Salone di Parigi 2016

Le dieci moto più belle di EICMA 2015 [FOTO]

Le dieci moto più belle di EICMA 2015 [FOTO]

    EICMA 2015 ha portato con sé un gran numero di pubblico, tra appassionati e non solo, e sono state ammirate le numerose novità che sono state presentate da tutte le industrie motociclistiche mondiali. I padiglioni pullulavano di nuove creazioni dall’ingegneria più sofisticata, un vero trionfo dell’espressione motoristica a due ruote, un paradiso per chi ama questi mezzi. Ma quali sono le dieci moto più belle viste ad EICMA 2015? scopriamolo insieme.

    La Yamaha MT-10 la troviamo al decimo posto di questa personale classifica, naked estrema per tutti i motociclisti che non si accontentano di mezze misure. La Yamaha MT-10, adotta un propulsore direttamente derivato dalla R1, la superbike di punta mostrando quindi i muscoli con il 4 cilindri Crossplane che ne garantisce una certa linearità di erogazione. L’albero motore, il sistema di iniezione, di aspirazione e scarico sono stati ridisegnati per essere ottimizzati rispetto alla R1 dalla quale deriva, poi è stata aggiunta una frizione antisaltellamento.

    Al nono posto troviamo la Suzuki GSX-R 1000, che è una super sportiva ideale per chi vuole vivere la moto appieno, la quale unisce perfettamente lo stile con le emozioni che soltanto una moto così estrema può darti. Il motore è un quattro cilindri in linea raffreddato a liquido con distribuzione plurivalvole da 999cc, la distribuzione è a fasatura variabile SR-VVT (Suzuki Racing-Variable Valve Timing). La Suzuki GSX-R 1000 ha telaio è in alluminio perimetrale, mentre le sospensioni si affidano alla nuova forcella Showa BFF pressurizzata e ad un mono ammortizzatore della stessa marca BFRC lite.

    Ottava posizione per la nipponica Kawasaki Ninja ZX-10 ultimissima superbike, sviluppata in collaborazione con i piloti Tom Sykes e Jonathan Rea. Le modifiche effettuate su questa moto fanno parte di un restyling che ha interessato in parte il frontale ed in parte il posteriore, soprattutto è stato rivisto è il cupolino. Il motore della Kawasaki Ninja ZX-10, ora Euro 4, si avvale di un albero con il 20% di inerzia in meno, mentre le pinze freno sono monoblocco Brembo M50 con annessa pompa radiale più performante e le forcelle sono delle Showa.

    BMW R nineT Scrambler (4)

    La BMW R nine T Scrambler si piazza al settimo posto di questa classifica, una moto affascinante con il gusto retrò. La nuova Scrambler di BMW Motorrad punta sul classico brioso motore Boxer raffreddato ad aria dalla cilindrata di 1170cc con raffreddamento aria/olio. Il motore eroga 81kW, o meglio 110 cavalli a 7.750g/min e sviluppa una coppia massima di 116Nm a 6.000g/min. L’impianto di scarico è montato alto, con i due terminali sistemati uno sopra l’altro come una vecchia Scrambler. Il telaio in acciaio a doppia trave è sviluppato appositamente per la R nineT Scrambler che integra il motore Boxer come elemento portante ed è composto da una sezione anteriore con cannotto di sterzo integrato e da una sezione posteriore con supporto del braccio oscillante.

    Husqvarna 701 (2)

    Sesta posizione in griglia perla Husqvarna Vitpilen 701. Si tratta di un modello che ha conquistato tutti in breve tempo, la Husqvarna 701 Vitpilen è perfetta per una certa cerchia di appassionati, perché unisce alla perfezione la sportività con il gusto per il vintage, perché a guardarla a prima vista sembra uscita dal passato ma con tutte le funzionalità che deve avere un moto attuale. Il motore è il monocilindrico da 690 cc da 67 cavalli che si trova anche sulla Husqvarna 701 Supermoto. La scelta del telaio è ricaduta sull’adozione del traliccio in acciaio mentre l’impianto frenante è stato sviluppato da Brembo. La frizione adoperata è quella anti-slittamento.

