Motor Show Bologna 2016

Multe e sanzioni stradali: attenzione alla sicurezza stradale o vessazione collettiva?

Multe e sanzioni stradali: attenzione alla sicurezza stradale o vessazione collettiva?
da in Autovelox e Tutor, Codice della strada, Mondo auto, Multe
Ultimo aggiornamento:

    Le multe per l'autovelox e non solo hanno raggiunto traguardi superiori alle normali tasse

    In tempi di magra per le casse dello Stato, impegnato a rastrellare risorse qua e là, per fronteggiare emergenze sempre attuali, salvo poi riflettere sul fatto del perché le emergenze in Italia diventano sempre la norma, lo Stato italiano da circa otto anni ha risposto alle minori risorse distribuite agli Enti Locali con sempre e nuove multe a carico degli automobilisti, vessati dal fisco al momento dell’acquisto dell’auto, durante il suo utilizzo e per mantenerla e, dulcis in fundo, con le vere e proprie stangate quando si contravvengono le norme del Codice della Strada, fatto questo sfuggito ad ogni controllo.

    Che le multe in Italia rappresentino una voce importante delle entrate dello Stato lo dimostra il dato secondo il quale, tale balzelli sono valsi, nel solo 2005 all’erario qualcosa come 1 miliardo e 250 milioni di euro, come se ogni italiano, per il semplice fatto di possedere una patente, dovesse far fronte ad un tributo di circa 35 euro all’anno, una sorta di nuova Tassa di Concessione Governativa.

    A fare il punto della situazione Il Sole 24 ore che ha monitorato la situazione su ben 8.000 comuni italiani e che ha anche calcolato che nel periodo che va dal 2001 al 2005 ciò che valeva cento, adesso ne vale 152, ovvero, le multe comminate agli automobilisti sono aumentate del 52% e a gravare su questa situazione entra di prepotenza l’utilizzo dell’Autovelox, una presenza quasi ubiquitaria, ormai, in tutte le strade extraurbane ed autostrade del nostro Paese cui si è aggiunto, da un po’ di tempo in qua, anche il Tutor.

    Che la situazione si facesse esplosiva lo si è visto nel 2004, quando, dopo anni in cui le somme corrisposte per il pagamento delle multe avevano seguito un trend costante, di colpo si è assistito ad un’impennata che ha fatto lievitare i costi per le sanzioni alle infrazioni automobilistiche a oltre un miliardo di euro, con uno svettamento verso l’alto del 21% rispetto all’anno precedente. Ed è la capitale d’Italia ad avere registrato nel 2005 il record più elevato di multe comminate agli automobilisti con 207 milioni di euro per sanzioni elevate all’interno del territorio capitolino.

    Ma c’è anche dell’incredibile, a testimonianza del fatto che in Italia accadono situazioni difficilmente replicabili altrove, un esempio,sempre nel 2005 nel piccolo comune di Santa Luce in provincia di Pisa in soli 800 metri di strada controllata dall’autovelox sono state elevate sanzioni per oltre 1 milione e mezzo di euro, ciò ha fatto assurgere il paesino ai vertici della classifica dei comuni più multati del Bel Paese, ma non è tutto, tali accertamenti e relative multe hanno significato una gittata maggiore del 326% rispetto alle entrate ordinarie del paese in quell’anno e per ogni cittadino di Santa Luce ha significato mediamente un esborso di mille e cento euro ad abitante, pazzesco, in nessun altra parte d’Italia s’era assistito a tanto.

    Ma il conto non si esaurisce certo qua, da un po’ di tempo sono stati istallati anche i Photored, quei dispositivi che servono a controllare i comportamenti degli automobilisti agli incroci regolati dai semafori e quando saranno pronti i dati su base annuale delle contravvenzioni elevate,i cittadini di Santa Luce si sentiranno meno soli, perché in certe zone del nord Italia si è sfiorato persino il ridicolo. Insomma, possiamo parlare ancora di sicurezza stradale, o siamo di fronte ad una forma vigliacca di vessazione collettiva?

    644

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Autovelox e TutorCodice della stradaMondo autoMulte

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI