Salone di Parigi 2016

Mercedes Benz e il futuro dei veicoli commerciali: assistenza alla guida, trazione ibrida e altro [FOTO]

Mercedes Benz e il futuro dei veicoli commerciali: assistenza alla guida, trazione ibrida e altro [FOTO]
da in Mercedes, Prove auto su strada, Sicurezza Stradale, Sistemi di sicurezza
Ultimo aggiornamento: Venerdì 19/06/2015 17:49

    All’evento Mercedes-Benz Truck Shaping Future Transportation tenutosi al Truck Store di Piacenza l’obiettivo della Casa della Stella era di smentire la concezione comune di mezzo pesante mediante la presentazione alla stampa non specializzata in mezzi pesanti delle tecnologie attualmente presenti sulla gamma Mercedes Truck. I mezzi pesanti nell’immagine collettiva infatti vengono visti come grandi bestioni, sporchi, brutti ed inquinanti ma non è così: ora inquinano di meno, sono disponibili con propulsioni ibride che diminuiscono ulteriormente consumi ed emissioni e sono dotati di avanzati sistemi di assistenza alla guida in grado pure di evitare un possibile tamponamento.

    Mercedes Benz Truck Euro 6

    Durante la conferenza stampa ha preso parte pure il comandate della Polizia Stradale di Cremona Federica Deledda che ha sottolineato l’importanza dei sistemi di sicurezza attivi all’avanguardia nei camion che, data la loro mole, possono fare la differenza in un incidente stradale. In questo campo Mercedes primeggia grazie alle ultime tecnologie inserite nella dotazione di serie dell’Actros e alle molte altre presenti come optional che lo rendono uno dei Truck più sicuri sul mercato, se non il più sicuro in assoluto. Grazie alla collaborazione di Autostrade CentroPadane S.p.a. ed alla Polizia Stradale è stato possibile testare lungo un tratto dell’A21 questi nuovi dispositivi bordo di due Actros del programma Profit Academy. Programma che si occupa appunto della formazione degli autisti ed è tenuto da istruttori professionisti Mercedes formati in Germania ed in costante aggiornamento. A questi corsi in Italia nel 2014 hanno preso parte più di 400 autisti che hanno avuto l’opportunità di modificare il proprio stile di guida per ridurre consumi, usura e manutenzione dei veicoli fino all’11%.

    Mercedes Benz Future Truck 2025

    Il futuro del trasporto su ruota secondo Mercedes è più vicino di quanto si pensi. E’ stato rappresentato dal Concept Future Truck 2025, camion dotato del sistema Highway Pilot di guida autonoma e di molti altri dispositivi di assistenza alla guida presentato circa un anno fa. Il camionista del futuro avrà quindi un lavoro più facile per così dire, poiché in autostrada sarà disponibile il pilota automatico che consentirà al conducente di abbandonare il posto di guida e fare addirittura un pisolino. Questo concept Mercedes ha circolato su strade aperte al pubblico durante alcuni test ed ha dimostrato la bontà di questa tecnologia che consente di ridurre addirittura del 50% gli incidenti poiché la maggior parte di essi avvengono per distrazione del conducente. Altri test del Future Truck di Mercedes si sono svolti lungo un tratto dell’autostrada A14 di Magdeburgo in Germania ad una velocità massima di 80 chilometri orari ed in condizioni normali di traffico: risultati sorprendenti anche in quel caso.

    Mercedes Benz Actros Intelligent Drive

    Questa la denominazione dell’insieme di sistemi elettronici di assistenza alla guida presenti sull’ultima generazione di Mercedes Actros, punto di riferimento nel settore per sicurezza, comfort, dinamica di marcia e redditività. Il nuovo Truck della Stella è frutto di un lavoro di 2.600 ore in galleria del vento, 50 milioni di chilometri sul banco prova per la sperimentazione e la messa a punto dei motori ed altri 20 milioni di chilometri di prove su strada. Il dispositivo più interessante è il cruise control adattivo che regola autonomamente la distanza dalla vettura (o camion) che precede e provvede pure a fermare autonomamente l’autoarticolato e poi farlo ripartire non appena la colonna riprende l’andatura. Di serie su Actros anche il sistema anti-sbandamento che agendo sui singoli freni provvede a stabilizzare il rimorchio in caso di sbandamenti dovuti a vento laterale o ad una sterzata un pò troppo brusca. Non manca poi l’Active Brake Assist 3 con sistema di frenata automatica d’emergenza per evitare l’impatto con un ostacolo fisso oppure mobile: ad una velocità di 80 chilometri orari e con una massa complessiva di 44 tonnellate è in grado di fermare il tir in uno spazio di 50 metri! Ingegnoso poi il Predictive Powertrain Control che consente di risparmiare mediamente il 5% di carburante mediante l’utilizzo intelligente del cruise control. Di persé il funzionamento è semplice: grazie al GPS rivela la posizione del veicolo e le caratteristiche della strada che sta percorrendo e sfrutta salite e discese in modo di mantenere la velocità impostata utilizzando il più possibile l’inerzia del carico sul rimorchio. E’ il primo Tempomat GPS al mondo ed interviene anche sulla gestione del cambio, oltre che su motore ed impianto frenante: evita in questo modo il passaggio a marce superiori prima di un dosso, ottimizza le cambiate in salita ed anticipa la scalata prima di una discesa.

    Fuso Canter

    Nel grande piazzale del Truck Store di Piacenza erano stati allestiti due diversi percorsi per testare la nuova trazione ibrida disponibile su Mitsubishi Fuso Canter (base giapponese ma meccanica della Stella) e provare l’ebbrezza di mettersi al volante di un Mercedes Actros cabina alta. Il Fuso Canter ibrido ha tutte le carte in regola per essere il “mini-truck” da città: il motore termico resta sempre acceso per mantenere in funzione i servizi di bordo e gli accessori ausiliari ma sotto i 20 km/h è il motore elettrico a dare trazione alle ruote posteriore. Il risultato è una notevole fluidità alle basse velocità, scatti rapidi nelle partenze da fermo e riprese veloci anche a pieno carico. Nella breve prova abbiamo apprezzato molto l’ampio raggio di sterzata che consente di effettuare un’inversione ad U nello stesso spazio di una Smart ForTwo della precedente generazione: circa 9 metri! Questa caratteristica è sicuramente utile nei centri urbani, terreno ideale del Canter dove appunto si dimostra maneggevole come una normale berlina.

    Mercedes Benz Actros muso

    Dal “piccolo” Fuso Canter siamo passati ad un percorso tra i birilli con il gigante Mercedes Actros. Una differenza abissale come posizione di guida: una volta fatti i cinque scalini che separano l’abitacolo dal terreno ci si ritrova in un ambiente davvero curato con qualità ottima sia dei materiali che delle rifiniture e degli assemblaggi. Il sedile poi è montato su un supporto pneumatico che assorbe al meglio tutte le sconnessioni ed assicura un notevole comfort. Il cambio è un fuller automatizzato: nei passaggi di marcia si sente la doppietta ma non c’è il pedale della frizione da premere. Da guidare quindi è molto facile basta solamente fare l’abitudine al volante che fa lavorare molto di braccia ed alla notevole larghezza. Esperienza davvero costruttiva che ci ha incuriosito molto sulla professione del camionista, chissà magari la ripeteremo in futuro e con un rimorchio agganciato.

    E’ sbagliato pensare che i camion siano inquinanti e molto pericolosi. Con le ultime tecnologie infatti i consumi di carburante e le emissioni di anidride carbonica sono stati notevolmente ridotti rispetto a qualche anno fa. Inoltre Mercedes ha dotato il più grande Actros di ben 14 dispositivi elettronici: ABS con ripartitore di frenata anteriore e posteriore che si regola automaticamente in funzione del carico, freno motore ad alte prestazioni (arriva fino a 400 kW di potenza), retarder ad acqua, controllo della pressione degli pneumatici, sistema antirollio, Active Brake Assist 3 (evita o minimizza i danni dovuti a tamponamento), lampeggio di emergenza con frenata a fondo, sistema antisbandamento, Stability Control Assist, sistema automatico di mantenimento della distanza di sicurezza, ralla con sensore di agganciamento, sensore pioggia e luci per fari e tergi automatici, specchietti retrovisori che si adattano automaticamente in manovra ed infine il Predictive Powertrain Control (sfruttando le mappe precaricate ed il gps individua la posizione del veicolo e regola di conseguenza la velocità per sfruttare al massimo l’inerzia nelle discese). E’ già circolante su strada un camion dotato di guida autonoma e capace di agganciarsi al veicolo che precede e seguirlo anche nelle curve, leggendo la segnaletica orizzontale e le strisce che delimitano la carreggiata: molto utile nei lunghi trasferimenti autostradali, consente al guidatore di fare un riposino o comunque rilassarsi durante la marcia e lo avvisa per tempo quando il “pilota automatico” non è più disponibile o perché si è quasi giunti a destinazione, oppure per la conformità del tracciato. Mercedes-Benz inoltre dal 1999 offre un servizio di formazione professionale per autisti per aiutarli a guidare nel modo più efficiente possibile e ridurre quindi consumi e costi di manutenzione: il Profit Academy.

    1558

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI