Mazda RX-8 va in pensione: terminata la produzione della sportiva [FOTO]

Mazda RX-8 va in pensione: terminata la produzione della sportiva [FOTO]
da in Auto sportive, Coupè, Mazda, Mazda RX8
Ultimo aggiornamento:

    Giusto un paio di mesi fa avevamo annunciato la notizia che la Mazda aveva deciso di raddoppiare la produzione della RX-8 Spirit R, ovvero la versione ‘final edition’ in tiratura limitata che, una volta terminati tutti gli esemplari, avrebbe segnato la fine definitiva della produzione della coupè sportiva giapponese. Ed eccoci giunti proprio a questa situazione: la casa nipponica ha comunicato alla stampa che è ufficialmente terminata la produzione della Mazda RX-8, vettura sportiva dal prezzo accessibile e tanto apprezzata dagli amanti del genere specialmente per le sue peculiarità meccaniche. Ma ripercorriamo un po’ la storia di questa particolarissima sportiva asiatica: tutto ha inizio nel lontano 2001 quando la Mazda espone al Salone dell’auto di New York di quell’anno l’auto in versione prototipo: l’auto seppur molto apprezzata esteticamente, fece un po’ discutere i fedelissimi del motore Wankel e della vecchia RX-7. Il motivo delle critiche era scaturito dal fatto che la RX-8 Concept aveva il pianale (modificato) della MX-5 ed il motore, seppur Wankel come quello della RX-7, era aspirato e non sovralimentato.

    Questo fece decidere alla Mazda di rivedere il progetto RX-8. Nel 2003 nasce così la Mazda RX-8 definitiva che propone un design molto simile a quello della concept car di due anni prima, ma un pianale più raffinato, che prevede sospensioni a quadrilatero alto deformabile all’anteriore e Multilink al posteriore. L’auto monta il nuovo propulsore aspirato denominato Renesis 13B-MSP, dotato di due rotori da 654 cm³ l’uno: la potenza a seconda dei mercati e delle versioni varia tra i 192 cavalli ed i 250.

    Nonostante i ben noti svantaggi del motore rotativo, come ad esempio un consumo del carburante in media superiore ad un equivalente motore tradizionale oppure un consumo di lubrificante più alto del normale, questo tipo di propulsore ha da sempre avuto la sua schiera di appassionati.

    Probabilmente, vista la fine produzione della Mazda RX-8, questi appassionati rimarranno orfani. Infatti un ulteriore sviluppo di questa tecnologia da parte della casa nipponica comporterebbe un dispendio di denaro non indifferente e non è detto che si riesca comunque ad ottenere dei risultati positivi in termini di consumi ed emissioni nocive. Tempo fa era circolata la voce che in Mazda stessero sviluppando un piccolo motore rotativo Wankel da accoppiare ad una più piccola unità elettrica. Ma al momento non abbiamo nulla di cerco in merito: quello che è sicuro è che il Wankel è una parte della storia della Mazda e sarebbe un peccato se dovesse finire qui.

    453

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto sportiveCoupèMazdaMazda RX8
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI