Motor Show Bologna 2016

Mercedes GLS 63 AMG 2016: prezzo, motore e prova su strada [FOTO]

Mercedes GLS 63 AMG 2016: prezzo, motore e prova su strada [FOTO]
da in 4X4, Auto 2016, Auto di lusso, Auto nuove, Fuoristrada e SUV, Mercedes, Mercedes GLS, Prove auto su strada
Ultimo aggiornamento: Giovedì 17/11/2016 16:14

    Una prova su strada e in fuoristrada della Mercedes-AMG GLS 63 è sempre un’esperienza esaltante. Stiamo parlando di un autentico mostro sacro. Con i suoi 585 cavalli è quasi il SUV più potente del mondo. Escludendo la cugina G 65 da 630 cavalli, che è un fuoristrada puro, solo la Bentley Bentayga ha una potenza superiore alla GLS 63, 608 cavalli; ma costa quasi settantamila euro in più. La prova della Mercedes-AMG GLS 63 ha come scenario l’autodromo di Monza, nel cui parco circostante sono state condotte le escursioni in fuoristrada; l’occasione è stata la 73ma edizione dell’Open d’Italia di golf, di cui Mercedes-Benz fornisce le auto ufficiali, disputata dal 15 al 18 settembre nella magica ambientazione brianzola. Il motivo tecnico e commerciale all’origine di questo test drive è la “4Matic Attack“. Infatti sta per compiere 30 anni la trazione integrale Mercedes a controllo elettronico, l’evoluzione moderna di un sistema che risale ai primi del Novecento, 1903 per la precisione. Andiamo dunque a scoprire la belva con la stella.

    Mercedes GLS 63 AMG 6

    L’eleganza è dentro ma fuori questo SUV incute timore. Per le dimensioni, certo, poi quei dettagli che rivelano l’esistenza di un animale da combattimento sotto il cofano. Davanti si distingue soprattutto per il pronunciato spoiler che assolve anche al compito di dirigere parte dell’aria all’interno per far respirare il poderoso V8; naturalmente ha il suo marcato effetto estetico. Nella calandra spiccano le doppie lame nere lucidate a specchio e cromate a circondare la stella a tre punte. Incastonata dentro una di esse è una targhetta con la scritta AMG. Passando al profilo, le scritte V8 Biturbo campeggiano a chiare lettere accanto ai parafanghi. Non si possono non notare i grossi parafanghi e i predellini in alluminio, per un inconfondibile aspetto di SUV cattivo. I cerchi da 21 pollici hanno un disegno a razze incrociate. I vetri posteriori oscurati aggiungono decisione al resto. La coda non è meno grintosa, tra il marcato spoiler, l’elemento simil-estrattore in basso e il predellino in acciaio per l’accesso al vano bagagli. Chiudono il tutto i quattro altrettanto cattivi terminali di scarico, di forma romboidale, cromati e anch’essi marchiati AMG.

    15C1115_016

    La Mercedes-AMG GLS 63 è un SUV a sette posti. Le sue misure sono per forza di cose imponenti, proprio perché appartiene al segmento delle vetture di grandi dimensioni. Tendenzialmente, si tratterebbe di una Classe S molto rialzata e senza giacca e cravatta. Mercedes GLS 63 AMG 32 La lunghezza massima racconta tutta la storia: 5.162 millimetri, intorno ad un passo di 3.075 mm. La larghezza è di 1.982 mm, l’altezza di 1.850 mm. Il peso in ordine di marcia (liquidi+conducente+bagagli) di 2.580 Kg conferma anche numericamente l’impressione visiva di un’automobile decisamente massiccia. Passando al bagagliaio, a seconda della posizione dei sedili centrali e posteriori, il volume di carico passa da ordinari 680 a sconfinati 2.300 litri.

    Mercedes GLS 63 AMG 21

    Quando saliamo su una vettura che porta il marchio della stella ci attendiamo un certo livello di qualità anche negli interni, in particolare quando si tratta di una cugina della Classe S. Non dimentichiamo che un SUV è un veicolo che viaggia soprattutto su strada ordinaria e ogni tanto si presta a scatenarsi sugli sterrati. Quindi il comfort e, in questo caso, il lusso sono preminenti e obbligatori. Non perdiamo nemmeno tempo a fare l’elenco, sulla CLS 63 c’è tutto il lusso che vi aspettereste nel modo in cui lo attendereste. I dettagli che differenziano questa versione dal resto della gamma partono dal volante Performance con corona appiatita e palette in alluminio alla pelle Nappa (a richiesta senza sovrapprezzo) e agli inserti in alluminio o carbonio (questi ultimi opzionali). Diverse targhette AMG ci ricordano in cosa siamo seduti, come se le prestazioni non bastassero.