    HARLEY DAVIDSON FORTY EIGHT

    La Harley-Davidson Forty-Eight con contenuti tecnici aggiornati si piazza al quinto posto delle più belle dell’EICMA 2015. La sella è cambiata è stata resa ora più comoda per migliorare il confort di marcia, ma soprattutto il sistema sospensivo è stato completamente rivisto, con cartucce forcelle diverse e più performanti da 49 mm, ed ammortizzatori posteriori con olio ad alte prestazioni che lavora assieme a nuovi pistoni ed all’azoto. Nuovi e più leggeri sono i cerchi, mentre l’ABS è di serie. La nuova Forty-Eight mette in evidenza le linee abbinandole a nuove colorazioni vintage.

    Aprilia RSV4 RF

    Ai piedi del podio si è piazzata la Aprilia RSV4 RF tra le più belle moto presenti ad EICMA 2015. Aprilia RSV4 è la V4 1.000cc italiana che nel 2015 ha dominato il Campionato Superstock 1000 FIM Cup. Il motore e l’elettronica per questa moto prevista per l’anno 2016. hanno beneficiato da poco di una importante opera di rinnovamento. L’esclusivo e apprezzatissimo V4 italiano di 65° può così vantare una prestazione che arriva a superare i 200 cavalli di potenza, mentre il pacchetto di sistemi elettronici APRC è stato ulteriormente evoluto.

    Guadagna la terza piazza con la sua medaglia di bronzo la Honda CRF 1000 Africa Twin. La nuova Africa Twin estremamente divertente e versatile, è adatta sia ai percorsi urbani sia ai raid più impegnativi. Lo schema propulsivo resta praticamente invariato rispetto al passato: bicilindrico parallelo. La cubatura scelta per questo modello è di 998cc, mentre la potenza che riesce ad erogare arriva a quota 95 cavalli a 7500 ed la coppia a 98 Nm a 6000 giri. La Honda CRF 1000 Africa Twin avrà un ABS di ultima generazione, ma la cosa più interessante è la possibilità di scegliere la trasmissione che più si confà allo stile di guida: è la prima moto di questa categoria ad avere in opzione il cambio a doppia frizione Honda DCT.

    MV Agusta Brutale 800

    Si piazza al secondo posto questa italiana che vanta già tantissimi appasionati. La MV Agusta Brutale è un modello che è comparso sulle nostre strade da almeno 15 anni, ed ha lasciato un segno indelebile nella storia di questo marchio e non solo. Stiamo parlando di una moto da strada che come indica il suo nomignolo è “brutale”, una delle alte prestazioni e grandi emozioni. All’EICMA 2015 è stata presentata la sua nuova ed ultimata versione, e mostra fin da subito delle linee che ora sono più affilate e muscolose, e ne conferiscono un atteggiamento da vera dominatrice della strada. Infatti questa dovrà essere la Brutale più cattiva di sempre. Un’ulteriore novità da apprezzare su questa nuova Brutale è la comparsa della sigla “Passion Precisely Crafted“.

    Ed ecco qua, questa è la regina della bellezza di EICMA 2015, la Ducati XDiavel. Il marchio di Borgo Panigale ha deciso di prendere la Diavel ed estremizzarla, renderla un ibrido per accontentare una fascia di clienti ancora più di nicchia, chi preferisce fare di una moto muscolosa e cattiva una bestia anche da turismo. Su questa XDiavel la trasmissione finale diventa a cinghia e non più a catena, così da diminuire la manutenzione necessaria ed aumentare il chilometraggio possibile, che viene affiancata ad una evoluzione del bicilindrico Testastretta: in questa configurazione, da 1.262 cc e con rapporto di compressione salito fino a 13:1, la potenza sviluppabile è di 156 cavalli, mentre la coppia è di 13.1 kgm a 5.000 giri. La Ducati XDiavel è dotata di Power Launch, l’ABS, il cruise control ed il controllo di trazione.

    1497

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI