Mille Miglia 2010: percorso rinnovato e boom di iscrizioni

La Mille Miglia 2010 si prepara ad accendere i motori

da , il

    Mille Miglia 2010 percorso

    Come tutti gli anni, la Mille Miglia ha saputo destare un grande interesse: 1.400 le domande di iscrizione registrate per la prossima edizione. Numeri da record per la gara di auto storiche che non conosce crisi, essendo a tutti gli effetti un “bene di lusso”. E’ conosciuta come la corsa più bella del mondo, secondo la definizione di Enzo Ferrari, grande estimatore (nonchè “addetto ai lavori” con la sua scuderia alle prime armi) della manifestazione durante il suo periodo d’oro. Anche oggi, che è “solo” una gara di regolarità, la Mille Miglia è un evento di risonanza internazionale, affascinante e sempre più glamour.

    La nuova organizzazione le ha dato un tocco più cosmopolita e meno “sporco”, ma dopotutto sono finiti i tempi in cui piloti infangati venivano acclamati dalle folle impazzite ai lati delle strade. Oggi la Mille Miglia è il richiamo d’eccellenza per il jet set e viene portata in tutto il mondo attraverso il Roadshow internazionale, che quest’anno ha visto anche una tappa ad Abu Dhabi.

    Siamo davvero molto soddisfatti – ha dichiarato Alessandro Casali, Presidente del Comitato Organizzatore della Mille Miglia – le richieste di iscrizione infatti sono aumentate negli ultimi 2 anni“. L’interesse per la manifestazione è giunto da ogni parte del mondo. Tutti i continenti hanno registrato un afflusso, grande o piccolo, di richieste d’iscrizione. Partecipare alla Mille Miglia non costa poco, per questo la gara è riservata ai cultori della materia, agli appassionati di vetture d’epoca; e a coloro che praticano questo tipo di sport, tutt’altro che statico, come invece potrebbe sembrare.

    Non bisogna dimenticare che la Freccia Rossa è soprattutto una competizione, e non si può pensare di vincere senza un intensivo e costante allenamento. Le vetture necessitano di una cura quasi maniacale, mentre lo stile di guida deve necessariamente adattarsi a una tecnologia fortemente obsoleta e soprattutto poco accomodante con l’equipaggio.

    La qualità delle auto che parteciperanno alla Mille Miglia 2010 è davvero straordinaria – ha detto Sandro Binelli, Segretario Generale del Comitato Organizzatore -. Siamo contenti che l’appello fatto ai collezionisti perché fossero candidati modelli diversi di auto sia stato accolto in pieno. Siamo riusciti quest’anno a dare un’ampia varietà di vetture che ha corso la Mille Miglia storica e abbiamo registrato un aumento nelle iscrizioni di auto che hanno realmente corso la Mille Miglia“.

    Tra le novità dell’edizione 2010, segnaliamo innanzitutto le modifiche al percorso. Quest’anno si assiste al passaggio di testimone tra Ferrara e Bologna, e all’introduzione nel percorso delle tappe di Sirmione, Casal Maggiore e Manerbio. Previsto inoltre un evento nell’evento: il Ferrari Tribute to Mille Miglia, che consiste nella sfilata di 100 vetture del cavallino costruite dal 1958 (anno del famoso incidente che sancì la fine della Mille Miglia storica) ai giorni nostri.

    Ecco, in foto, un assaggio delle 375 auto storiche che hanno partecipato alle passate edizioni. E qui sotto, il percorso della Mille Miglia 2010.