Navigatori Satellitari: sono affidabili?

Navigatori Satellitari: sono affidabili?

Navigatori Satellitari: affidabili e utili, ma non devono distrarci alla guida

da in Accessori auto
Ultimo aggiornamento:

    Un navigatore satellitare: i prezzi variano da 300 a 600 euro per i portatili, la qualità è comuque per tutti buona

    C’è stato un bel rifiorire da qualche anno in qua di navigatori satellitari e con l’aumento delle vendite è aumentata anche la qualità di questi apparecchi, mentre i costi, proporzionalmente sono scesi. Ma oggi, a che punto siamo in fatto di tecnica e di precisione in fatto di navigatori satellitari?

    Uno studio in tal senso è stato effettuato da Altroconsumo, testando la qualità di questi moderni sistemi di navigazione e la precisione delle loro mappe; i risultati sono confortanti, oggi si è giunti a livelli apprezzabili per tutte le marche e i prezzi sono quanto mai convenienti, tuttavia qualcosa ancora dovrà essere fatto nella gestione delle mappe.

    In fatto di ricezione del segnale non si lamentano disservizi, ma la pioggia, a volte, può mettere in crisi i sistemi satellitari che, c’è da aggiungere, per quanto affidabili sono non sono infallibili; occhio, dunque alla strada, anche a quella consigliata dal navigatore. Così come, Altroconsumo, ha rilevato che le mappe fornite da Navteq sono imprecisi al momento di discernere da una strada principale e una secondaria, fatto che, se ripetuto continuamente, induce molti a non servirsi più del navigatore.

    Invece un vero e proprio blackout si riscontra in galleria, al punto che, se ve ne sono in rapida successione, conviene spegnere momentaneamente il sistema, così come poca attenzione viene prestata a quei piccoli centri con una densità di popolazione al di sotto dei 10.000 abitanti.
    Tuttavia qualche consiglio occorre darlo; il navigatore satellitare non andrebbe usato dai principianti alla guida, che, insicuri come sono, rischiano di farsi distrarre dal sistema, così come è da sfatare la teoria di alcuni che credono che il satellitare conosca a menadito strade e scorciatoie nascoste; l’apparecchio vi consente di percorrere tragitti che percorrereste se conosceste bene la strada.

    Detto ciò, vediamo come Altroconsumo ha affrontato il problema dei navigatori satellitari.
    Innanzitutto l’importante sito dimostra, dati alla mano, che non tutti i navigatori sono uguali. Si comincia con una distinzione fra quelli portatili e quelli integrati. I primi che si fissano sul parabrezza e si collegano alla presa dell’accendino offrono il vantaggio della praticità, potendoli trasferire da un’auto ad un’altra. I secondi sono già stati previsti dalla Casa automobilistica.

    I navigatori portatili hanno di contro alcuni punti negativi; il furto in primis, vedersi rompere il finestrino per il furto del navigatore non è cosa infrequente e la memoria ci porta ad un decennio fa quando questa sorte subivano le autoradio portatili istallate in auto. Un altro punto di debolezza dei portatili sta nel fatto che occupano aree del parabrezza a scapito della visibilità e obbligano a collegarli all’accendino. Sennò, meglio ripiegare su navigatori inseriti all’interno dell’autoradio o del cellulare.

    A far la differenza di prezzo di un navigatore satellitare, spesso sono le mappe, la maggior parte delle volte si utilizzano solo quelle italiane, se prevedete di non andare all’estero o di andarci con altri mezzi che non siano l’auto, istallate solo le mappe italiane.
    Oggi i moderni navigatori includono diverse funzioni, come la TMC, che ci da il tragitto evitando zone del territorio ad alto traffico fornendoci, nel possibile, tragitti alternativi. Inoltre, in alcuni navigatori vi sono funzioni accessorie come il bluetooth, per parlare al cellulare senza avere le mani impegnate o i lettori MP3, O DIVX, fino alla fotocamera digitale. Tutto ciò fa lievitare il costo di un navigatore.

    Per quanto riguarda i prezzi si parte da un navigatore da 299 euro, fino a 600 a seconda degli accessori montati, ricordando anche che ne esistono anche da 2, 3 euro e sono le vecchie cartine di una volta, accompagnati, magari, da un’informazione veloce al primo passante accanto all’auto. Questi sistemi servono ancora e consentono di risparmiare centinaia di euro, nel caso in cui, si usa l’auto sempre per i soliti tragitti, casa, ufficio, scuola, supermercato e ritorno e un’ eventuale altro tragitto alternativo a questi, è più raro di un altro sbarco sulla luna.

    698

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Accessori auto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI