Maserati Spider, l’alter ego della GT

da , il

    Maserati SPider

    La vedremo, forse, a Francoforte, nel momento in cui abbiamo ancora sotto gli occhi la brillantezza della Maserati Gran Turismo, ecco che dovremo abituarci all?idea di vedere svettare una nuova Maserati, in versione tutta aperta.

    La vettura, che vediamo ancora bardata, è stata ripresa in mezzo alle nevi della Svezia del Nord e questo stride non poco col temperamento di questa versione tutta aperta, ma forse proprio a significare la grande versatilità di questa vettura che, una volta chiusa, assume quanto mai l?aspetto di un eccellente coupè.

    La spider condivide in tutto e per tutto la piattaforma comune della GT, tant?è che la familiarità fra le due vetture è quanto mai accentuata nel frontale, molto simile nelle due auto, la stessa parte posteriore è quanto mai comune nelle due vetture, anche se nella spider spiccano maggiormente i doppi terminali di scarico cromati.

    Anche i motori saranno comuni fra le due vetture, un 4,2 litri 8 cilindri di 405 cavalli di potenza con cambio automatico a 6 marce. Una peculiarità della spider è il tetto retrattile elettricamente che, a giudicare dai volumi complessivi della vettura, non dovrebbe incidere troppo nell?ingombro del bagagliaio, del resto, non è un caso che sia Pininfarina il designer scelto anche per questa Maserati che, come ben si sa, non è noto solo per l?apprezzabile design, quanto per la cura che egli pone nella realizzazione di vetture che, oltre che pregevoli da un punto di vista estetico, sono quanto mai funzionali .