NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Nuova BMW Serie 1, prime impressioni

Nuova BMW Serie 1, prime impressioni
da in Bmw, Bmw Serie 1
Ultimo aggiornamento:

    Nuova BMW Serie 1

    Come sappiamo, abbiamo appena assistito al debutto della compatta di Casa BMW, la nuova Serie 1, ma prima di vederla circolare per strada, per la qual cosa occorreranno alcune settimane ancora, siamo curiosi di sapere come va la vettura tedesca, al di là dell’aspetto visivo generale che è apparso, ai più, quanto mai azzeccato.

    La Serie 1 appare immediatamente contrassegnata da un moderno design, distinta da un’abbondante profilatura complessiva della vettura che stacca col passato ma che ne accentua al massimo la luminosità interna, affidata alle grandi superfici vetrate che si scorgono facilmente osservano la nuova Serie 1 da qualsiasi angolazione.

    All’interno non ritroviamo grandi cambiamenti al di là di un abitacolo più curato dove si intuisce la migliore qualità dei materiali ma nulla che possa far pensare ad uno stravolgimento rispetto al passato.

    Per quanto riguarda la meccanica, la nuova Serie 1, è l’unica vettura della Casa bavarese a dotarsi della trazione posteriore, per il resto, la vettura mostra sempre il suo temperamento sportivo e la facilità di guida, un po’ come da tradizione BMW,con la differenza che rispetto ad un tempo, si è posta grande attenzione alle emissioni inquinanti e ai consumi, capitolo questo che sta divenendo quanto mai importante anche per la Casa tedesca.

    Nuovi invece i motori, pur se conosciuti per lo schema di massima in Casa BMW, ma sicuramente più potenti, visto che il 1.800, della versione 118i adesso ha una potenza di 143 cavalli e consente un’accelerazione di poco più di 8 secondi da 0 a 100 orari, mentre l’allestimento 120i, di 2,0 litri passa a 170 cavalli contro i precedenti 150 che riducono a poco più di 7 secondi e mezzo le doti di accelerazione. Invariato, infine il 3,0 litri che eroga 265 cavalli e ciò è stato voluto dai vertici dell’azienda per non togliere spazio, un domani, alla versione potenziata della MI.

    Anche i diesel sono stati riveduti e corretti in fatto di potenza, il 2,0 litri si dota adesso di 177 cavalli ed accelera in 7 secondi e mezzo mentre il 1.800 cc.

    si assesta ad una potenza di 143 cavalli. Caratteristica importante anche per le motorizzazioni a gasolio, l’Auto Start/Stop, che spegne il motore dell’auto nei momenti di sosta riducendo i consumi. Per il resto, a parte un’abitabilità interna, non eccelsa, limitatamente ai sedili posteriori, le vetture, in qualsiasi allestimento, mostrano i segni di un rinnovamento che percepiamo anche in ordine alla dotazione di bordo ed agli alti livelli di sicurezza attiva e passiva, nonché a quella briosità che se già era tanta nelle versioni precedenti, adesso è quanto mai alta e pregevole, laddove persino il sound della vettura, soprattutto nelle motorizzazioni a gasolio, diventa elemento di distinzione anche rispetto alle stesse vetture del marchio.

    Per quanto riguarda i prezzi, questi si allineano agli standard per vetture similari, tenendo conto che versioni al top di gamma raggiungono prezzi forse un po’ troppo elevati, giustificabili solo col fatto di appartenere ad un blasone famoso come BMW. In ogni caso, si parte da 25.700 fino a giungere a quasi 37.500 euro, per la versione più accessoriata e più dotata della Serie 1.

    552

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BmwBmw Serie 1
    PIÙ POPOLARI