Mazda e Toyota multate dal Garante

Mazda e Toyota sono state multate dal Garante per aver fatto credere che i pick-up BT-50 e Hilux fossero idonei al trasporto di passeggeri

da , il

    honda toyota multate

    Mazda e Toyota sono state multate per aver fatto credere sui propri siti internet che i pick-up BT-50 e Hilux fossero idonei al trasporto di passeggeri nel tempo libero, ma in realtà si tratta di autocarri e non possono assolutamente trasportare persone. Il Garante della concorrenza ha quindi sanzionato Mazda e Toyota per informazioni ingannevoli ai danni dei consumatori e contrarie al codice del consumo. Sono pertanto arrivate una multa di 70.000 euro per Mazda e di 155.000 euro per Toyota.

    Una pratica commerciale ritenuta scorretta dal Garante perchè BT-50 e Hilux sono autocarri e non possono svolgere nessuna funzione di trasporto di persone. Il codice della strada prevede infatti che sugli autocarri, destinati ad attività produttive, che sono soggetti anche a particolari agevolazioni fiscali, i passeggeri siano ammessi, ma solo se addetti al carico e scarico delle merci che sono trasportate sul veicolo. Unica eccezione è nel caso in cui il prefetto dia l’autorizzazione. Il Garante, per valutare la questione, si è basato su un documento interpretativo del Dipartimento dei trasporti già utilizzato per sanzionare la Mitsubishi in un caso analogo.

    Le frasi incriminate sostenevano che: “Il modello Double Cab è in grado di accogliere due persone davanti e tre dietro“, che “è perfetto per le piccole squadre di lavoratori o per una gita nel fine settimana“. Oppure che è stato “ulteriormente migliorato in modo da soddisfare anche le attività extra-lavorative” ed è “infaticabile nel lavoro, inarrestabile per tutto il resto“. Le due case hanno respinto le accuse presentando una memoria, ritengono che su un autocarro il trasporto di persone sarebbe consentito, purché quello di cose sia sempre prevalente. I due costruttori sono stati obbligati a pubblicare un comunicato di rettifica sui quotidiani Corriere della Sera e La Repubblica.