Mercato auto: Cina batte U.S.A

Mercato auto: la Cina supera gli Stati Uniti nel volume delle immatricolazioni del 2009

da , il

    Mercato auto Cina Usa

    Mercato auto: secondo le ultime stime la Cina si prepara a superare niente meno che gli Stati Uniti. Stime o no, sapevamo che prima o poi sarebbe successo. Le armi della Cina sono sempre più affilate, soprattutto se confrontate con quelle occidentali, così vecchie da essere ormai arrugginite e praticamente innocue. E l’arrotino, si sa, è un mestiere che in Europa sta scomparendo.

    Se il benessere effettivo nel paese con gli occhi a mandorla aumenta “a morsichi e bocconi”, la loro economia continua a decollare, grazie a un’industria che in regime di liberalizzazione non ha mai visto tregua.

    Secondo J. D. Power Associates, nel 2009 in Cina sono state vendute 12,7 milioni di auto, contro i 10,4 milioni degli Stati Uniti. Eppure negli U.S.A. il mercato auto è stato anabolizzato a dovere quest’anno. Per questo le vendite avevano registrato, sempre secondo J. D. Power, dei trend fortemente positivi.

    A dicembre, per fare un esempio è stata prevista una crescita del 15% nelle immatricolazioni. In ogni caso il volume d’affari si è dimostrato nettamente inferiore a quello degli anni precedenti, incentivi statali o meno. Basta pensare che nel 2000 sono stati immatricolati ben 17,4 milioni di veicoli, un risultato mai superato. Le uniche case a registrare un aumento dei profitti nel 2009 in America sono Hyundai, Kia e Subaru.

    Ma mentre in occidente si continua ad alimentare il settore con iniezioni finanziarie, in Cina “i nuovi ricchi” acquistano in contante e ringraziano la globalizzazione a suon di ideogrammi.

    E dire che siamo stati noi a dirle che il rosso non le stava bene…