Multi Sound Device è arrivato e, suonare il clacson, sarà un’altra musica

da , il

    SEGNALAZIONI ACUSTICHE

    a href=”http://www.allaguida.it/img/SEGNALAZIONI%20ACUSTICHE%20OK.jpg”>

    E perché mai avere un’auto tanto anonima che emette suoni, dal clacson al bip delle frecce, alla stessa stregua di quella appena acquistata dal nostro vicino di casa….

    È già tanto che a stento tolleriamo che l’ “impostore!” ne abbia comprata una uguale alla nostra, della stessa cilindrata, dello stesso colore e con gli interni delle nostre stesse tinte che, ci avevano assicurato, solo a noi eran riservate. Da oggi, che giustizia possa essere fatta, almeno la melodia del clacson l’avremo solo noi in esclusiva e quando disattiveremo l’antifurto e agiremo sugli indicatori di direzione, che queste possano emettere un suono come nessun’altro in tutta la nazione possa mai fare……

    Ecco arrivare, pertanto, a soddisfare le nostre sacrosante esigenze! Multi Sound Device, prodotto dalla notissima FIAMM, azienda mondiale specializzata in avvisatori acustici, di modo che rivolgendoci ad essa, avremo finalmente la musichetta che personalizzerà per tutta la vita la nostra vettura. Fra le tante personalizzazioni che facevano parte della vasta gamma di soluzioni da applicare, le migliori sono state scelte da una giuria composta da eminenti personalità dell’industria, della ricerca e del design e, sulla scia di un così grande successo sarà presentata al “World Best Design Exchange” che si terrà a Seul a dicembre, una sorta di prima mondiale.

    “Abbiamo dato una voce alla macchina, spiega Bruno Dussert-Vidalet, product manager e coordinatore del progetto, la semplice ed ampia programmabilità di questo strumento, unite ad un nuovo concetto di ergonomia e design sonoro, consente alla macchina di dare informazioni intelligenti a chi la utilizza, in un tono e con un carattere in linea con la personalità della vettura”.

    D’ora in poi, apprestandoci a superare un’auto, che ne dite di un colpo di clacson ricavata direttamente dalla famosa “Quinta di Beethowen” e, per i più giovani, che ne pensate di deliziare l’auto che ci precede con la canzone vincitrice dell’ultimo Festivalbar.

    Frivolezze, amenità…. sarà, intanto, come spesso capita per le cose, diciamocelo pure, sciocche, s’è mosso, nientemeno, che il famoso Centro di Sviluppo Fiamm di Aubergenville (Francia), generalmente impegnato in studi e progetti di ben altro spessore, cui ha fatto da partner lo studio ID’s e dei designer sonori dello studio LAPS.

    Tante menti utilizzate per fini tanto vani, verrebbe da dire,per le quali si scomoda un’altra Autorità del calibro del Museo della Scienza e dell’Industria di Parigi, dove la nuova creazione verrà esposta.

    Tutto questo dispiego di menti e risorse, soltanto per farsi strada, nel traffico, con le note suadenti di Burt Bacharach, per fare scansare il pedone paratosi davanti all’auto……

    E’ pensare che in città le segnalazioni acustiche sono anche vietate!