NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Salone di Ginevra 2017

Tutte le migliori novità auto presentate al Salone di Ginevra 2017. Su AllaGuida tutte le auto esposte alla kermesse, insieme a consigli, date, mappa, indirizzo, come arrivare e prezzo dei biglietti.

Lexus al Salone di Ginevra 2015: novità e auto esposte [FOTO]

Lexus al Salone di Ginevra 2015: novità e auto esposte [FOTO]
da in Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto 2015, Auto nuove, Lexus, Salone auto, Salone di Ginevra 2017
Ultimo aggiornamento: Lunedì 09/03/2015 11:29

    Lexus concept LF C2

    All’edizione 2015 del Salone di Ginevra, Lexus, il marchio di lusso del gruppo Toyota propone sul palco scenico per la prima volta in Europa il concept LF-C2, presentato in un primo momento al recente salone di Los Angeles. Si tratta dello studio per una vettura scoperta 2+2. Le forme e le intenzioni dei progettisti puntano ad una gran turismo di lusso, molto vicina ad una vera coupé. A Ginevra verrà anche presentata in anteprima mondiale una nuova vettura concept, la LF-SA.

    Lexus GS-F

    Passando invece ai modelli già pronti per la produzione in serie, tra le novità viste a Detroit la Lexus porta alla manifestazione svizzera la GS F. Si tratta di una coupé a cinque porte dall’animo maledettamente sportivo. La scelta tecnica molto classica e americana è quella di un motore aspirato V8 da 5 litri, capace di erogare ben 477 cavalli ed una coppia massima di 530 Nm. Tuttavia non si tratta di un modello che potremo vedere in Italia, almeno per ora, poiché la scelta commerciale di Lexus per il nostro Paese prevede la vendita di sole auto ibride.

    | LEGGI ANCHE: TUTTE LE NOVITA’ AL SALONE DI GINEVRA 2015 |

    Comunque la GS F possiede una caratteristica importante comune a tutte le prossime vetture Lexus per i mercati di Giappone, Europa e Nordamerica, quindi anche per l’Italia. Si tratta del primo modello a montare il nuovo sistema di sicurezza attiva denominato Lexus Safety System. Si tratta di un pacchetto di dispositivi studiati per prevenire o limitare gli impatti tra veicoli. L’obiettivo ambizioso è quello di azzerare il numero di morti e feriti negli incidenti stradali.

    Ad esempio, nell’attuale Pre-Crash Safety System, dotato di una funzione di rilevamento dei pedoni, vengono aggiunti un radar ad onde millimetriche ed una telecamera. Quando questi due dispositivi rilevano la presenza di un pedone o di altri veicoli in possibile imminente collisione, il sistema emette allarmi acustici e visivi; contemporaneamente aumenta la forza frenante del veicolo; qualora il conducente non abbia premuto in tempo il pedale, il sistema attiva la frenata automatica. Il raggio d’intervento in caso di collisioni con i pedoni è compreso tra velocità di 10 e 80 Km/h, e può ridurre la velocità di circa 30 Km/h. Nelle collisioni con altri veicoli il sistema interviene a partire da 10 Km/h fino alla massima velocità raggiungibile dal veicolo. Riduce la velocità d’impatto di circa 40 Km/h.

    Lexus LF-C2 Concept

    La nuova Lexus LF-C2 è stata svelata al Salone di Ginevra 2015, e tutti si stanno ancora interrogando sul perché Lexus abbia creato una concept di questa fattispecie. La Lexus LF-C2 rimane comunque un’auto fantastica, che adotta delle soluzioni moderne che vanno certamente approfondite. Lo stile è vistoso, appariscente ma al contempo elegante con elementi futuristici come i gruppi ottici anteriori a LED a forma triangolare, le prese d’aria frontali pensate per raffreddare i freni e stabilizzare la vettura alle alte velocità. Il posteriore è molto spigoloso ed è dominato da un curioso sistema di scarico a quattro terminali cromati, con gruppi ottici a forma di L. I cerchi in lega sono ovviamente, eccentrici, cromati e a 20 pollici.

    Dal Giappone hanno preso eccessivamente alla lettera il concetto di vettura “scoperta” tanto da non aver previsto alcun tipo di copertura, né rigida né in tela, così da tagliare la testa al toro. Questa 2+2 ha inoltre un inconfondibile color giallo-oro della carrozzeria che è realizzato attraverso un processo di verniciatura multistrato e che ha permesso agli ingegneri di creare giochi di luce e riflessi attraverso ricercati spigoli e bombature, una soluzione innovativa che ben si adatta ad una concept car. All’interno si scopre un unico tunnel centrale, che attraversa tutto l’abitacolo e che termina sulla plancia, semplice, tecnologica e, secondo il costruttore, funzionale, molto intelligente in pieno stile nipponico e in pieno stile Lexus. Chiaramente all’interno non mancano elementi di pura tecnologia come i due schermi centrali controllabili con un comando touch remoto, un quadro strumenti all’avanguardia, che permette al guidatore di osservare tutte le informazioni della navigazione in maniera molto semplice. Inoltre poiché questa macchina è solo un esercizio di progettazione per realizzare poi una Convertibile, possiamo tranquillamente dichiarare che il motore della Lexus LF-C2 sarà decisamente “spinto” per quanto riguarda le prestazioni. Con molta probabilità ci sarà sotto al cofano un propulsore da 477 cavalli. Per parlare di prestazioni il suo tempo da 0-100 km/h è di meno di 5 secondi (4,5 per la precisione), però per il modello decisivo potremmo immaginare qualcosina di più, considerando il peso aggiuntivo del tetto.

    Di certo non si può dire sia banale, Lexus LF-SA concept. Merito del design, che al salone di Ginevra 2015 mette in mostra gli stilemi tipici del marchio su un prodotto dalle dimensioni ultracompatte. La prima domanda è: si farà? La seconda: quando? Alla prima avranno una risposta i vertici del marchio giapponese al salone, dove il concept si sottoporrà alla critica e inevitabilmente si valuterà l’accoglienza riservata. E’ chiamata a riempire il “vuoto” della gamma al di sotto della Lexus CT-200h, berlina di segmento C ibrida che in Italia non ha riscosso troppo successo. Per questo si è pensato a un prodotto che punti al segmento delle utilitarie, certo non quelle tradizionali, ma dai connotati premium: Mini, Audi A1, saranno loro due rivali.

    Fari sdoppiati, con tecnologia led, calandra a clessidra e paraurti tormentato di spigoli e aperture, è la firma tipica Lexus sul frontale. La fiancata sfoggia due portiere, e all’interno si intravede una configurazione 2+2, più vicina al prodotto Toyota iQ che non a una potenziale utilitaria premium. Esercizio da show-car, impensabile che arrivi nel 2017-2018 in questa forma. Le dimensioni sono ampiamente al di sotto di quelle di un’utilitaria classica, perché 3 metri e 40 la posizionano ben 30 centimetri più in giù di una Opel Adam e grossomodo sui valori di Toyota Aygo. La larghezza, poi, fa registrare 1 metro e 70, a fronte di un’altezza di 1 metro e 43 centimetri.

    Lexus LF-SA dovrebbe nascere dal pianale della Toyota Yaris, quindi proponendosi come un modello da meno di 4 metri di lunghezza, motorizzato con un nuovo turbo benzina di piccola cilindrata e un’alternativa ibrida. Se fosse così, avremmo un’utilitaria premium, ma se il concept confermasse le quote espresse a Ginevra, allora si riposizionerebbe sulle citycar da 3 metri e mezzo. Una segmento A parecchio chic, insomma.

    Quanto sia un contenitore di idee ancora da maturare lo svelano gli interni, che si permettono il lusso di un sistema di infotainment con display a ologrammi, due sedili veri e due posteriori “di fortuna”. Rarità assoluta per una citycar, la regolazione di volante e pedaliera per adattarsi alle misure del guidatore, vista la configurazione fissa del sedile, se non l’avanzamento per agevolare chi dovesse accedere ai posti dietro.

    1213

    PIÙ POPOLARI