Salone di Parigi 2016

Nuova Fiat 500 Pur O2: perché sceglierla

Nuova Fiat 500 Pur O2: perché sceglierla

Per il resto nessuna differenza con la versione della celebre utilitaria in fatto di ingombri esterni, mentre per quanto riguarda il motore si fa riferimento al propulsore di 1

da in Auto 2009, Fiat, Fiat 500, Utilitarie
Ultimo aggiornamento:

    Se non fosse per la sigla Pur O2 che la contraddistingue, non ravviseremmo dall’esterno, alcuna differenza con le altre versione della nuova Fiat 500, eppure le differenze ci sono.

    Parliamo della nuova Fiat 500 Pur O2 della quale cogliamo vere e proprie diversità quando si viaggia a bordo dell’auto e la guidiamo; il primo approccio con la nuova Fiat 500 Pur 02 lo abbiamo alla prima sosta al semaforo e lì che ci accorgiamo immediatamente del Sistema Start&Stop, grazie al quale si abbattono i consumi e questo lo percepiamo al distributore, per il resto ci si dovrà fidare del costruttore, a proposito della quota al chilometro di Co2 ridotta sensibilmente.

    Per il resto nessuna differenza con la versione della celebre utilitaria in fatto di ingombri esterni, mentre per quanto riguarda il motore si fa riferimento al propulsore di 1.200 cc. di cilindrata da 69 cavalli di potenza, abbastanza elastico ma forse qualche cavallo in più l’avrebbe reso più potente e non sarebbe dispiaciuto di certo. Ottimo è anche il cambio che si può scegliere, manuale o robotizzato Dualogic che limita la fatica, ma in questo caso bisogna mettere mano al portafogli e prelevare almeno 800 euro; ne varrà la pena? dipende…. male che vada ci eviteremmo il “fastidio” della frizione, così come chi vuol risparmiare circa 2.000 euro può scegliere la Pop, niente cerchi in lega leggera ed eleganti cromature.

    Le prestazioni

    La nuova Fiat 500 Pur 02 ha buone caratteristiche del motore se soprattutto ricordiamo che parliamo pur sempre di una city car, si pensi alle doti di accelerazione, da 0 a 100 orari in 14 secondi scarsi ed ai 160 km/h di velocità massima con la possibilità di percorrere con un litro di benzina oltre 15 chilometri.


    Il confort

    Per quanto riguarda il design anche interno, forse le caratteristiche più salienti di questa vettura è data dal fatto che il rischiamo alla sua antenata è quanto mai presente, si pensi alla plancia volutamente non rivestita, alla buona luminosità interna nonostante le superfici vetrate non eccessivamente vaste, complice i colori “vivi” degli arredi; pecche invece si riscontrano per via del fatto che mancano nicchie portaoggetti, così come lo spazio posteriore è un tantino limitato, soprattutto per passeggeri di stazza grande.

    La chicca più saliente nell’abitacolo è invece data dal Blu&Me, un sistema messo a punto da Fiat insieme a Microsoft che riveste funzioni di navigatore satellitare, Bluetooth a cinque connessioni e, grazie all’ingresso USB, è possibile ascoltare l’I-Pod o sfruttare il sistema di emergenza Sos Emergency in caso di richiesta di soccorso.

    La concorrenza

    Non mancano chiaramente i competitors della vettura italiana, pensiamo alla Ford Ka con lo stesso motore della vettura italiana e alla Renault Twingo 1.200 cc. di cilindrata 16 valvole da 76 cavalli di potenza; da segnalare però che queste due vetture costano di più, da 10.500 euro a 11.750 euro per la Ford e da 10.550 euro a 11.500 euro per la Twingo, mentre la nuova Fiat 500 Pur ha prezzi da 11.250 a 13.100 euro; costano di più invece la Citroen C2 e la Mini Ray; quest’ultima ha un prezzo addirittura di 17.000 euro; a voi adesso la scelta!

    606

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2009FiatFiat 500Utilitarie Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:19

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI