Mini Diesel: per saperne di più

da , il

    Mini diesel: bassi consumi, ottime doti, prezzi elevati

    A vederla da fuori si fa fatica a riconoscerla dagli altri modelli a benzina, la Mini Diesel che però ha in serbo un bel motore di 1.600 cc. da 109 cavalli di potenza che, in marcia, la rende ancora più difficilmente indistinguibile dalle altre motorizzazioni.

    Infatti, una Mini diesel non farà rimpiangere i modelli a benzina per prestazioni, ma col grande vantaggio di consumare molto meno, peccato sia rumorosa in accelerazione. Stranamente il motorre di questa versione non è costruito da BMW, lo produce, invece, Ford insieme a Citroen e Peugeot.

    In questa versione si apprezzano da subito le doti di scatto felino con un?accelerazione di 10 secondi da 0 a 100 orari e una velocità massima che per un pelo non tocca i 200 orai con un consumo davvero concorrenziale, visto che con 1 litro percorre quasi 23 chilometri.

    Gli interni sono adeguati e riprendono, più o meno, gli stessi temi dei modelli a benzina con una dotazione di serie non elevatissima, visti i troppi optional da pagarsi a parte, ESP in testa, che in Mini si chiama DSCIII. Il fatto di aver lasciato fuori molti accessori, pensiamo al navigatore satellitare, è un vero peccato, potendola penalizzare nei rapporti con le concorrenti più dirette del mercato.

    Quasi inesistente il bagagliaio anche in questa versione, buona l?abitabilità solo per i passeggeri anteriori, i posteriori dopo qualche chilometro vi chiederanno di scendere, la Mini D così come si presenta costa 22.500 euro, ma se la volete ?vestire ? al meglio, potrebbero soccorrervene anche 25 mila e passa.