L’auto sul tetto che… scotta!

Che ci fa quell'auto lì su?

da , il

    Auto sul tetto

    Potrebbe sembrare una riuscita campagna pubblicitaria e, invece, sembrerebbe più probabile che il gesto sia da attribuirsi ad un gruppo di buontemponi in vena di goliardate.

    In una scuola di prima mattina un’auto era stata parcheggiata in maniera impeccabile sul tetto dell’edificio mandando su tutte le furie il preside dell’istituto. Sulle prime, il funzionario scolastico, non credeva ai suoi occhi, poi ha minacciato tutti sperando di ricavare da qualcuno la confessione sul modo con cui era riuscito nell’intento, alla fine, null’altro gli restava da fare che imprecare e chiamare la Polizia.

    Resta tuttavia il mistero anche per le Forze dell’Ordine, prontamente intervenute, sia sul proprietario del veicolo, destinato a rimanere sconosciuto, visto che l’auto era priva di targhe e poi sulle modalità seguite dagli autori del singolare gesto, per far giungere fin lassù l’auto “incriminata”.

    Le ipotesi sono tante, una di queste, per esempio, è quella di credere che l’auto sia stata smontata e rimontata sul posto, ma sembrerebbe una probabilità remota, vista la difficoltà che una tale procedura avrebbe comportato. Un’altra che sia stata adagiata da un elicottero, ma anche questa è un’idea pazzesca, molto più probabilmente è stata fatta salire mediante l’utilizzo di alcune rampe di legno.

    Il motivo della bravata? Chi lo sa, forse sperare in quello che poi è davvero successo; creare il caso e fare notizia e non si può dire che gli autori non ci siano davvero riusciti.