Lancia ai cinesi: GAC interessata all’acquisto?

Un'ipotesi arriva da un giornale brasiliano e vede possibile la cessione di Lancia ai cinesi della GAC.

da , il

    Lancia ai cinesi, GAC interessata all’acquisto? A dare la notizia è stato il giornale brasiliano “Diario do Comercio”, secondo il quale il colosso cinese GAC, già partner del gruppo FCA, sarebbe interessato ad acquisire il brand Lancia. Attualmente i due gruppi sono partner per quanto riguarda una joint-venture per la produzione di vetture FCA in Cina, negli stabilimenti di Changsha e Guangzhou. Quindi non c’è ufficialità dietro a questa notizia, ma ci sono diversi indizi che hanno portato alla formulazione di questa ipotesi. In primo luogo la volontà di espansione da parte di GAC, un marchio che in Europa è praticamente sconosciuto, ma che in Cina non lo è affatto. Già in Sudamerica l’espansione del marchio cinese si è avviata, mentre per quanto riguarda l’Europa il discorso si fa più complicato.

    Complicato perchè i clienti europei sono diffidenti verso le auto cinesi e, soprattutto, verso i marchi a loro sconosciuti. Con un eventuale acquisto del marchio Lancia, invece, si potrebbe accedere al mercato del Vecchio Continente con un nome già noto, anche se ultimamente un po’ uscito di scena e relegato ad un listino composto da un solo modello, la Lancia Ypsilon. C’è, addirittura, chi ha avanzato l’ipotesi di un’acquisizione di tutto il gruppo FCA da parte di GAC, ma l’ipotesi non ci sembra particolarmente realistica.

    In un contesto in cui il gruppo FCA, attualmente, non ha fondi da destinare ad un investimento ad alto margine di rischio come il rilancio di Lancia, tutto questo discorso si fa decisamente realistico. In più occasioni Sergio Marchionne, CEO del gruppo FCA, ha dichiarato che le risorse del gruppo italo-americano siano attualmente destinate al rilancio del marchio Alfa Romeo ed al potenziamento del brand Jeep.

    A questo punto ci torna subito alla mente un caso simile accaduto qualche anno fa. Geely qualche anno fa ha rilevato il marchio Volvo, all’epoca di proprietà della Ford, in un momento poco florido per il costruttore svedese. Erano in molti a vedere la fine di un marchio storico come Volvo, ma in realtà tutte queste paure si sono rivelate prive di fondamento. Ed il successo del rilancio del marchio Volvo è stato reso possibile grazie alla lungimiranza della Geely, che ha mantenuto gli uffici e il reparto di ricerca e sviluppo della Volvo e si è unicamente limitata a fornire il capitale necessario per la realizzazione dei nuovi progetti.

    LEGGI ANCHE: Lancia Ypsilon 2016: prova su strada del Multijet, dimensioni e prezzo [FOTO e VIDEO]

    Certo, il marchio Lancia è ben diverso rispetto a Volvo. Non tanto in termini di blasone del marchio (anche se in alcuni paesi europei Lancia è sinonimo di vettura poco affidabile), quanto in termini di gamma e di strutture. Della gamma abbiamo già detto, ma dobbiamo aggiungere che la Lancia non ha una rete di concessionarie proprie, ma si appoggia a quelle del gruppo FCA. Allo stesso modo non ha fabbriche o centri di R&D. Di conseguenza un’operazione come quella della Volvo non sarebbe esattamente replicabile.

    Una ragione per la quale FCA potrebbe non voler, invece, vendere il marchio Lancia potrebbe essere quella di evitare di avere un ulteriore rivale sul mercato. Se effettivamente la GAC comprasse Lancia e creasse una nuova gamma, a quel punto potrebbe esserci un rivale in più per le Fiat, Alfa Romeo e Jeep in Europa.