Mercedes Classe R: una monovolume che si veste da coupè e non solo

Mercedes Classe R: una monovolume che si veste da coupè e non solo
da in Mercedes, Mercedes Classe M, Mercedes Classe R, Monovolume
Ultimo aggiornamento:

    Una monovolume da grandi, la Mercedes Classe R, per viaggiare anche in sei, nel confort, nell’eleganza e nella massima raffinatezza.

    La Classe R, tuttavia, si adatta ai palati più esigenti perché, pur essendo una monovolume e su questo non ci piove, si potrebbe collocarla, almeno in fatto di abitabilità, ad una lussuosa berlina che si guida come una coupè, grazie alla sportività del suo motore e fin’anche un crossover per le peculiarità di quest’auto. Insomma, volendo giocare coi segmenti, quattro auto…. in…. una!

    Ma al di là delle impressioni, sono i dati a parlare, un’ ampia scelta di motori, dal più piccolo, si fa per dire, di 2.900 cc. da 224 cavalli di potenza, che supera i 220 km orari di velocità massima, accelera in 9 secondi, da 0 a 100 orari e con 1 litro di gasolio non percorre più di 10 chilometri e mezzo, al più grande, tenendo fuori le versioni AMG, di 5,0 litri da 306 cavalli di potenza, brillante e piacevole da guidare, potente quanto basta, con accelerazioni, da 0 a 100 orari in 7 secondi e velocità massima da 250 km/h che con 1 litro di carburante non percorre, però, più di 7 chilometri e mezzo. E, poiché i latini dicevano che la verità sta a metà, forse la soluzione più sensata per chi acquista quest’auto, sarebbe la scelta della versione intermedia, con motore da 3,5 litri di cilindrata da 272 cavalli di potenza che accelera in 8 secondi e mezzo, raggiunge i 230 km/h di velocità massima e con un litro percorre, circa 9 chilometri di strada.

    Una cosa è certa, comunque la si scelga, la Mercedes Classe R, ha comportamento stradale ineccepibile, con sospensioni che assorbono ogni asperità della strada e la trazione integrale che la fa avvinghiare su ogni fondo, anche il più scivoloso. Da segnalare che la Classe R eredita quasi tutto dalla “sorella “ Classe M, con la differenza, fermo il resto, che la prima esiste anche in versione allungata che rispetto alla corta perde un tantino in fatto di prestazioni, ma nulla di che.

    Invece quei 25 centimetri in più si sentono all’interno, non tanto ai fini dell’abitabilità che è buona in tutte le versioni, quanto in fatto di piano di carico, perché per auto nate per tante persone, la soluzione adottata per il vano bagagli è davvero una delusione nella Classe R se si considera che la corta ha un bagagliaio di appena 244 litri che possono diventare quasi 2.000 a sedili abattuti, ma immaginiamo cosa accade quando la vettura viaggi a pieno carico.

    Esteticamente, la Classe R, è fra le monovolume più riuscite, dove i progettisti tedeschi avendo adottato un design contraddistinto da linee dinamiche son riusciti a farla sembrare più piccola, esternamente e compatta di quanto in effetti sia, se si pensi che parliamo di una vettura di quasi 5 metri di lunghezza e quasi 520 centimetri nella forma allungata. Classicheggiante guardandola davanti, le tante cromature esterne la rendono elegante e raffinata, come accade anche per gli indicatori di direzione posti all’interno degli specchietti retrovisori esterni.

    All’interno si respira aria da prima classe Premium, eppure, per renderla al top bisogna pagare optional che inspiegabilmente non sono di serie in un’auto del genere, fatto che, almeno da questo punto di vista, la rende deludente, basti pensare che non è prevista di serie la pelle e costa più di 1.000 euro aggiungerla e, addirittura, gli alzacristalli elettrici non sono per tutti, insomma, poco democraticamente nella Classe R, gli ultimi sono svantaggiati, se vogliono gli alzacristalli elettrici bisogna pagarli quasi 250 euro; inconcepibile!

    Ricca, al di là di queste manchevolezze, la dotazione di serie, con 6 airbag, climatizzatore automatico bi-zona, cerchi in lega leggera da 18 pollici di diametro, sofisticato impianto radio/cd/mp3 con comandi al volante, volante regolabile in altezza e profondità, 4 freni a disco autoventilati gli anteriori, fari allo xeno, fendinebbia, ASR, ABS con ESP.

    Per quanto riguarda i prezzi, questi potrebbero essere la vera spina nel fianco della Classe R, visto che si parte da più di 52.000 euro e man mano si sale, 53.300 euro, 56.000, 70.000 fino a 75.000 euro, per le versioni lunghe bisognerà aggiungere un paio di migliaia di euro. Per gli allestimenti AMG è un’altra storia, con prezzi che superano anche i 110.000 euro.

    707

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MercedesMercedes Classe MMercedes Classe RMonovolume
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI