Salone di Parigi 2016

Mini First: la nuova low cost anti-crisi

Mini First: la nuova low cost anti-crisi

Si chiama Mini First e può essere considerato il modello low-cost del famoso marchio: una tre porte, con motore da 75 CV e cambio manuale a sei marce, che costa circa 1

da in Auto Economiche, Auto nuove, Mini, Mini-One
Ultimo aggiornamento:

    Mini First

    Una nuova auto sta per essere lanciata sul mercato inglese. Si chiama Mini First e può essere considerata il modello low-cost del famoso marchio: una tre porte, con motore da 75 CV e cambio manuale a sei marce, che costa circa 1.600 euro in meno rispetto alla “sorella maggiore” Mini One.

    A partire dal suo debutto sul mercato, agli inizi del decennio, la Mini è sempre stata percepita e commercializzata come una vettura di prima fascia; anche le varianti meno impegnative costano più di tante altre compatte, tant’è che in breve tempo si è imposta come un vero e proprio status symbol, diventando nell’immaginario di tutti l’auto delle giovani generazioni rampanti.
    Ma forse tutto questo sta per cambiare, perché Mini UK ha appena lanciato la First, un nuovo modello “popolare” destinato a tutti coloro che vogliono entrare nel fascinoso mondo delle Mini spendendo un cifra ragionevole. Un altro passo in direzione di un rilancio delle vendite in tempi di crisi, che segue il debutto della Mini One D.

    La nuova Mini First – disponibile solo come tre porte con cambio manuale a sei velocità – monta una versione da 75 CV del motore BMW 1.4 95 CV presente sulla Mini One.

    Il motore depotenziato la rende meno performante (da 0 a 100 km/h in 13,2 secondi) ma più attenta ai consumi, poiché dovrebbe poter percorrere circa 19 km con un litro di carburante, con 128 g/km di emissioni CO2.

    La Mini First resta in ogni caso un’auto gradevole che, se da un lato deve rinunciare ad alcune rifiniture, conserva comunque tutti quegli elementi funzionali che caratterizzano le sorelle maggiori, tra cui il controllo di stabilità, lo start-stop automatico, il sistema Brake Energy Regeneration e lo Shift Point Display.

    Anche gli optional non mancano. Spendendo un extra che varia dai 600 ai 1000 euro circa, è possibile dotarla di volante in pelle a tre razze, cromature interne ed esterne, fari fendinebbia frontali, impianto hi-fi con bluetooth e computer di bordo.

    La First è venduta sul mercato inglese al prezzo davvero interessante di 10.950 sterline (12.700 euro), contro le 12.345 della Mini One. A quando il suo debutto in Italia?

    429

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto EconomicheAuto nuoveMiniMini-One Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:19

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI