Mercedes Mojave Runner, la bizzarria a fin di bene!

da , il

    Mercedes Mojave Runner, la bizzarria a fin di bene!

    E chi l’ ha detto che l’ auto la si debba guardare sempre con gli stessi occhi, ovvero, chi ci dice che dal disegno di una automobile non possano venire spunti interessanti per l’ utilizzo di quest’ ultima in altre risorse che non siano, per forza, quelle più comunemente riconosciute alle autovetture?

    Un esempio, in tal senso, ce lo offre Mercedes con la sua concept car, Mojave Runner, disegnata al Centro Stile Mercedes ed esposta al concorso di design di Los Angele, nella fase preparativa del prossimo Salone dell’ Auto.

    Le immagini danno l’ idea di una vettura terrificante, un misto fra un veicolo Jurassiko e una navicella spaziale, venuta male. Ma in effetti, tale design tanto particolare risponderebbe, almeno nella volontà dei progettisti, al tentativo estremo di dotare quest’ auto di caratteristiche che le consentano utilizzi fuori dal normale e non solo in fatto di propulsori, dei quali non si conosce molto, ma di meccaniche avanzate che trarrebbero benefici da alcune caratteristiche riscontrate nel disegno di questa automobile. Una per tutte la disposizione delle ruote, completamente “ estranee “ al resto della vettura.

    Tuttavia, occorre ricordare che operazioni del genere, come quelle attuate a Los Angeles hanno scopi precisi che esulano dalla bizzarria di quello o quell’ altro designer o progettista. Quanto invece trovano motivo d’ esser, da esperimenti passati al vaglio per futuri utilizzi, quali, nello specifico, l’ adozione di nuovi propulsori che un’ eventuale futura vettura del genere potrebbe adottare in via definitiva. Così che, sappiamo sin da adesso che la Runner monterà un motore avveniristico che vanterebbe una propulsione ibrido gas-elettrico che sfrutterebbe un generatore fuel cell che trarrebbe energia direttamente dall’ idrogeno. Nello specifico questa concept dovrebbe anticipare la vettura definitiva da utilizzarsi per operazioni varie di salvataggio a cura, per esempio, della Protezione Civile.

    Davanti a studi tanto seri riguardante il futuro delle automobili, c’è poco da scandalizzarsi per le forme ardite di una concept car, meglio far lavorare chi di dovere, in tranquillità