NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Lotus: arriva l’auto da 54 km con un litro

Lotus: arriva l’auto da 54 km con un litro
da in Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto Ecologiche, Auto nuove, Concept Car, Lotus
Ultimo aggiornamento:

    Lotus, prototipo (3)

    Diciamo la verità: se non pretendessimo vetture con sempre maggiori comfort, molti dei quali ci si chiede quale sia la reale utilità, riusciremmo a ottenere auto più leggere, efficienti, parche nei consumi e… divertenti, anche con i tradizionali motori termici.
    La sfida che ha in mente Lotus è quella di una vettura essenziale, tecnologica – perché tecnologia nell’auto non significa riempire l’abitacolo di monitor e collegamenti a internet, per quello c’è il salotto di casa -, con un prezzo competitivo. Utopia? Se venisse ingegnerizzata c’è da giurare che avrebbe una sua fetta di seguaci.

    Il modello allo studio del gruppo inglese è una vettura con tre posti, con lo schema pilota al centro e passeggeri alle sue spalle. Avrebbe un telaio interamente in alluminio con pannelli in materiale composito, che non significa necessariamente costosa fibra di carbonio, ma probabilmente plastiche caricate con altre fibre. L’atout del progetto è: basso peso e una grande aerodinamica. Il coefficiente Cx si attesterebbe a 0,19: ben al di sotto dei valori intorno a 0,27 delle migliori auto di serie. Poi, il prezzo. Qui probabilmente l’annuncio più ardito, visto che viene promessa a 10 mila euro. Roba da utilitaria nemmeno troppo accessoriata.

    Cosa manca all’idea Lotus? Anzitutto la strumentazione, che verrebbe sostituita da uno smartphone con tutti i dati trasmessi via wireless. Non aspettatevi comode sedute massaggianti o poltrone king-size, visto che il risparmio di peso passa anche dai sedili.

    Lotus, prototipo (2)

    Infine, il motore. Un bicilindrico da 600 cc con trazione posteriore. Non è stato specificato se si tratti di un’unità di derivazione motociclistica, eventualità da scartare quanto più possibile vista la poca coppia che caratterizza questi motori, oppure di un propulsore automobilistico con opportune modifiche. La scheda tecnica sembrerebbe quella di una moto con quattro ruote, andando nella direzione sperimentata da Renault con la Twizy, il quadriciclo elettrico under-10 mila con due posti e pochi fronzoli. Peso complessivo della Lotus con le super-percorrenze (promessi 54 km/litro; ndr): 522 kg, mentre le prestazioni vedrebbero un’accelerazione da piccola “pepata”, con lo zero-cento in 9″.

    Lotus, prototipo

    Altri marchi, nello specifico Audi, stanno sondando la strada di veicoli da città altamente tecnologici, guardando però all’alimentazione esclusivamente elettrica, che sconta dei costi di produzione insostenibili per l’automobilista da poche migliaia di chilometri l’anno. Questo concept Lotus potrebbe offrire una soluzione più pratica e concreta, senza spingersi troppo in là con la fantasia.
    Il know-how non manca al gruppo inglese, maestri nella realizzazione di telai in alluminio (già la Tesla utilizza telai Lotus e Renault starebbe vagliando la collaborazione per produrre la Alpine A110-50 sul pianale della Infinit Emerg-e, anch’essa basata su telaio Lotus). Ecco, spingiamoci molto avanti con la fantasia: se andasse in porto l’accordo tra Renault e Lotus per realizzare la Alpine, perché non immaginare un motore della Regie per questo ambizioso progetto degli inglesi? D’altronde già collaborano gomito a gomito in Formula 1…

    550

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAnticipazioni AutoAuto EcologicheAuto nuoveConcept CarLotus
    PIÙ POPOLARI