    Mercedes GLS 63 AMG 27

    Il cuore pulsante della belva è l’esuberante motore a benzina V8 5.4 biturbo. La potenza massima è enorme, ben 585 cavalli raggiunti a 5.500 giri. Altrettanto poderosa è la coppia massima, misurata in 760 Newton metri: desta impressione l’arco di erogazione, da 1.750 a 5.250 giri. Tanto per ricordarci che i motori a benzina viaggiano ad altezze che i diesel non possono raggiungere. Tutta questa scuderia è in grado di spingere il pesantissimo e altissimo SUV come se fosse una leggera coupé. Parliamo infatti di un’accelerazione da 0 a 100 Km/h in soli 4″6. La velocità massima è, come sempre, limitata elettronicamente a 250 Km/h; tuttavia col pacchetto di serie AMG Driver’s Package è possibile salire a 270. Va da sé che una tale potenza genera una quantità enorme di calore da smaltire. A tale proposito il radiatore è stato maggiorato e sono state applicate delle speciali aperture sul cofano per migliorare la ventilazione. Il design ispirato dalla funzione è sempre l’espressione più intelligente dell’arte sublime di progettare automobili. La capienza del serbatoio della benzina a 100 litri dovrebbe suggerirci che tutta questa potenza ha un prezzo in termini di consumi. Tuttavia fa semplicemente ridere l’idea che chi ha le disponibilità economiche per acquistare un veicolo di questo tipo abbia la benché minima preoccupazione per i consumi. Fino a quando la propulsione elettrica non diventerà una realtà in grado di rimpiazzare i motori a combustione in ogni loro espressione, godiamoci in pace questi bruciatori di idrocarburi. Delle emissioni non vogliamo nemmeno parlare, proprio non ce ne frega niente quando abbiamo davanti un’auto del genere. Riportiamo comunque i dati sui consumi forniti dal costruttore, misurati durante i test europei Nedc. Nel ciclo combinato abbiamo 12,3 litri per 100 Km, pari ad una percorrenza di 8,1 Km/l. Nel ciclo urbano troviamo la bellezza di 15,8 litri, cioè 6,3 Km/l. Tutto sommato, neanche male: spingiamo un’utilitaria da 70 cavalli a tavoletta in autostrada e otterremo cifre non troppo distanti.

    Mercedes GLS 63 AMG 5

    La potenza è inutile se non si riesce a scaricare a terra in modo efficace. Quando i cavalli sono così tanti, trasmissione e tecnologia di trazione sono ancora più importanti. La trazione integrale permanente Mercedes 4Matic è il cuore di questo sistema. Il controllo elettronico esordì quasi 30 anni fa e si è costantemente evoluto. Oggi la 4Matic ha un’alta integrazione con gli organi della trasmissione. Infatti la meccanica è inserita proprio nel cambio automatico, che nella GLS 63 è il 7G-Tronic Speedshift Plus AMG. Ciò riduce complessità e peso. Perché l’elettronica nell’automobile attuale è padrona. Gestisce già tutto, quindi perché non farglielo fare in modo centralizzato? Tutto diventa più semplice ed efficiente, eliminando le ridondanze (che si traducono in costi e pesi). Sui modelli AMG come questo la ripartizione della coppia è calibrata al 60% al posteriore e al 40% all’anteriore. Nel pacchetto opzionale Offroad sono disponibili anche ulteriori possibilità di personalizzazione a quelle già offerte dai normali programmi del Dynamic Select; ci sono anche le marce ridotte e la possibilità di bloccare il differenziale centrale. Tra i programmi disponibili di serie, lo Sport+ è quello che scatena tutta la potenza selvaggia del V8 e la accompagna con tempi di cambiata istantanei e adeguate reazioni di sterzo e ammortizzatori. A proposito delle sospensioni pneumatiche attive Airmatic, sulla GLS 63 sono tarate con assetto sportivo Ride Control AMG. La regolazione del livello di altezza dal suolo è continua. Il sistema comprende anche la stabilizzazione attiva del rollio Active Curve System: apposite barre stabilizzatrici trasversali su entrambi gli assi riducono l’angolo di rollio in curva, ai fini di una migliore precisione e maggiore stabilità, quindi performance, divertimento e sicurezza, in particolare alle alte velocità che qui si raggiungono terribilmente presto.

    Mercedes GLS 63 AMG 13

    Si può dire o cercare ciò che si vuole ma la differenza la fa sempre il motore. Questo mostro sotto il cofano della Mercedes-AMG GLS 63 è uno spettacolo dell’esuberanza pura, della follia di qualcosa che non ha abbastanza strade per potersi scatenare sul serio, dell’ebbrezza di raggiungere in pochissimi secondi velocità da paura; un’ebbrezza che può stordire quanto quella alcolica, per cui è necessario tenere gli occhi bene aperti e ricordare che, anche se non sembra di andare così forte, si sta viaggiando comunque molto rapidamente. Certo è un piacere ogni tanto “sverniciare” SUV e berlinone di alto prestigio come se fossero semplici utilitarie. Il controllo è sempre perfetto, a patto di non esagerare, tentazione sempre in agguato con un mezzo del genere. Ma la GLS 63 va in scioltezza anche nelle situazioni di fuoristrada puro. Tra le rampe artificiali e in un percorso ricavato costeggiando il tracciato monzese in corrispondenza della curva parabolica, la GLS si “beve” gli ostacoli come se fossero acqua (o benzina, che è più appropriato). La coppia è tale da far dimenticare i diesel. Disporre di 760 Nm significa riuscire ad arrampicarsi su pendenze da capre con un filo di gas, riuscendo a dare quell’accelerazione moderata ma costante necessaria nei percorsi fuoristrada. Una parola sola per definire il comportamento di questa vettura: eccezionale.

    La Mercedes-AMG GLS 63 consiste in un allestimento unico. Tra gli equipaggiamenti e i servizi di serie, oltre a quelli ovvi, segnaliamo un corso base di un giorno in pista alla AMG Driving Academy. Poi c’è tutto il kit aerodinamico AMG. La lista delle personalizzazioni possibili è sconfinata. Il prezzo di listino chiavi in mano, quindi incluse Iva e messa in strada ma esclusa Ipt, è di 148.350 euro.

    1831

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI