Mosley: “non mi dimetterò”!

Mosley: "non mi dimetterò"!

da , il

    Non sono un nazista e, dunque, non lascerò l?incarico di Presidente della Fia, questo più o meno il senso della dichiarazione che il Presidente della Formula Uno, Mosley, ha rilasciato agli Organi di Stampa dopo essere stato ripreso durante un?orgia con delle prostitute alle quali aveva richiesto particolari e un po? scabrose attività sessuali.

    “Nella maggior parte dei paesi, ha detto Mosley, la legge vieta di diffondere pubblicamente e senza ragioni i dettagli della vita privata. La pubblicazione del News of the World (il giornale che ha pubblicato le foto) è un’ intromissione non autorizzata nella mia sfera privata e ricorrerò ai mezzi legali contro il periodico”. Nella lettera poi, Mosley ridimensiona l’aspetto nazista dell’orgia sadomaso: “Il giornale scandalistico britannico ha diffuso una storia che suppone connessioni naziste da parte mia. Questo è assolutamente falso”.

    Non mancano le dichiarazioni dei protagonisti di quel mondo che è la Formula Uno, si inizia con Bernie Ecclestone che dice su Mosley, in occasione del Gran Premio con cena con la famiglia reale del Bahrein, “Non dovrebbe venire. Il problema è che attirerebbe tutta l’attenzione della corsa e la convoglierebbe su altri temi. Max deve fare quello che considera più corretto, perchè spetta solo a lui decidere, non alla Fia”. Mosley avrebbe dovuto assistere al Gran Premio e successivamente cenare con la famiglia reale del Bahrein.

    Jody Scheckter, ex campione del mondo, ha dichiarato che Mosley dovrebbe dimettersi : “La Fia non conosce i suoi programmi. Al momento il signor Mosley è molto impegnato con gli avvocati e non ci ha comunicato le sue intenzioni. Non credo che ci siano delle alternative Mosley dovrebbe dimettersi. Da un punto di vista meramente sportivo non credo che si possa avere una persona del genere a dirigere un organismo di questa importanza”.