche auto, Concept Car, Curiosità Auto
Ultimo aggiornamento: Giovedì 07/01/2016 15:18

    Uno degli argomenti cult per gli amanti dell’automobilismo ruota attorno alle auto più veloci del mondo. E non c’è mica da stupirsi. La velocità è da sempre un elemento di grande fascino agli occhi dei drivers, ma anche dei semplici appassionati. La scarica d’adrenalina che viene sprigionata da una supercar è in grado di investire non solo il pilota, ma anche chi la guarda dall’esterno. Non a caso la lunga saga di “The Fast and The Furious” sbanca puntualmente i botteghini. Attualmente il panorama automobilistico mondiale può contare su svariati bolidi in grado di spingersi oltre la spropositata soglia dei 400 km/h. All’interno di questa elite figurano però ben 10 vetture capaci di battere qualunque record. Vediamo di scoprire quali sono.

    Melling Hellcat

    Melling Hellcat

    Velocità massima: 440 km/h. La Melling Hellcat nasce dall’estro di Al Melling, noto ingegnere col pallino della velocità. Questa supercar, ormai fuori produzione, fu progettata allo scopo di diventare l’auto omologata più veloce al mondo. A tal fine venne equipaggiata da un possente motore 6 litri V10 in grado di generare 1175 cv. Stando al business plan, la ditta avrebbe dovuto produrre tra le 20 e le 30 auto all’anno. Tuttavia il progetto fini per arenarsi nel medio termine, al punto che la Hellcat è solo un lontano ricordo.

    Mallett Halltech Corvette C5

    Mallett Halltech Corvette C5

    Velocità massima: 442,5 km/h. Tra il 2003 e il 2005 brillò la luce di una nuova vettura all’interno del firmamento delle supercar. Si trattava della Corvette C5, progettata dalla Mallet Halltech per battere qualunque record di velocità. Il noto costruttore del Winsconsin munì l’auto di un grintoso motore da 6300 cc, tale da sprigionare una potenza massima di 1000 cv. I risultati, ovviamente, furono straordinari: da 0 a 100 km/h in 1,4 secondi e oltre 275 miglia orarie di velocità di punta.

    SSC Tuatara

    SSC Tuatara

    Velocità massima: 443 km/h. A differenza delle auto passate in rassegna in precedenza la SSC Tuatara è da poco sbarcata in produzione. Si presenta al pubblico in qualità di supercar del futuro, come testimoniato dall’avveniristico profilo estetico. Nel cuore dell’auto romba un motore 6,9 litri V8 da 1350 hp. L’accelerazione è bruciante, e prevede un passaggio da 0 a 100 km/h in 2,3. La trasmissione, a sette marce, può essere manuale o semi-automatica.

    Norwood P4 288 GTO “Cavallo Volante”

    Norwood P4 288 GTO

    Velocità massima: 443,21 km/h. Una Ferrari da record in salsa vintage. Non ci sono parole migliori per definire questa supercar d’annata. Quasi trent’anni fa il preparatore P4 by Norwood ha trasformato una Ferrari 288 GTO in un autentico bolide spinto da un V8 General Motors e dotato di due turbine Borg Warner da 800mm. L’auto non ha mai visto le piste ufficiali. Il record relativo alla velocità massima fu registrato nel lago salato di Bonneville, dove l’auto raggiunse il picco massimo nel doppio rilevamento andata/ritorno.

    Auster Racing TVR Phoenix Project

    Auster Racing TVR Phoenix Project

    Velocità massima: 444 km/h. Una TVR Cerbera è di per se un’auto parecchio prestante. Se poi la si affida alle sapienti mani della scuderia “Auster Racing” il risultato è ancor più scoppiettante. Nello specifico questa supercar, datata 2006, ha goduto di alcuni interventi sostanziali. Il motore è staro rifatto, e la cilindrata è stata aumentata a 6 litri e sono stati aggiunti un nuovo basamento e nuove teste. Senza contare la sovralimentazione da film hollywoodiano, forte del compressore centrifugo e protossido d’azoto (più conosciuto con la sigla NOS).

    RSC (Rotary Super Cars) Predator GT-RSR

    RSC (Rotary Super Cars) Predator GT RSR

    Velocità massima: 455,43 km/h. Si è fatto un gran parlare di quest’auto, al punto che a due anni dalla presentazione alla stampa il progetto è ancora sospeso tra reltà e leggenda. La Predator GT-RSR nasce nelle officine teutoniche di Francoforte Sul Meno. Capace di una bruciante accelerazione da 0 a 100 km/h in tre secondi, la vettura in questione ha una cilindrata di 2600 cc e una potenza massima stimata su 1200 cv.

    (PPR) Performance Power Racing Ford BADD GT

    (PPR) Performance Power Racing Ford BADD GT

    Velocità massima: 455,8 km/h. Dall’incontro tra la scuderia Performance Power Racing e una Ford GT ha avuto origine questa invidiabile supercar. Quest’auto è stata sviluppata nel 2006 ed è riuscita a conquistare anche un guinness world record relativo alla velocità massima con partenza da fermo. Il prestigioso traguardo è stato raggiunto dal pilota Johnny Bohmer durante un test al Kennedy Space Center a Cape Canaveral.

    Audi R-Zero

    Audi R Zero

    Velocità massima: 460,2 km/h. Un autentico bolide teutonico nato dall’estro dell’ingegner Frank Levivier. Quattro motori elettrici per 1091 cavalli e quasi 2.000 Nm di coppia massima. Questi i dati che rendono la R-Zero un esempio per le nuove frontiere della mobilità. Nello specifico il progetto in questione ridisegna totalmente il concetto di supercar, oltrepassando di fatto la concezione classica dei prototipi da sempre legata all’onnipresenza del motore termico.

    Walley Larson LE1 Groundfighter

    Walley Larson LE1 Groundfighter

    Velocità massima: 490 km/h. A ben guardarla sembra uscita da un cartone della Pixar. Eppure quest’auto, progettata nel 2001, è un’autentico prototipo da urlo, doatati di 2.000 cavalli e e di una velocità massima che va a sfiorare la fantascientifica quota di 500 km/h. La coppia massima è di 2.025 Nm, mentre l’accelerazione da 0 a 100 si attesta sui 2,2 secondi.

    Mosler MT900 GTR XX IAD “The Land Shark”

    Mosler MT900 GTR XX IAD

    Velocità massima: 491 km/h. Un’auto al di sopra di ogni record, nata dalla Mosler MT900 GTR e dotata di un propulsore con cilindrata pari a 6781. Il prodigioso motore V8 a 90° conta su parti in carbonio, titanio e alluminio ed in grado di erogare una potenza pari a 2500 cavalli. Nello scatto da 0 a 100 km/h la vettura in questione ha fatto fermare il cronometro a 3,1 secondi.

    1261

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI