Lancia Delta: donata un auto al maestro Ennio Morricone

da , il

    Lancia Delta

    Basta guardare soltanto qualche film relativo alla commedia italiana per assistere contestualmente all?immancabile, commento musicale di Ennio Morricone, il grande direttore d?orchestra che ha prestato sovente al cinema la magia della propria musica, oltre ad affermarsi nei suoi numerosi concerti al punto di diventare esso stesso, un?icona storica nel suo ambito, una sorta di made in Italy artistico di impareggiabile valore, al quale contrapporre un altro made in Italy, ma stavolta industriale, quello della Lancia con la ?sua? Delta.

    La vettura che ha spopolato in fatto di consensi e approvazione da parte del mercato al suo debutto, è stata donata dal brand Lancia al grande Maestro Morricone nel modello 1.600 Multijet da 120 cavalli di potenza, versione Platino in una cerimonia tenutasi a Roma presso il Lancia Center in Viale Manzoni,67.

    Come è ovvio che fosse non mancavano le ?Autorità? della Casa automobilistica ad assistere al toccante evento, Oliver Francoise, amministratore delegato Lancia, Luca Albergoni, District Manager dell?Area Lancia di Roma ed infine, Giovanni Matranga, amministratore delegato della Fiat Auto Vendita Enti Pubblici.

    Occorre ricordare che per Ennio Morricone la Delta era tutt?altro che sconosciuta, si pensi soltanto alla colonna sonora dello spot pubblicitario in cui un altrettanto grande artista come Richard Gere ha prestato la propria opera per la realizzazione del filmato che ha girato il mondo e che ha finito persino per creare un quasi incidente diplomatico fra la Fiat e la Cina per la posizione, involontariamente assunta dalla Casa torinese nei confronti dei monaci tibetani.

    Durante la cerimonia di consegna della vettura, visibilmente emozionato il Maestro Morricone ha espresso parole di encomio verso l?auto appena donatagli complimentandosi per la risalita del Gruppo Fiat in un momento storico come quello attuale per tutta l?industria nazionale e per la stessa economia italiana.