Mercedes Classe E 320 Bluetec, l’ottima strada per il rispetto ambientale

da , il

    Mercedes Classe E 320 Bluetec, l’ottima strada per il rispetto ambientale

    Sempre piena di risorse la Mercedes, l’ultima, in ordine di tempo, la Classe E 320 Bluetec.

    Verrà presentata a gennaio al Motor Show di Detroit e, non a caso, è stata scelta quella vetrina, visto che la commercializzazione di questa vettura inizierà proprio negli States, per 51.000 dollari, in Italia, invece, vedremo la Bluetec nel 2008.

    Ma perché tanta attenzione per questo modello da parte dei Media e dell’opinione pubblica, in generale? Perché, Bluetec è un mix, ben dosato, di eleganza, confort, potenza dei propulsori ma, soprattutto, bassi consumi e profondo rispetto dell’ambiente.

    Ciò in quanto la berlina di Stoccarda utilizza uno dei gasoli più puliti fin’adesso disponibili, a bassissimo contenuto di zolfo e, come ci dice Thomas Weber responsabile Sviluppo della DaimlerChrysler AG e della Mercedes Car Group «La disponibilità di questo carburante verde costituisce una opportunità che noi vogliamo sfruttare in fretta». Si chiamerà “Ultra Low Sulphur Diesel” (ULSD) e sarà disponibile, all’inizio, in 76.000 distributori negli USA. Ma anche con un carburante più ecologico, la vera rivoluzione del diesel si chiama Bluetec, con un consumo di carburante inferiore del 20-40% rispetto a un’auto a benzina e propone un valore di coppia più elevato del 30-50%”.

    La Mercedes Classe E 320 Bluetec adotta un motore a 6 cilindri da 3,0 litri di cilindrata in grado di fare accelerare la vettura in appena 6 secondi e mezzo da 0 a 100 orari e capace di percorrere con un litro di gasolio circa 15 chilometri, tutto ciò, senza mai trascurare la sicurezza di guida, la raffinatezza degli interni, la classe, l’eleganza, il confort e tutte quelle doti di Casa in….. Casa Mercedes.

    Che la tecnologia Bluetec sia vincente lo testimonierebbe il fatto che altri modelli Mercedes si stanno attrezzando in questo senso, lo faranno anche i modelli della Serie R, ML e GL, del resto che questa sia la strada da seguire l’avevano capito anche gli americani, la Jeep Cherokee Bluetec ne è un esempio recente.

    Insomma, bisogna dare atto alle Case automobilistiche di stare, gradatamente, prendendo coscienza che non ci può essere sviluppo tecnologico senza passare dal rispetto ambientale.