Nissan 370Z Nismo: prezzo, prestazioni e scheda tecnica [FOTO]

da , il

    Al Salone di Chicago 2013 è stata esposta la Nissan 370Z Nismo, versione fino a oggi riservata al mercato giapponese e a quello statunitense, deliberata per la vendita anche in Europa. Gli inglesi saranno tra i primi ad averla nelle concessionarie, tra giugno e luglio 2013, poi toccherà agli altri mercati. Inutile dire che è una versione in grado di restituire il sorriso agli appassionati, dopo che la Juke Nismo sembrava essere una sorta di abuso della divisione Motorsport. Se pensi a una sportiva, la mente corre alle forme da coupé, non certo da sport utility vehicle urbano.

    Gli interventi sulla due posti giapponese hanno riguardato l’aerodinamica, gli interni, le sospensioni e il propulsore, seppur con modifiche non troppo invasive. La potenza cresce fino a raggiungere i 344 cavalli, un incremento modesto se si pensa alla versione normale della 370Z con 328 cavalli, quanto basta per limare un decimo di secondo nello 0-100, che varrà 5″2 mentre non è stato reso noto se il limitatore a 250 orari verrà eliminato o meno.

    Il motore V6 3.7 litri si spinge fino alla soglia degli 8000 giri/min, musica per le orecchie grazie allo scarico sportivo in bell’evidenza al retrotreno, dove trova spazio un diffusore dalle dimensioni maggiorate – nonché impreziosito da una fascia rossa assai racing – e l’ala fissa in carbonio, con due piani alari per replicare il carico aerodinamico della supercar GT-R.

    Anche il frontale ha subito modifiche per raggiungere l’obiettivo, così su un paraurti piuttosto sobrio e ben integrato con i passaruota si fa largo uno splitter in fibra appariscente. Puro design la colorazione nera dei gusci degli specchietti, anch’essi percorsi dal rosso Nismo, mentre i cerchi in lega guadagnano una gommatura più larga, 285/35 R19. Invariato l’impianto frenante, con piccoli interventi sulla lavorazione dei componenti, non sul dimensionamento.

    Se gli interventi sul propulsore sono di dettaglio, più consistenti si fanno quelli sulle sospensioni, con molle e ammortizzatori irrigiditi del 20% e il corpo vettura ribassato di 10 millimetri. Rispetto alle versioni USA e Giappone, la 370Z Nismo per l’Europa ha rinunciato a un assetto ancor più basso per conservare un adeguato livello di assorbimento delle asperità.

    Gli interni, poi, sfoggiano il volante con corona in Alcantara, mentre il cambio resta un manuale 6 marce con funzione SynchroRev Match in grado di simulare la doppietta in scalata e incrementare il numero di giri del motore.

    Bocche cucite sui prezzi, con ogni probabilità non troppo distanti dalla versione top di gamma attualmente a listino, posizionata a 44.260 euro. Nel segmento delle sportive, la Nissan 370Z si propone come l’alternativa realmente a buon mercato per chi cerca prestazioni di livello. Con chi lotterà la nuova Nismo? La rivale d’elezione resta sempre lei, la Porsche Cayman.