NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Legambiente: città italiane ancora troppo inquinate

Legambiente: città italiane ancora troppo inquinate

Legambiente rileva anche che ad inquinare di più sono in generale le pratiche dell’uomo in ambito industriale e dei trasporti e quest’ultimo in certe aree urbane è ancora più incisivo ai fini dei danni all’ambiente rispetto allo stesso smog di natura industriale

da in Blocco traffico, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Smog a Milano

    Nelle grandi città italiane si sta male, almeno per quanto riguarda i livelli di inquinamento atmosferico, ne sanno qualcosa i cittadini di Napoli, Torino ed Ancona dove le concentrazioni di Pm sono troppo alte, visto che si discute di 156/151 e 129 giorni in cui si è sforato. Anche Milano non “ scherza “, visto che si sono sforati i livelli di guardia per ben 108 giorni, 60 sono i giorni “rossi” per Venezia. In generale si può dire che le regioni più inquinate sono la Lombardia, l’Emilia Romagna, cui seguono Piemonte e Veneto. Se poi si guarda ai livelli di ozono non è che le cose vadano molto meglio, la Pianura Padana è quella dove si registrano in maggior misura tali alti livelli di inquinanti.

    Lo dice Legambiente che ha depositato i dati relativi all’inquinamento atmosferico nelle città, con l’iniziativa Mal’Aria operando di concerto con il sito www.lamiaaria.it . Per sensibilizzare i cittadini sul grave fenomeno dell’inquinamento, che tanto male fa alla salute della collettività, saranno predisposte manifestazioni pubbliche.

    Legambiente rileva anche che ad inquinare di più sono in generale le pratiche dell’uomo in ambito industriale e dei trasporti e quest’ultimo in certe aree urbane è ancora più incisivo ai fini dei danni all’ambiente rispetto allo stesso smog di natura industriale. Si pensi a città come Milano e Roma dove le auto ed i veicoli in genere immettono il 60% di tutte le polveri sottili presenti nelle città e degli ossidi di azoto, percentuale questa che giunge al 50% in città come Napoli per quanto concerne le polveri sottili, mentre Torino subisce il 50% di NOx . Eppure agli italiani le auto piacciono eccome, si pensi ad un solo dato stupefacente che è quello di Roima, dove vi sono 76 automobili per 100 abitanti; incredibile, a New York ce ne sono 20 per 100 abitanti e a Londra 36 .

    “Il traguardo di un livello accettabile della qualità dell’aria è purtroppo ancora lontano - ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – e molte sono ancora le azioni da intraprendere da parte delle amministrazioni locali e dal governo centrale per contribuire a migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Ma se la salute è la nostra priorità, non dobbiamo dimenticare che il non rispetto delle norme sui livelli di inquinamento entro il 2011 esporrà il nostro Paese all’ennesima sanzione annunciata da parte dell’Unione europea”.

    444

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Blocco trafficoMondo auto
    PIÙ POPOLARI