Salone di Parigi 2016

Migliori auto di segmento C 2016: la classifica [FOTO]

Migliori auto di segmento C 2016: la classifica [FOTO]
da in Auto 2016, Auto nuove, Berline, Bmw, Classifiche auto, Fiat, Ford, Opel, Toyota
Ultimo aggiornamento: Domenica 24/04/2016 15:50

    Migliori auto di segmento C 2016: la classifica - Le berline compatte sono le preferite dei clienti del Vecchio Continente. Il segmento C, infatti, è quello che fa i numeri migliori nel panorama europeo ed è per questo che quasi ogni casa automobilistica propone un modello in questa classe. La regina indiscussa delle vendite è l’inossidabile Volkswagen Golf, giunta alla sua settima generazione, ma ci sono varie pretendenti al titolo che sanno sfoderare armi davvero interessanti. Ad esempio c’è chi compatte a colpi di design, un punto su cui la Golf si “sbilancia” poco. C’è chi, invece, punta di più sul piacere di guida o chi ancora punta sui contenuti esclusivi. Andiamo a scoprire quali sono le migliori auto di segmento C del 2016.

    Con il recente restyling la Toyota Auris segue le orme della sorella maggiore Avensis e si rifà leggermente il trucco per apparire più giovane e piacente, ma il tutto senza stravolgere la linea originale. Il muso, ad esempio, ha ricevuto una nuova griglia, accompagnata da nuovi gruppi ottici più aggressivi ed “accigliati” se vogliamo, accompagnati da un paraurti rivisto. É lunga 433 centimetri, larga 176 centimetri ed alta 148 centimetri. La gamma motori prevede unità benzina, diesel e ibrida con potenze che vanno da un minimo di 90 cavalli fino ad un massimo di 136. Il listino prezzi parte da 22.000 euro.

    LEGGI ANCHE: Toyota Auris 2015, restyling: arrivano il motore turbo e il TSS [FOTO]

    La nuova Ford Focus si è rinnovata non solo nello stile, ma anche nei contenuti, a partire da nuovi motori Ecoboost. Cambia principalmente nel frontale e nel posteriore, dove adotta gli stilemi del più recente family feeling della casa. Il frontale, a differenza di quanto accaduto con la Fiesta, è un po’ meno “Aston Martin”, e si distingue dal modello uscente per i nuovi fanali, più sottili e rastremati nelle linee. Diverso è anche il disegno del paraurti, con una mascherina centrale trapezoidale, nonché nuovi fendinebbia integrati in delle mostrine nere con un bordino cromato inferiore. Dentro, invece, la plancia viene semplificata dalla miriade di pulsanti che prima affollavano la consolle centrale: adesso, al loro posto, c’è l’ampio schermo touchscreen del sistema multimediale. In termini di motori la scelta spazia tra unità benzina, diesel e GPL, con potenze che vanno da un minimo di 95 fino ad un massimo di 350 cavalli. I prezzi di listino partono da 19.000 euro.

    LEGGI ANCHE: Nuova Ford Focus: motori, dimensioni e prezzo, anche Gpl, ST e RS [FOTO]

    Il restyling della BMW Serie 1 ha cancellato ogni traccia di quel frontale che fin dal momento del lancio aveva fatto storcere il naso a molti. I controversi fari anteriori lasciano il posto a due elementi più simili alle forme adottate sulla Serie 3, seppur senza il collegamento diretto con la calandra. Si estendono orizzontalmente, regalando un frontale più slanciato e lineare. Da sottolineare, poi, che la BMW Serie 1 è l’unica berlina di segmento C ad essere proposta con la trazione posteriore ed un raffinato schema sospensivo, sia davanti che dietro. Disponibile con varie configurazioni (cambio manuale o automatico, trazione integrale in opzione, ecc.), offre un’ampia scelta di motori con potenze da 95 fino a 326 cavalli. I prezzi, invece, partono da 23.100 euro per la tre porte.

    LEGGI ANCHE: Bmw Serie 1 2015 restyling: prezzi di listino, motori e scheda tecnica [FOTO]

    Non sarà rivoluzionaria nello stile o nei contenuti, ma la Fiat Tipo è davvero una ventata di novità all’interno del segmento C. Perchè? Perchè per la prima volta da anni una casa ha deciso di smetterla di cercare di rivaleggiare con la Volkswagen Golf (quasi sempre la guerra finisce con una solenne sconfitta) e di affrontare un’altra parte del segmento C. La nuova Tipo, infatti, è un’auto più generalista e meno premium della tedesca. Non chiamatela low cost! Basta vederla dal vivo e provarla per capire che non si tratta di una vettura realizzata andando al risparmio. I motori sono quelli giusti per il tipo di auto, senza alcuna velleità corsaiola sanno muovere la berlina senza problemi. E la dotazione di serie è veramente ricca. Ciliegina sulla torta? Un prezzo di listino che parte da soli 14.500 euro, ma che in fase di lancio scende a 12.500 euro.

    LEGGI ANCHE: Nuova Fiat Tipo 2015: prova su strada, prezzo, interni e motori [FOTO]

    E’ un rinnovamento deciso quello messo in campo da Opel per la Nuova Astra. Si alleggerisce notevolmente, accoglie propulsori rinnovati e stravolge lo stile degli interni. Pesa tra i 120 e i 200 kg meno dell’Astra uscente dal mercato, pur essendo sviluppata sul medesimo pianale Delta, fortemente rivisto con l’adozione di acciai ad alta resistenza, unitamente a una carrozzeria alleggerita del 20%. Elementi che vanno a tutto vantaggio dei consumi e della guidabilità. Lo stile si fa più spigoloso, esaltando alcuni tratti in particolare, come il muso e la coda. Interessanti le dotazioni, che la avvicinano quasi alle vetture di segmento superiore. I motori hanno potenze che vanno da un minimo di 95 fino ad un massimo di 150 cavalli, mentre il listino prezzi parte da 17.600 euro.

    LEGGI ANCHE: Nuova Opel Astra 2015: motori, caratteristiche tecniche e prezzo di listino [FOTO]

    985

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI