Salone di Parigi 2016

Multe elevate da ausiliari del traffico, a Lecce ricorrono così

Multe elevate da ausiliari del traffico, a Lecce ricorrono così
da in Blocco traffico, Codice della strada, Mondo auto, Multe
Ultimo aggiornamento:

    Multa

    Stanno arrivando ai cittadini leccesi numerose multe da parte del servizio ausiliari del traffico per sosta vicino alla fermata dei mezzi pubblici. MDC Lecce: “Attenzione: questo tipo di multe può essere fatto solo dalla Polizia Municipale e dagli Ispettori della Società di Trasporto Pubblico di persone”, ce lo dice l’autorevole Help Consumatori.

    Le multe per sosta vicino alle fermate del bus o per transito e/o parcheggio nelle corsie riservate ai mezzi pubblici fatte dagli ausiliari del traffico non sono valide. A dirlo è il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) di Lecce, secondo il quale tali tipi di multe possono essere fatte dagli agenti di Polizia Municipale o dagli Ispettori della Società di Trasporto Pubblico di persone, mentre gli ausiliari del traffico hanno competenza solo per quanto riguarda le aree a strisce blu.
    “Il Consiglio Comunale ha appena approvato la delibera sull’introduzione dell’avviso bonario e subito si apre un’altra vertenza con la SGM (Società di Gestione Multipla) – spiega MDC Lecce – Stanno arrivando a cittadini leccesi numerose multe da parte del servizio ausiliari del traffico per sosta vicino alla fermata dei mezzi pubblici o, addirittura, per sosta a una distanza inferiore a 15 metri dal segnale di fermata dall’autobus. Spesso viene disposta, con notevoli costi aggiuntivi, la rimozione dell’auto che è effettuata dalla stessa SGM”.

    Secondo l’associazione, la Corte di Cassazione si è più volte pronunciata sulla competenza degli ausiliari del traffico e con sentenza n. 7336 del 7 aprile 2005 ha annullato la multa degli ausiliari di Firenze a un ciclomotore che era parcheggiato sul marciapiede vicino alle strisce blu e non nell’area oggetto della concessione comunale perchè le funzioni degli ausiliari riguardano soltanto “le violazioni in materia di sosta” e “limitatamente alle aeree oggetto di concessione”.

    Con sentenza n. 18186 del 18 agosto 2006 la Corte di Cassazione ha stabilito, inoltre, che “le funzioni degli ausiliari del traffico, di prevenzione ed accertamento delle violazioni in materia di sosta, sono limitate alle aree oggetto di concessione e agli spazi necessari alle manovre dei veicoli ivi parcheggiati, e pertanto non può, venire elevata contravvenzione per divieto di sosta nelle corsie riservate al trasporto pubblico, potendo tale funzione venir delegata soltanto al personale ispettivo delle aziende esercenti il trasporto pubblico di persone”.

    Pertanto, MDC Lecce chiede che il Comando di Polizia Municipale e l’Assessore al ramo vogliano impartire disposizioni alla SGM perché rispetti la normativa vigente e chiede espressamente di avere un elenco degli ausiliari del traffico SGM e del personale ispettivo della gestione trasporto pubblico di persone SGM. Siamo sicuri che le due differenti e distinte funzioni non siano state conferite alle stesse persone perchè o si è controllori delle zone a strisce blu o si è ispettori del settore trasporti pubblici e la funzione esercitata dai dipendenti SGM deve poter essere chiaramente e visibilmente percepita dai cittadini.
    Infine, il Movimento Difesa del Cittadino offre un’ultima informazione utile per gli automobilisti: molte multe vengono notificate dopo i 150 giorni, limite oltre il quale la legge prevede che possano essere impugnate perchè le sanzioni pecuniarie sono estinte

    Ecco il modulo del ricorso:
    Studio Mariano
    Via Manfredi, 1
    Lecce
    Tel. 0832/331112

    UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI LECCE

    RICORSO

    Per: ……………… nato a Lecce il ….. ed ivi residente alla via …………, . (c.f. …………….) rappresentato e difeso, giusta mandato a margine del presente atto, dall’avv. Luigi Mariano ed elettivamente domiciliato presso il suo studio in Lecce alla Via Manfredi n. 1
    Ricorrente
    Contro: Comune di Lecce, in persona del Sig. Sindaco pro tempore
    Convenuto
    Avverso
    i seguenti Verbali:
    1) N. 10637 del 28/03/2006 Reg. N. 27255/06 notificato all’istante, proprietario dell’autoveicolo …………… targato ……., in data 21 settembre 2006, elevato dalla Polizia Municipale di Lecce per violazione del D.L.vo 285/92 art. 158 comma 1 e 5 768/04 per aver effettuato la sosta del veicolo indicato in prossimità di intersezione stradale a ridosso delle gradinate della Basilica del Rosario (sanzione min/max Euro 71,00/286,00 – sanzione in misura ridotta Euro 71,00);
    2) N. 121706 del 21/04/2006 Reg. N. 33908/06 notificato all’istante, proprietario dell’autoveicolo …………… targato ……., in data 21 settembre 2006, elevato dalla Polizia Municipale di Lecce per violazione del D.L.vo 285/92 art. 7 comma 1F) E 14 in per aver lasciato in sosta il veicolo indicato violando le prescrizioni stabilite circa l’esposizione dei dispositivi di controllo della sosta (sanzione min/max Euro 35,00/143,00 – sanzione in misura ridotta Euro 35,00
    Per i seguenti motivi:
    1) Entrambi i verbali sono stati notificati oltre i 150 giorni dall’accertamento ed ai sensi dell’art.

    201 n. 5 Cds l’obbligo di pagare la somma dovuta per la violazione si è estinto
    Il verbale N. 10637 del 28/03/2006 Reg. N. 27255/06 è stato notificato in data 21.09.2006 ai sensi dell’art. 140 c.p.c. mediante deposito presso la casa comunale in data 21.09.2006 ed invio della raccomandata a/r in data 21.09.2006 il termine tra la data dell’accertamento e la notifica è di 177 giorni.
    Il verbale N. 121706 del 21/04/2006 Reg. N. 33908/06N. 10637 è stato notificato in data 21.09.2006 ai sensi dell’art. 140 c.p.c. mediante deposito presso la casa comunale in data 20.09.2006 ed invio della raccomandata a/r in data 21.09.2006 il termine tra la data dell’accertamento e la notifica è di 153 giorni se, come è previsto dalla normativa la notifica si ritiene perfezionata con l’invio della raccomandata o di 152 giorni se si dovesse considerare solo la data del deposito presso la casa comunale di Lecce.

    Per i motivi esposti Voglia l’Ill.mo Giudice adito, ogni diversa istanza disattesa, accogliere le seguenti
    CONCLUSIONI
    a) dichiarare estinte le somme dovute in relazione al verbale N. 10637 del 28/03/2006 Reg. N. 27255/06 ed al verbale N. 121706 del 21/04/2006 Reg. N. 33908/06, previa sospensiva, b) condannare il Comune di Lecce al pagamento delle spese e competenze di lite.
    Si producono:1) verbale di contestazione N. 10637 con relativo avviso di deposito di atto nella casa comunale e busta di raccomandata; 2) verbale di contestazione N. 121706 con relativo avviso di deposito di atto nella casa comunale e busta di raccomandata
    Lecce lì, 27 settembre 2006
    Avv. Luigi Mariano

    990

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Blocco trafficoCodice della stradaMondo autoMulte Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:19

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI