NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Mahindra Bolero, Thar, Goa, un bel trittico di proposte indiane al Motor Show di Bologna

Mahindra Bolero, Thar, Goa, un bel trittico di proposte indiane al Motor Show di Bologna
da in Auto nuove, Motor Show Bologna 2016
Ultimo aggiornamento:

    Mai come quest’ anno, il Motor Show di Bologna è stato artefice di proposte strabilianti in tutti i settori dell’ automobile. A parte la consacrazione di nuovi stili, di nuove tecnologie e l’ affermazione, più di altri, di segmenti giunti alla ribalta delle attenzioni dei presenti, come accaduto, per esempio ai SUV, dalle diverse marche proposti, la vetrina bolognese è stata una passerella di aziende,per decenni sconosciute ai più e giunte, soprattutto in questa edizione, agli onori della cronaca.

    Ricordiamo le diverse Case automobilistiche cinesi con proposte stuzzicanti e, se vogliamo, in controtendenza. Su questo filone, s’è insinuata la Mahindra, una Casa indiana che aveva fatto un rapido capolino in Europa, italia compresa, una ventina d’ anni fa per poi uscire alla chetichella così come era entrata. Ma stavolta pare far le cose per bene, entrando di prepotenza in un settore affollato, anch’ essa con proposte nel segmento dei SUV.

    Ma il tempo trascorso in assenza di questo marchio pare aver dato alla Casa quella maturità tale da capire che il momento per rioccupare gli spazi perduti era arrivato e, incurante della agguerrita concorrenza, la Mahindra è sicura di possedere tante frecce nel proprio arco da scagliare nell’ attimo giusto. E chi, se non gli indiani, sono bravi a scagliare “ frecce “!

    La proposta che l’ azienda si affretta a lanciare intenderà occupare nicchie di mercato sulle quali puntare con una certa serenità, d’ altro canto la strategia aziendale della Casa è più volta alla commercializzazione dei propri prodotti più in ambito internazionale che locale e riguarda l’ intera gamma dei Suv che conviene conoscere uno per volta.

    Iniziamo da Thar, un fuoristrada dalle mille risorse che monta un motore turbodiesel common-rail fabbricato dal gruppo PSA,di 2 litri e 87 Cv. di potenza. Interessanti le dimensioni che ne fanno un’ auto compatta la cui lunghezza è al di sotto dei quattro metri. All’ interno lo spazio offerto ai 5 passeggeri è accettabile e gli stessi godono anche di un discreto confort. La trazione di questo fuoristrada è inseribile.

    L’ altra proposta riguarda un Pick-up denominato Bolero,che potrebbe avere quel successo tributato al marchio Tata che, pure al suo ingresso,riscosse più critiche che lodi. La cabina di cui è composto il Pick-up viene offerto nelle due soluzioni doppia o singola. Il suo propulsore è identico a quello montato da Thar . Di Bolero è stata presentata anche un’ altra versione, la GLX appartenente al segmento delle station wagon 5 porte.

    La terza ed ultima proposta riguarda la Goa, che in India si chiama Scorpio. A differenza degli altri due modelli, è di concezione moderna sia in fatto di meccanica che in fatto di stile, di designer e cura degli interni, spaziosi e comodi. Questo fatto ha permesso alla Casa indiana di aggiudicarsi il titolo di migliore veicolo indiano nel 2003. Monta un propulsore costruito da Renault,benzina da 2.000 cc ed è offerto anche con un motore turbodiesel di 2,6 litri. Le motorizzazioni offerte in Europa saranno comunque diverse da quelle disponibili per il mercato interno, per il Vecchio Continente infatti, si parla di un 2 litri turbodiesel common-rail intercooler da 110 CV, trazione singola e doppia, inseribile automaticamente.

    Dicevamo, a proposito di frecce al proprio arco, di quali prospettive si aprono per questa Casa nel mercato europeo. Le opportunità che potrebbero affacciarsi sono molteplici e molte dovute alle soluzioni che queste auto, soprattutto l’ ultima,potrebbero offrire alla nostra utenza. Ma una in particolare dovrebbe convincere più di tutte le altre: il prezzo, basti solo pensare che il costo della Bolero va dai 13 ai 15 mila euro ( IVA ESCLUSA ) e per gli altri modelli, sia pure non siano ancora stati comunicati i prezzi di listino, ci si aspetta che siano estremamente concorrenziali. Non saranno vetture di ultimissima generazione, ma pur sempre validi e, in questo caso, il prezzo d’ acquisto potrebbe veramente fare la differenza.
    ( In Europa il marchio indiano sarà importato dalla Eurasia Motors Srl (una società interamente italiana) che sovrintende all’ importazione dei vari prodotti e alla distribuzione europea. Per il mercato italiano la distribuzione è curata dalla Società Gruppo Emme Srl ) .

    709

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveMotor Show Bologna 2016
    PIÙ POPOLARI