Motor Show Bologna 2016

Le migliori novità auto del Salone di Parigi 2016 secondo noi! [FOTO]

Le migliori novità auto del Salone di Parigi 2016 secondo noi! [FOTO]
da in Auto 2016, Auto 2017, Auto nuove, Salone auto, Salone di Parigi 2016
Ultimo aggiornamento: Venerdì 18/11/2016 16:37

    audi q5 alla kermesse parigina

    Quali sono le migliori novità viste al salone di Parigi 2016? Al di là del gran chiasso sulla mobilità elettrica, le macchine che contano veramente sono ancora quelle che la maggior parte delle persone acquista, recandosi dal concessionario e firmando assegni, bonifici o finanziamenti. Queste auto sono comprese in due categorie: le berline a due volumi piccole e medie per le famiglie con normale disponibilità economica; i SUV per chi ha un portafoglio più pesante. Le 5 novità più interessanti del salone francese che riepiloghiamo qui appartengono quasi tutte a queste categorie. C’è una sola eccezione, che proprio non ci sentivamo di trascurare. Andiamo a vedere. Ordine alfabetico per marca.

    E’ lei l’eccezione. Perché una Giulia è sempre un evento. Ma anche perché la versione Veloce che ha debuttato al salone di Parigi presenta contenuti tecnici d’indubbio interesse, i quali fanno capire che intorno a questo modello c’è un fermento progettuale volto a conquistare il mercato con i fatti, non con vuoti giochetti di marketing. L’Alfa Romeo Giulia Veloce non è un’auto per tutti, purtroppo, perché costa tanto: il listino parte da 50.500 euro. Ma l’eccellenza ha il suo prezzo. Questa versione va ad inserirsi al top di gamma, poiché la Quadrifoglio fa storia a sè. Motori con tanti cavalli, 210 il diesel, 280 quello a benzina. Ma a renderla speciale sono soprattutto queste due scelte tecniche: la trazione integrale e il cambio automatico. La Veloce è una 4×4 anomala, non pensate ad un fuoristrada. Resta sempre una berlina sportiva nata per l’asfalto. Quindi la trazione rimane posteriore nella maggior parte delle situazioni; quando invece l’aderenza al retrotreno entra in crisi, allora automaticamente la centralina interviene trasferendo parte della coppia davanti. Il cambio automatico è uno ZF a convertitore di coppia e otto rapporti; calibrato per un uso sportivo, senza problemi “d’intesa” col guidatore quando lo si usa in modalità manuale, e senza “castrare” il motore quando è lasciato in automatico.

    E’ il SUV più rappresentativo del lotto parigino. Dopo una lunga attesa, la nuova Audi Q5 rinnova la sfida a BMW, Mercedes, Range Rover e Jeep nell’arena delle vetture alte premium di media dimensione. Forte cura dimagrante, è più leggera di 90 Kg per consumare ed inquinare meno. Migliore aerodinamica; maggiori dimensioni per uno spazio interno più ampio; design più moderno, ricalcato da quello della Q7. Gli interventi tecnici sono stati tanti; ad esempio la riprogettazione delle trasmissioni, sia la manuale che l’automatica, riviste sempre per diminuire i consumi. Anche la trazione integrale quattro è al passo coi tempi, ora si chiama ultra e mantiene la coppia sempre all’anteriore, spostandola dietro quando serve. Ci sono anche le sospensioni ad assetto variabile. I motori a quattro cilindri diesel vanno da 150 a 190 cavalli, mentre il TFSI a benzina ne raggiunge 252. Arriverà poi anche il V6 3.0 diesel da 286 cavalli.

    La Citroën C3 è arrivata alla nuova generazione e, trattandosi del modello più importante per la casa francese, di riflesso ha costituito anche una delle vetture principali del salone di Parigi. Grande stacco nel design rispetto alla serie precedente; la nuova C3 segue l’originale (a dire poco) linea di stile inaugurata dalla C4 Cactus: aspetto che ricorda un SUV e, soprattutto, gli Airbumps sulle fiancate. Molto del lavoro è stato diretto anche sulla ricerca del comfort, attraverso numerosi miglioramenti negli interni, fra sedili, luci d’ambiente, tecnologia multimediale e di comunicazione. Tanti aggiornamenti su equipaggiamenti di sicurezza e motori completano un quadro molto interessante.

    Anche la Hyundai i30 è arrivata a Parigi con una nuova generazione, la terza. Per continuare a dire la sua in un segmento di mercato maledettamente affollato e competitivo, la media coreana non ha stravolto un progetto che il pubblico ha mostrato di apprezzare. L’elemento di design più significativo è la cosiddetta “Cascading Grille”, nuova calandra per tutte le ultime e le prossime Hyundai. Il cofano diventa più lungo, gli sbalzi più corti, lo spazio interno aumenta, la struttura è più robusta e leggera. Gli interni ora sono più puliti, poiché sono spariti molti pulsanti e manopole, integrati nel display touch da 8 pollici al centro della plancia. Per quanto riguarda i motori, importante l’ingresso in gamma del 1.4 turbo a benzina T-GDi da 140 cavalli. Le altre motorizzazioni, a tre o quattro cilindri, benzina o diesel, vanno da 95 a 136 cavalli.

    La nuova Nissan Micra mostrata al salone di Parigi è arrivata alla quinta generazione. Presenta una sterzata decisa rispetto al passato, praticamente sotto ogni punto di vista. Il design parte dal concept Sway di un anno fa. Le dimensioni sono aumentate al punto che forse il nome Micra non va più bene, dati i 4 metri (meno un millimetro) di lunghezza. Il look è abbastanza sportivo. La casa informa che sui colori è possibile scegliere ben 125 combinazioni diverse. Diversi accorgimenti per migliorare l’isolamento dai rumori rendono questa compatta un modello dall’elevato comfort, migliorato anche da alcune soluzioni tecniche derivate da Qashqai e X-Trail. Motori a tre e quattro cilindri a benzina, da 75 a 90 cavalli.

    969

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI