Mazda CX7: un po’ SUV un po’ Coupé

La presenza di un nuovo motore turbodiesel ed un sostanzioso restyling dell'estetica e degli interni hanno prodotto un interesse ulteriore sulla Mazda CX7, un po' SUV un po' Coupé

da , il

    Mazda CX7: un po’ SUV un po’ Coupé

    Linee aggressive e vistose, una nuova gamma di motori ed uno stile un po’ da SUV e un po’ da Coupé. Si possono descrivere in queste poche parole le ultime novità presenti sulla Mazda CX7. Proprio la presenza di un propulsore diesel in alternativa al classico 2.3 turbo a benzina da 260cv è la principale molla che ha fatto scattare l’interesse su questa auto, sul mercato senza infamia e senza lode già dal 2007. Sportiva ed accessibile, come sottolinea Massimo Scantamburlo, responsabile marketing di Mazda per l’Italia: «Finalmente la CX-7 che possiamo vendere».

    Ma l’aggiunta della nuova motorizzazione 2.2 turbodiesel common rail da 173cv (Euro 5) con DPF è stata anche la scusa per effettuare un cospicuo restyling di questa vettura che possiamo definire sia un SUV sportivo che una Coupé muscolare. Nuove griglie frontali, nuovi passaruota, spoiler più grande e cerchi in lega da 18” o 19” danno un look decisamente aggressivo alla Mazda CX7.

    Per quanto riguarda gli interni sono state effettuate alcune modifiche sia ai materiali che alle dotazioni, oltre che agli strumenti e al cruscotto. Niente di eccessivo o sfarzoso, ma piuttosto comodo e funzionale. Attualmente la trasmissione resta esclusivamente manuale, perché i giapponesi non vogliono compromettere il carattere sportivo della CX7.

    Il rapporto tra comfort e prestazioni è ottimo, soprattutto con la nuova motorizzazione. Il 2.2 turbodiesel da 173cv è in grado di spingere la CX7 a 194 km/h con consumi di appena (per un SUV) 10,2 litri di gasolio per percorrere 100 km.