Salone di Parigi 2016

Mercedes G63 AMG Sahara Edition by Mansory, tuning mimetico da 828 cavalli [FOTO]

Mercedes G63 AMG Sahara Edition by Mansory, tuning mimetico da 828 cavalli [FOTO]

    Mansory, azienda svizzera che realizza elaborazioni di vetture di grande potenza, stavolta ha sviluppato un modello che esprime bene la natura di questo veicolo, la forza e la brutalità della Mercedes G63 AMG oggi hanno una veste mimetica che ne esalta le forme possenti e vigorose, e il nuovo propulsore rivisto appositamente per questa occasione è un qualcosa di sensazionale ed estremo proprio come questa Sahara Edition, una rivisitazione speciale per coloro che sognano avventure epiche e che non hanno paura di spostarsi con un mezzo da 828 cavalli di potenza.

    Mercedes G63 AMG Sahara Edition by Mansory 2

    Parlando di ciò che si vede all’esterno, i colori mimetici della carrozzeria conferiscono alla Mercedes-Benz G63 un aspetto da vero mezzo d’assalto per operazioni nei deserti, inoltre i ritocchini estetici operati da Mansory valorizzano le forme di questa celebre icona teutonica, che sembra perfetta per chi ha un grande spirito di avventura, e per coloro che non temono di addentrarsi in qualunque tipo di sentiero. La carrozzeria è sviluppata in fibra di carbonio, e risulta più larga di 80 millimetri rispetto a quella di un tradizionale G63 AMG. Per completare l’opera sono stati scelti dei cerchi in lega da 22 pollici, per pneumatici di dimensioni 305/35/22, ed è stato aggiunto un gruppo supplementare di fari sul tetto. Ma la vera perla di questa vettura è quello che troviamo nel vano motore, si perché il Mercedes G63 AMG Sahara Edition realizzato da Mansory ha un motore V8 5.5 litri, che a differenza del G63 originale non sviluppa 536 cavalli, ma bensì 828 cavalli (618 kw), qualcosa di mostruoso che è in grado di erogare una coppia massima che è sostanzialmente limitata a 1.000 Nm.. Anche altre parti della componentistica sono state riguardate dalla Mansory, come ad esempio l’impianto di scarico in acciaio inossidabile, gli alberi a gomiti, pistoni e teste dei cilindri, secondo quanto segnalato.

    La parola adesso va agli interni, che riprendono la falsa riga di ciò che troviamo all’esterno cioè la veste militare, realizzati con una cura del dettaglio quasi maniacale. Nell’abitacolo non manca l’eleganza tipica del marchio, che ben si abbina con lo spirito battagliero di questo modello, creando un connubio perfetto, due anime in una. I sedili sono rivestiti in Alcantara, come dimostrazione di non voler lasciar nulla al caso, mentre il quadro strumenti dalla colorazione verde chiaro e gli stessi motivi che accentuano le forme dei vari componenti, danno un tocco di selvaggio ideale per l’avventuriero che vorrà riservarsi il piacere di possedere questo magnifico oggetto.

    475

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI