La Fiat estende il proprio dominio anche in Russia

da , il

    La Fiat nel passato è stata già presente, con la "nostra" 124 a Togliattigrad, in Russia, adesso la presenza dell'industria italiana potrebbe persino estendersi ancora di più

    Che Fiat intenda estendere il proprio dominio ancor più in tutto il mondo, lo si sa già, che intenda farlo, oltre che in India ed in Cina, adesso anche in Russia, lo si sapeva un po? meno.

    E quello russo, dovrebbe essere un vero boom, così come ci segnala uno studio della PricewaterhouseCoopers, ipotizzando, per il 2011, che il mercato della ex Unione Sovietica,diventi leader in quello europeo.

    Il dato è riferito anche in osservazione del fatto che la Russia, già dal prossimo anno, avrà una sua presenza di quasi 2 milioni e mezzo di auto vendute, prima di Francia e Italia nel 2009, a riprova che la Russia si voglia confermare nel suo ruolo importante nel settore auto, lo conferma l?altro dato secondo il quale, Autovaz, sia in trattativa con la Magna, produttore canadese, con un investimento complessivo, in Russia, pari a 1,7 miliardi di dollari, ciò al fine di impiantare attrezzature costituite da catene di montaggio, insieme ad altri macchinari, volti alla realizzazione, a Togliattigrad, di una vettura appartenente al segmento C, insieme ad una berlina di alta classe.

    E proprio su queste vetture si vedrà la ?longa manu? di Fiat che dovrebbe fornire i motori, almeno per quella appartenente al segmento C, per l?altra non ci sono notizie ufficiali, con l?offerta di un propulsore di 1.300 cc. diesel e 1.400 cc. di cilindrata, benzina.

    Una sorta di joint-venture che vedrà la Casa torinese impegnata, direttamente, con Autovaz .