Mini sempre in auge

Un successo infinito

da , il

    Mini sempre in auge

    Vive molto per i fasti del passato, essendo stata, negli anni sessanta, un’auto che fece tendenza, oggi, la nuova Mini si presenta con un design che riecheggia la versione di un quarantennio fa, è potente, comoda ma solo per due persone e costa tanto.

    Proprio per l’importante “pedigree” di cui si fregia, pur non potendo essere considerata una novità,acquistarla può essere un buon investimento visto il fiorente mercato dell’usato per queste vetture. Offerta sia diesel che a benzina, la Mini, si dota di propulsori di 1.400 e 1.600, in versione One, da 90 cavalli o Cooper da 115 e, ancora, in versione sempre Cooper da 170 e 211 cavalli. Il diesel è sempre un 1.400 cc. da 88 cavalli.

    Gli interni sono gradevoli e abbastanza curati, arredati con una spiccata sportività, in ogni caso, sono abbastanza comodi solo per i passeggeri “anteriori”, i posteriori hanno pochissimo spazio, al massimo vanno bene per bambini piccoli. Anche il bagagliaio è piccolo con una capienza al di sotto di vetture appartenenti alla stessa categoria, buona la dotazione di serie con doppi airbag anteriori e laterali a tendina, ABS, radio/CD/MP3, retrovisori elettrici esterni, divano sdoppiato, climatizzatore, ASR.

    Buone, persino ottime, per certe versioni le prestazioni, si va dagli 11 secondi, da 0 a 100 Km/h, per la 90 cavalli, fino ai 9 della 115, così come si balza ai 7 della 170 cavalli, fino ai 6 e mezzo della 211 cavalli, per giungere fino ai 12 della diesel. Stesso criterio per i consumi, dai 15 chilometri con un litro fino agli 11 della versione più potente, mentre il diesel consuma davvero poco, 21 chilometri con un litro di gasolio.

    Per quanto riguarda i prezzi si parte dai 17.000 della più piccola e meno accessoriata ai 21.500 della diesel, fino ai 30.500 della versione al top di gamma.