Salone di Parigi 2016

Nuova Alfa Romeo Giulia 2015 station wagon: il primo rendering [FOTO]

Nuova Alfa Romeo Giulia 2015 station wagon: il primo rendering [FOTO]
da in Alfa Romeo, Alfa Romeo Giulia, Anteprima auto, Anticipazioni Auto, Auto nuove, Rendering Auto, SW Station Wagon
Ultimo aggiornamento: Venerdì 26/06/2015 10:54

    Alfa Romeo Giulia Sportwagon rendering

    Hanno fatto appena in tempo a svelare le fattezze reali della nuova Alfa Romeo Giulia 2015, e subito si ricomincia con le fantasie, questa volta legate alla versione station wagon. Nulla di ufficiale è stato mostrato su questo tipo di carrozzeria che sicuramente farà parte della gamma di questo modello. Per ora arriva un rendering della possibile Alfa Romeo Giulia Sportwagon, ammesso che intendano mantenere la definizione che accompagna le familiari Alfa dalla 156 in poi.

    CLICCA QUI PER SCOPRIRE LA NUOVA ALFA ROMEO GIULIA

    Questo rendering (elaborazione grafica computerizzata) è opera dell’ungherese X-Tomi Design. Sulla base della berlina presentata il 24 giugno, che è la versione Quadrifoglio, la più sportiva di tutte col suo motore 2.9 biturbo da 510 cavalli di derivazione Maserati, si è arrivati ad una possibile conformazione giardinetta (ogni tanto non fa male rispolverare le parole antiche). L’interpretazione personale di questo designer sembra intervenire in modo abbastanza invasivo sulla linea generale della berlina vera. E il disegno dei fanali posteriori, da quanto si vede in questa immagine, sembra ricordare un po’ troppo la vecchia 159.

    Ovviamente l’aspetto della station reale lo conoscono solo in Alfa. E’ poi tutto da stabilire che venga mai prodotta una Sportwagon su base Quadrifiglio. Sarebbe una forzatura eccessiva, ma i tempi moderni hanno visto cose ben peggiori, anche da parte tedesca. La vera station wagon non ha bisogno di correre e comunque la forma di questo genere di carrozzeria non dà vantaggi in termini sportivi dal punto di vista aerodinamico, in più c’è il problema del peso maggiore. Quindi dovremo aspettarci soprattutto una Giulia station wagon dotata dei motori ordinari, che pure non sono certo scarsi, a quanto si dice: i nuovi quattro cilindri 2.0 turbo benzina e 2.2 turbodiesel avranno potenze non certo avare, da 180 a 330 cavalli. Quanto basta e avanza per divertirsi anche col bagagliaio spazioso. La presentazione della Giulia avvenuta il 24 giugno al rinnovato museo Alfa Romeo di Arese segna il tentativo serio di riscatto da parte del gruppo FCA nei confronti di questo marchio che, nei quasi 30 anni da quando appartiene alla Fiat, ha dovuto subire scelte tecniche e commerciali molto spesso discutibili, che hanno ridotto ai minimi termini la presenza sul mercato. “Passare da 80.000 a 400.000 unità in pochi anni è un’impresa che solo il marchio Alfa Romeo può compiere” – E’ il grido di battaglia lanciato in questa occasione dall’AD del gruppo, Sergio Marchionne. Chi ha a cuore le sorti di una casa che ha contribuito in modo non leggero alla storia dell’automobile, e sono ancora tanti, può solo augurargli di avere ragione.

    CLICCA QUI PER SCOPRIRE LA NUOVA ALFA ROMEO GIULIA

    546

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI