Salone di Parigi 2016

Limousine: Zil chiude, addio a simbolo della Russia

Limousine: Zil chiude, addio a simbolo della Russia

La Russia saluta le limousine Zil, il costruttore, famoso per le vetture del regime sovietico, chiude per fallimento

da in Mercato Auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    limousine zil

    La Russia dice addio alle limousine, la Zil, costruttore che è diventato famoso per le vetture del regime sovietico, chiude per fallimento. L’azienda automobilistica nel corso degli ultimi anni si era dedicata alla produzione di veicoli pesanti. I rappresentati del governo russo però preferiscono viaggiare su modelli tedeschi. La Russia saluta quindi un pezzo molto importante della prorpia storia, la Zil è un costruttore storico di limousine. Il problema maggiore della Zil è un buco di 14 miliardi di rubli, che sono circa 350 milioni di euro, causati anche da una gestione non molto attenta.

    Konstantin Laptev, il direttore della Zil, è stato rimosso dall’incarico perchè percepiva uno stipendio annuale di 250 milioni di rubli, oltre sei milioni di euro, che da solo bastava a pagare tutti gli stipendi arretrati degli operai. La Zil è stata fondata nel 1916 ed è diventata famosa per le grandi berline che erano solitamente destinate ai dirigenti del Pcus, il partito comunista dell’ex Unione Sovietica, venivano usate anche da Stalin e da Breznev. L’ultimo ordine ricevuto dalla Zil per una berlina presidenziale risale al 1999, era il periodo di Boris Eltsin.


    A causa dei debiti e della mancanza di richieste il costruttore si è convertito alla produzione di camion e mezzi militari, sempre per il governo russo. Una mossa che però non si è rivelato redditizio per la Zil che è stata abbandonata anche dall’attuale presidente Dmitri Medvedev e dal premier Vladimir Putin, che viaggiano a bordo di Mercedes classe S, mentre i funzionari del Cremlino e del governo hanno le BMW Serie 7.

    310

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mercato AutoMondo auto Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:20

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI