Microcar: c’è crisi del settore

Microcar: c’è crisi del settore
da in Microcar, Mondo auto, Sicurezza Stradale
Ultimo aggiornamento:

    Brutta aria intorno alle microcar

    Tira brutta aria intorno alle microcar, infatti, dopo un periodo di relativa calma sulle vetturette che popolano le nostre città, venti di guerra si agitano come vortici attorno queste vetture bonsai.

    A funestare il cammino delle microcar diversi fattori, per la verità sicuramente valide le motivazioni che osteggiano lo sviluppo di questo mercato che vede il costo delle vetturette spropositato rispetto alle auto tradizionali, motivato dal fatto che la produzione di questi veicoli è ancora artigianale e non industriale. Inoltre, finiscono coinvolte più delle automobili in incidenti dove hanno spesso la peggio, quasi sempre perché condotte con spregiudicatezza da automobilisti troppo giovani e incuranti delle regole del Codice della Strada e non sono pochi i sindaci che li vogliono bandire dai centri storici. Se poi si sposterà l’età per poterle guidare, dagli attuali 14 anni a 16 o addirittura solo con la maggiore età, il mercato delle microcar sarà destinato a subire un contraccolpo, almeno in Italia.

    Ovvia la reazione dei produttori; C’è molta confusione sulle vetturette – spiega Stefano Casalini, uno dei maggiori produttori europei di questi veicoli e presidente del Gruppo Quadricicli di Confindustria Ancma, l’associazione nazionale ciclo e motociclo – e tutto nasce dal fatto che si continuano a paragonarli alle auto. Ma le microcar sono ciclomotori, solo molto più sicuri: io li definisco “scooter con il casco integrale”, che in questo caso non protegge solo la testa ma tutto il corpo”.

    Certo il parere del costruttore Casilini ha la sua valenza, tant’è che le microcar, per quanto si sforzino di somigliare alle auto si differenziano non poco da queste, infatti sono anche tecnologicamente costruite in maniera diversa, insomma sono degli scooter modificati e, come gli scooter, constano di telaio in tubi. Per quanto concerne i limiti di queste vetturette, il primo è il peso ridotto, difficilmente superano i 400 chilogrammi, ma anche di potenza, da 5 cavalli e mezzo di potenza a 20 e 4 ed una velocità massima di 45 km/h, mentre i prezzi sono proprio da auto, visto che partono da oltre 10.000 euro.

    Eppure, in ambito alla sicurezza stradale, da questo punto di vista sono un mezzo disastro, basti solo un dato di Aci Istat, che indica che su 100 minicar circolanti nel 2006 più di una e mezza ha avuto un incidente serio, mentre meno di un’auto su 100, nello stesso periodo, ha accusato un sinistro.

    C’è chi amplifica le virtù di questi mezzi a partire da Massimo Nordio, amministratore delegato della filiale italiana del più grande costruttore di auto del mondo, la Toyota che dichiara che “in queste microcar c’è qualcosa di geniale: in una città caotica come Roma una macchinina così compatta è la soluzione ideale. Soprattutto perché rende possibile entrare in centro e parcheggiare dove nessuna auto ci riuscirebbe. Le microcar sono un’idea viaggiante, un’esemplificazione perfetta del concetto di dimensioni ridotte al minimo. Al punto che una volta, per far capire in modo immediato ai colleghi giapponesi perché in città stritolate dal traffico sono importantissime le macchine microscopiche, mi sono presentato a cena guidando una microcar: ha funzionato più di mille discorsi…”.

    Dunque sul piatto della bilancia i pregi di questi veicoli ci sarebbero ma anche i difetti che addirittura supererebbero le qualità, fra i tanti, poterli guidare senza patente e questo è un difetto, vedersi davanti un’automobilista a cui è stata tolta la patente magari per una grave violazione, un altro difetto. Poi se parliamo di una sorta di nuovo che avanza, mah…. tanto da ragazzini le microcar non sono, basta un altro dato per rendersene conto, nel 59 per cento dei casi a guidare una minicar è un ultra 50enne (solo il 5% ha un’età compresa tra i 16 e i 25 anni) e nel 48% dei casi è un pensionato. Insomma, è vero che esistono i baby pensionati, ma non tutti i possessoi di microcar lo sono!!

    668

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MicrocarMondo autoSicurezza Stradale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI