Motor Show Bologna 2016

Mini John Cooper Works, nuovo propulsore per l’intera gamma

Mini John Cooper Works, nuovo propulsore per l’intera gamma

L'intera famiglia Mini John Cooper Works si appresta a ricevere un propulsore aggiornato che migliora l'erogazione e aumenta l'efficienza

da in Auto 2012, Mini, Mini Cabrio, Mini Clubman, Mini Cooper, Mini Countryman, Mini-John-Cooper-Works, Motore-Turbo
Ultimo aggiornamento:

    P90094453 highRes

    Mini ha annunciato l’aggiornamento del propulsore per l’intera gamma John Cooper Works, le versioni più sportive di tutti i singolo modelli di Mini. Dopo la presentazione della Countryman JCW, con il motore portato a 218 cavalli, anche il resto della famiglia potrà avvantaggiarsi delle nuove modifiche apportate dai tecnici della casa inglese. Chi si limita a giudicare un motore in base al numero di cavalli dichiarati potrebbe rimanere deluso vedendo che, se si esclude il crossover a quattro porte, il valore resta lo stesso di prima: 211 cavalli di potenza. Tuttavia, dopo l’aggiornamento dei propulsori turbo presenti sulle Cooper S effettuato per i model year 2011, il 1.6 delle JCW era rimasto l’unico a non essere dotato della tecnologia Valvetronic di BMW, dell’iniezione diretta e della turbina Twinscroll. Questi sono gli interventi principali che sono stati riservati al propulsore JCW, oltre al nuovo impianto di scarico in acciaio inox.

    Così come la potenza, anche la coppia resta numericamente invariata (260 Nm che diventano 280 con l’overboost), ma l’erogazione risulta migliore e più pronta fin dai regimi di rotazione più bassi. L’altro indiscutibile vantaggio legato al nuovo motore è la sua aumentata efficienza. I consumi dichiarati scendono di circa 0,5 litri / 100 km, anche grazie all’inserimento del pacchetto Minimalism, con recupero dell’energia in frenata, servosterzo a basso consumo energetico, sistema Start& Stop e alternatore ad assistenza variabile. Ovviamente i dati per ogni singolo modello differiscono leggermente, in funzione del peso e delle caratteristiche aerodinamiche.
    P90094449 highRes
    La classica Mini Hatchback a 3 porte passa da 0 a 100 in 6,5 secondi, raggiungendo una velocità di punta di 238 km/h e consumando 6,6 litri / 100 km. Le emissioni di CO2 sono di 153 g/km. La Mini Clubman JCW scatta da 0 a 100 in 6,8 secondi e raggiunge la stessa velocità massima della 3 porte, 238 km/h.

    I consumi sono lievemente superiori, 6,7 litri / 100 km, così come le emissioni di CO2 che arrivano a 155 g/km. La Mini Cabrio JCW raggiunge i 100 km/h da ferma in 6,9 secondi e si ferma ad una velocità massima di 235 km/h. I consumi sono di 6,8 litri / 100 km, con emissioni di CO2 di 157 g/km. Chiudono la carrellata le due sportive a due posti della gamma, la Coupè e la Roadster. La prima arriva ai 100 all’ora in 6,4 secondi e raggiunge una velocità di punta di 240 km/h (diventando quindi in assoluto la Mini più veloce), la seconda invece impiega 6.5 secondi per lo 0-100 e si ferma a 237 km/h. I consumi sono rispettivamente di 6,6 litri / 100 km e di 6,8 litri / 100 km, mentre le emissioni di CO2 sono di 153 g/km e 157 g/km. La Mini Countryman JCW poi, di cui avevamo già parlato al momento della sua presentazione, scatta da 0 a 100 in 7 secondi e raggiunge una velocità massima di 225 km/h. I consumi sono di 7,4 litri / 100 km, mentre le emissioni di CO2 sono 172 g/km.
    L’intera gamma dovrebbe iniziare ad essere disponibile nelle concessionarie dal mese di luglio.
    P90094456 highRes

    582

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2012MiniMini CabrioMini ClubmanMini CooperMini CountrymanMini-John-Cooper-WorksMotore-Turbo

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI