Mercato auto usate: è crisi

Il mercato delle auto usate è in crisi

da , il

    mercato auto usate

    Il mercato auto è stato lasciato allo stato brado. In mancanza di incentivi, le case automobilistiche sono costrette a trovare escamotage per conquistare il consumatore: promozioni, ecoincentivi fai da te, sconti rottamazione. I primi mesi del 2010 le performance sono state positive, ma i grossi numeri delle immatricolazioni sono solo gli strascichi degli incentivi auto 2009. E il mercato delle auto usate? E’ crisi anche per l’after market. Nel mese di febbraio 2010 i trasferimenti di proprietà sono stati 366.341, il 7,33% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

    Tra gennaio e febbraio si possono contare 695.712 vendite totali di auto usate, con un calo del 9% circa. I dati sono ancora più allarmanti considerando la situazione già disastrosa del 2009, hannus horribilis per il settore auto. Eppure, quell’anno il mercato auto usate ha registrato un business totale di 20,4 milioni di euro.

    ?Generalmente quando il mercato del nuovo è in difficoltà, la domanda di usato recupera” commenta il portavoce di CarNext mediatore per il commercio di auto usate. Se il consumatore decide di non acquistare nè nuovo nè usato, significa che la situazione sta precipitando, trascinando con sé case automobilistiche e tutto il mercato auto usate. Il tema sarà ripreso e approfondito nell’ambito del convegno ?Auto usata: mercato dimenticato?, organizzato da CarNext presso l’Università di Bologna.

    Il mercato dell’usato risente anche degli stessi incentivi auto: il valore aggiunto che ha investito le auto più ecologiche ha indirettamente contratto le quotazioni di vetture meno attente all’ambiente. E adesso, senza incentivi?