NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Manutenzione auto a metano: costi, tagliando e consigli

Manutenzione auto a metano: costi, tagliando e consigli

La manutenzione delle auto a metano prevede più attenzioni rispetto al normale. Parliamo di tagliando, costi e consigli pratici.

da in Auto a Metano, Auto Ecologiche, Bifuel, Consigli e Guide, Manutenzione Auto
Ultimo aggiornamento:

    In questo articolo ci occupiamo di manutenzione auto a metano: costi, tagliando e consigli. Tutto quello che c’è da sapere per prendersi cura della propria vettura bifuel. Le auto alimentate a metano o GPL necessitano di qualche ovvia attenzione in più in termini di manutenzione, perchè sia la tipologia di impianto sia le proprietà del carburante stesso variano il funzionamento ottimale del propulsore. In inverno queste attenzioni devono essere amplificate per evitare l’insorgere di problematiche che, causa riparazione in officina, vanificherebbero il risparmio economico dovuto al minor prezzo al distributore. Noi vogliamo darvi qualche consiglio fattibile senza impegno, ma con risultato assicurato, e non solo.

    Uno dei principali problemi delle alimentazioni a gas è la lubrificazione generale del motore, nettamente minore. Viaggiare sempre sfruttando il gas potrebbe alla lunga portare dei problemi anche piuttosto seri, quindi è sempre consigliabile, di tanto in tanto, viaggiare a benzina per la durata di un intero serbatoio. Diciamo che la proporzione può arrivara a 7:1, cioè ogni 7 pieni di gas si consuma un pieno di benzina.

    Il gas arriva ad una temperatura nettamente inferiore in camera di combustione, e questo provoca una difficoltà di avviamento soprattutto in inverno. Il raffreddamento è dovuto ad un’espansione del gas all’uscita del riduttore di pressione, comportamento questo che viene compensato cercando di riscaldarlo con metodi alternativi, ma questo comporta una difficoltà di avviamente ed un possibile sovraccarico del motorino di avviamente che gira più del necessario. Quale soluzione allora? Partire sfruttando la benzina e, solo dopo qualche secondo dall’avviamento, fare lo switch. Sugli impianti di fabbrica, la centralina è programmata in modo da far partire l’auto sempre a gas e poi a passare automaticamente a gas quando si arriva alle condizioni necessarie ad un corretto funzionamento a metano o GPL.

    Non pensate che viaggiando a metano o GPL gli iniettori non si incrostino come viaggiando a benzina o diesel: avviene lo stesso. Dopo un lasso di tempo si accumulano sempre “schifezze” che compromettono il corretto funzionamento degli iniettori, con conseguente perdita di potenza. Come ovviare? Con gli additivi specifici per iniettori di motore alimentati a gas. Gli additivi metano generalmente sono universali e vanno bene anche per le auto a GPL. E costano da una decina di euro fino a 30 euro circa a confezione. Ovviamente ce ne sono di qualità diverse, quindi occorre farsi consigliare da qualcuno di esperto.

    LEGGI ANCHE: Auto a Metano o GPL: quale comprare e quale conviene [FOTO e VIDEO]

    Per le auto a GPL la sostituzione delle bombole è prevista dopo 10 anni dal montaggio in aftermarket o dalla data di prima immatricolazione. E per il gas naturale? Com’è la manutenzione dell’impianto delle auto metano e relativi costi?

    Per legge la revisione delle bombole delle auto a metano dev’essere fatta dopo 5 anni (per quelle con omologazione con normativa nazionale DGM) o dopo 4 anni (per quelle con omologazione con normativa europea R110 ECE/ONU) dalla data di montaggio – per gli impianti aftermarket – o dalla data di prima immatricolazione, per le vetture con impianto di fabbrica.

    In cosa consiste questa revisione? I centri autorizzati alla revisione dell’impianto a gas naturale devono innanzitutto svolgere la pesatura delle bombole, per scongiurare il problema della corrosione interna (che porta ad un conseguente alleggerimento). L’ispezione visiva è sia per l’esterno che per l’interno, mentre seguono poi i collaudi più precisi con gli ultrasuoni e con la pressione idrostatica a 300 bar. Se la revisone è passata con successo, si procede infine alla nuova punzonatura ripprtante la data della revisione.

    E i costi della manutenzione impianto auto metano? Purtroppo c’è una grande variabilità in tema, quindi non è facile dare una risposta precisa. La tariffa può variare da un minimo di circa 100 euro fino ad un massimo di 500 euro. Facendo un esempio, la manutenzione di una Golf a metano potrebbe aggirarsi sui 100/150 euro, essendo un’auto compatta. Salendo di complessità dell’impianto, per i veicoli dotati di diverse bombole la tariffa arriva a cifre attorno ai 400/500 euro. Nel caso in cui le bombole non dovessero superare i controlli non vi preoccupate, perchè verranno sostituite senza alcun costo aggiuntivo. Bello, vero? In realtà nì: per evitare di bloccarvi l’auto per la troppa attesa, esiste la cosiddetta pratica della “rotazione delle bombole di metano“. In pratica vengono montate delle bombole già usate, che però hanno superato la revisione.

    Se siete sfortunati potreste trovare delle bombole più vecchie e ricordatevi che la scadenza di legge per la rottamazione definitiva della bombola è di 20 anni.

    Dobbiamo dire da subito che il costo del tagliando delle auto a metano non ha un prezzo fisso. Questo è anche logico, perchè accade la medesima cosa anche per le auto a benzina o diesel. Dipende dal tipo di auto, dalla marca e dal tipo di tagliando da fare (un tagliando dei 20.000 km è ben diverso da uno dei 100.000 km, in genere). Torniamo al nostro esempio di prima: se devo fare il tagliando alla mia Volkswagen Golf a metano? Sulla versione TGI, quella con l’impianto già montato in fabbrica, la VW dichiara la necessità di un tagliando ogni 15.000 km o ogni anno, quindi con una frequenza maggiore rispetto alla similare versione a benzina. Tuttavia il costo del cambio olio è minore. Il costo del primo tagliando per il metano si assesta attorno ai 170/180 euro, dato che è praticamente solo necessario il cambio olio e filtro. Considerazioni simili valgono anche per le Audi A3 G-Tron, le Seat Leon TGI e le Skoda Octabia G-Tec, accomunate dalla medesima meccanica.Il costo dei tagliandi successivi potrebbe essere più alto in base all’eventuale necessità di sostituire le pastiglie dei freni o altri componenti di normale usura.

    E nel mondo delle Fiat Natural Power a metano? La casa italiana dichiara la necessità di controlli aggiuntivi rispetto al tagliando di una normale vettura a benzina. Sono necessari: il controllo visivo condizioni tubazioni e raccordi del metano, fissaggio serbatoio del metano ed eventuale ripristino; il controllo regolatore di pressione ed eventuale sostituzione filtro interno; il controllo funzionalità e parametri del sistema di alimentazione mediante presa di autodiagnosi; il controllo coppia di serraggio delle fasce di fissaggio delle bombole; il controllo tenuta tubazioni riscaldamento regolatore di pressione; il controllo corretto montaggio degli iniettori (posizionamento trattenimento molletta). Il tutto si traduce in circa 1 ora e un quarto di lavoro in più. Il costo del primo tagliando di una Fiat 500L Natural Power si aggira sulle medesime cifre di quello che abbiamo citato per le auto del gruppo Volkswagen.

    Chiudiamo con un paragrafo dedicato a quelli che potrebbero essere i problemi delle auto a metano. In primo luogo, come abbiamo già citato, specialmente d’inverno potrebbero esserci difficoltà all’avviamento. Questo perchè il gas durante il passaggio nel riduttore di pressione di espande e di conseguenza si raffredda raffreddamento. Normalmente viene successivamente riscaldato tramite il liquido di raffreddamento del motore, ma all’avviamento quest’ultimo è freddo e non può fornire il calore necessario. Ecco perchè sia meglio partire a benzina. Dovuto a questo discorso, anche le candele vanno controllate più spesso rispetto a quelle per un motore alimentato solamente a benzina.

    Altri problemi tipici delle auto a metano riguardano la lubrificazione, come già accennato. È una buona abitudine quella di viaggiare a benzina di tanto in tanto per migliorare la lubrificazione delle sedi delle valvole e delle valvole stesse. I motori dotati di registrazione non automatica del gioco valvole vanno controllati spesso, circa ad ogni tagliando, per riportare il gioco entro i valori prestabiliti dal costruttore, in modo da scongiurare problemi di usura delle sedi delle valvole.

    In definitiva potremmo anche chiederci, dopo tutti questi discorsi: il metano conviene o no? Vogliamo rispondervi rimandandovi ad un articolo dove mettiamo a confronto GPL e metano: Differenza fra auto a metano e GPL [FOTO]

    1493

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto a MetanoAuto EcologicheBifuelConsigli e GuideManutenzione Auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI