Salone di Parigi 2016

Mercedes Classe B Electric Drive: prova su strada, scheda tecnica, prezzi, interni [FOTO]

Mercedes Classe B Electric Drive: prova su strada, scheda tecnica, prezzi, interni [FOTO]

    Una prova su strada della Mercedes-Benz Classe B Electric Drive per concludere un giro d’Italia a zero emissioni. Dopo aver percorso 5.800 chilometri in 18 città italiane in un tour racchiuso sotto la sigla #IoSonoElettrica, la Classe B elettrica ha dimostrato che molti passi avanti sono stati compiuti in questa tecnologia, al punto da renderla utilizzabile già oggi per un uso quotidiano nei percorsi urbani e dintorni, non solo da istituzioni e grandi aziende, ma anche da utenti privati. L’auto si può acquistare, certo, ma ora è disponibile anche nel noleggio a breve termine a Roma e Milano. Andiamo quindi a dare un’occhiata da vicino alla Classe B elettrica di questa prova.

    La Mercedes Classe B rientra nella categoria delle monovolume. Tuttavia si è ben lontani dalle forme vagamente a scatola comuni alle carrozzerie di questo tipo. Questa media con la stella è piacevole da vedere e sfoggia forme arrotondate che le conferiscono eleganza. La versione Electric Drive (analogamente a quella a metano) differisce dal resto della gamma in alcuni dettagli. Davanti la mascherina del radiatore è più grande e il paraurti è più vistoso Le luci diurne a Led sono inserite in una bella barra cromata. Lateralmente si nota una nervatura più marcata nella linea del tetto; i retrovisori hanno una forma più aerodinamica; maggiormente visibili i profili dei passaruota e i rivestimenti sottoporta; più elegante il disegno dei cerchi in lega, di dimensioni da 16 a 18 pollici. Infine dietro lo spoiler è abbastanza vistoso e ci sono delle differenze nel paraurti e nei gruppi ottici.

    Mercedes Classe B Electric Drive dimensioni

    Grazie alla tecnica definita “carrozzeria modulare”, la Mercedes Classe B riesce ad ospitare nel suo pianale i componenti specifici delle alimentazioni alternative, senza sacrificare spazio per l’abitacolo. La versione Electric Drive nasconde nel pianale la batteria agli ioni di litio, conservando quindi la capacità utile. Il telaio, rispetto alle versioni con motore tradizionale, è stato rialzato di 40 millimetri davanti e 43 dietro.

    Mercedes Classe B Electric Drive bagagliaio

    Ricapitoliamo quindi le dimensioni di questa vettura. Il passo è di 2.699 millimetri, la lunghezza complessiva di 4.358 mm, la larghezza senza specchietti è di 1.812 mm, l’altezza totale di 1.599 mm. Passando al bagagliaio, troviamo un volume massimo di 501 litri. Il divanetto posteriore è abbattibile e sdoppiabile. Il peso in ordine di marcia della Classe B elettrica è di 1.725 Kg.

    Mercedes Classe B Electric Drive interni

    Ciò che più salta all’occhio entrando nella Mercedes Classe B Electric Drive è la strumentazione. Troviamo una miriade di informazioni concentrate nel cruscotto e nel display centrale, molte delle quali legate proprio alle esigenze specifiche della propulsione elettrica. Da un punto di vista estetico l’abitacolo offre la consueta eleganza Mercedes, anche per una vettura di fascia media. I rivestimenti vanno dal tessuto Vianen alla pelle ecologica Artico o quella in rosso cranberry. Tra gli infiniti optional ci sono anche le luci soffuse in 12 diverse tonalità. La climatizzazione è affidata al sistema automatico Comfortmatic: usando un riscaldatore o un compressore ad alta tensione, si può pre-riscaldare o raffreddare l’abitacolo, impostando l’ora di partenza dal Connect Me.

    Mercedes Classe B Electric Drive motore

    Manca la voce “consumi” perché non ci sono. Perlomeno non quelli di carburante. Il consumo di elettricità è del tutto trascurabile, rispetto a quello di benzina o gasolio per un motore a combustione. Parliamo di una media di 16,6 kilowattora per 100 Km nei test specifici sul ciclo combinato. Mediamente, un kilowattora costa circa 25 centesimi. Fate voi i conti. Le emissioni di CO2 sono ovviamente nulle. Il motore della Classe B elettrica eroga una potenza massima di 132 kilowatt, equivalenti a 180 cavalli. La coppia motrice è di 340 Newton metri, disponibile sempre: è la grande bellezza dei motori elettrici, qui abbiamo la spinta di un 3.0 a benzina aspirato o di un turbodiesel molto pimpante. Sono disponibili tre modalità di guida. In Economy la potenza è limitata a 98 Kw (133 Cv), per una maggiore comodità; si può comunque richiamare la massima potenza col kick-down (nei motori elettrici la trasmissione ha un solo rapporto, oltre alla retromarcia). In Economy+ abbiamo la massima autonomia, limitando la potenza a 65 Kw/88 Cv e la velocità massima a 110 Km/h; anche qui è disponibile tutta la potenza tramite kick-down. Poi cè la modalità Sport, dove il motore dà tutto quello che ha. Chiaramente diminuisce l’autonomia. E veniamo proprio all’autonomia, il punto cruciale di un’auto elettrica. La batteria agli ioni di litio ha una capacità di 28 kilowattora. Nella modalità meno potente, l’autonomia massima con una carica arriva a 230 Km. Siamo quindi a misura di pendolare. La batteria è garantita per 8 anni o 100.000 Km. Per quanto riguarda le prestazioni, in modalità Sport abbiamo un’accelerazione 0-100 pari a 7″8. Notevole, dato il peso. Grazie, elettricità. La velocità massima è limitata elettronicamente a 160 Km/h, per evitare di prosciugare troppo la batteria: se si vuole più forza, serve più energia, indipendentemente dalla fonte. E’ la fisica che lo dice. Passiamo alla ricarica. Dobbiamo sottolineare un fattore importante. Le auto elettriche (e le ibride) dispongono sempre di un sistema di recupero dell’energia cinetica dalla frenata e dal rilascio dell’acceleratore. Una dinamo trasforma quest’energia in elettricità che va a ricaricare la batteria. Per cui, adottando lo stile di guida a questo tipo di veicolo, possiamo estendere l’autonomia in modo sensibile. La Classe B sfrutta il radar del sistema anticollisione per decidere di quanto aumentare o diminuire la rigenerazione. Diventa massima, diminuendo quindi la velocità, quando davanti ci sono veicoli lenti o in rallentamento; in caso contrario diminuisce, permettendo di mantenere la velocità senza usare l’acceleratore (funzione Sailing). Il guidatore può variare l’intensità della rigenerazione agendo sulle palette al volante le quali, come detto, non servono a cambiare marcia. Ma prima o poi l’energia finisce. La ricarica completa ad una wallbox (400 Volt) avviene in circa 3 ore. Collegando la spina alla rete domestica da 230 Volt servono circa 9 ore. C’è poi ovviamente la possibilità della colonnina di ricarica rapida.

    Mercedes Classe B Electric Drive prova

    L’esperienza di guida di un’auto elettrica è sempre profondamente diversa da quella che si prova in una vettura tradizionale. Per sfruttare al meglio le potenzialità di un veicolo che va “a pile” serve un certo periodo di apprendimento, soprattutto va proprio cambiata la mentalità. Le reazioni sembrano brusche perché sono immediate. Serve quindi piede leggero. Un motore elettrico ti dà subito tutto quello che ha, per cui bisogna fare molta attenzione. La Mercedes Classe B Electric Drive permette un bel guidare. Una volta fatta l’abitudine al modo in cui accelera e, soprattutto, al modo in cui decelera, tutto fila via liscio. La guida diventa rilassata; inoltre udire “il rumore del silenzio” è sempre una sensazione strana. Silenzio in termini relativi, ovviamente, perché il traffico esterno non sparisce di certo. Quando poi serve o comunque ne abbiamo voglia, l’accelerazione immediata consentita dalla coppia di questo motore permette di lasciare indietro vetture di cavalleria ben superiore. Certo, non pensiamo alle supercar. E nemmeno illudiamoci di fare molta strada se schiacciamo in modo sconsiderato. Come del resto accade anche alle auto tradizionali. Poi lo spazio abbondante anche dietro, la comodità generale e la strumentazione molto sofisticata rendono gli spostamenti su quest’auto un’esperienza decisamente molto positiva.

    Mercedes Classe B Electric Drive allestimenti

    Prima parliamo del noleggio. La collaborazione tra Mercedes-Benz ed Edilfar Rent consente di noleggiare la Classe B elettrica a Roma e Milano a 60 euro al giorno. La tariffa include una tessera per cariche illimitate presso le colonnine di Enel a Roma e di A2A a Milano. Veniamo all’acquisto. Gli allestimenti sono due, Executive e Sport. Tra gli equipaggiamenti di serie troviamo lo sterzo parametrico, le sospensioni ad irrigidimento automatico, il Collision Preventing Assist, la chiamata d’emergenza in caso d’incidente, l’Attention Assist Plus. L’allestimento Executive prevede i sedili in tessuto. Il prezzo di listino chiavi in mano è di 41.680 euro. L’allestimento Sport aggiunge il volante multifunzione sportivo in pelle, dei cerchi in lega multirazze da 17 pollici, i sedili in pelle Artico e tessuto. Prezzo 43.440 euro.

    1635

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI