Motor Show Bologna 2016

Nuova Mercedes Classe E: prova su strada, dotazioni, prezzi e interni [FOTO]

Nuova Mercedes Classe E: prova su strada, dotazioni, prezzi e interni [FOTO]
da in Auto 2016, Auto nuove, Mercedes, Mercedes Classe E, Prove auto su strada
Ultimo aggiornamento: Martedì 15/11/2016 15:09

    Mercedes-Benz Classe E 2016: nuova prova su strada di AllaGuida.it. Sono passati molti anni da quel 1976, precisamente quaranta, data nella quale la Mercedes-Benz introdusse nel mercato uno degli esemplari più iconici della gloriosa storia di questo marchio, la Mercedes-Benz W123, affettuosamente chiamata “Gattone”, per un richiamo estetico al domestico felino. Dunque sono passate quattro decadi da quel momento, e oggi è giunto il momento di far conoscere la nuova creazione della Stella, la nuova generazione di Classe E, una vettura strabiliante che porterà sulle strade di tutto il Mondo il futuro, come ancora non avevamo visto nel settore automobilistico. Noi abbiamo avuto la fortuna di poterla provare da Roma a Porte Ercole, nell’Argentario in provincia di Grosseto, e grazie anche a temperature da primavera inoltrata, a scenari paesaggistici mozzafiato e a strade invitanti ce ne siamo presto innamorati, scoprendo le sue più raffinate peculiarità. Di tutte le sue mille e più doti parleremo accuratamente nelle prossima pagine.

    Le dieci generazioni di Mercedes Benz Classe E

    La storia di questo modello di Mercedes-Benz è ricca di esemplari che hanno scritto pagine importantissime per la storia dell’automobile e per il prestigio della sua Casa Madre. Sono 10 le generazioni di Classe E che hanno visto la luce fino ad adesso, partendo da quella che è a tutti gli effetti la prima tra queste berline, la W120 del 1952/3 detta anche “Ponton” per la sua particolare struttura con scocca portante. La Ponton era elegante e raffinata come una vera Mercedes ed ebbe un grande successo tanto che venne prodotta in 442.963 unità fino al 1962. In seguito venne il turno della W110, chiamata anche “Codine” per l’accenno di pinne sul posteriore, un vezzo stilistico americano che contagiò anche la fabbrica di Stoccarda. La W110 ebbe una produzione di 628.282 unità. La generazione successiva segna un po’ uno spartiacque, perché stiamo parlando di un modello che abbinava nella sua indole la classicità del marchio a orizzonti di modernità. Stiamo parlando della W115/114, soprannominata anche “Barra 8″ che tra il 1968 e il 1976 fu prodotta in 1,8 milioni di esemplari, un vero classico di Mercedes. Nel 1976, come anticipato prima, fu il momento del “Gattone”, una macchina innovativa che vedeva l’introduzione del piantone di sterzo collassabile in caso di urto. Dal 1976 al 1986 uscirono dalle fabbriche della Stella ben 2,4 milioni di queste berline. Nel 1984 la serie W124 viene immessa nel mercato, ma è nel 1993 che avviene la rivoluzione, infatti compare la sigla E per distinguere la berlina di classe intermedia. Da allora abbiamo visto in serie la W210 prodotta dal 1995 al 2002, che si distingueva per il doppio fanale anteriore, e poi la W211 sempre più tecnologica e moderna che nel 2009 ha lasciato spazio alla W212 che è arrivata fino ad oggi con grande successo e un restyling di mezzo. In totale la Classe E è stata prodotta in oltre 13 milioni di esemplari e si può fregiare del titolo di Mercedes per antonomasia.

    Mercedes Benz Classe E Design

    Per parlare della nuova Mercedes-Benz Classe E cominciamo da ciò che è sotto gli occhi di tutti, il suo design. Ci troviamo di fronte a quella che è una classica berlina Mercedes elegante e raffinata, ma esaltata da elementi che richiamano la modernità. Il cofano motore è come sempre allungato, il profilo segue la linea del tetto fino ad un ampio baule. Il passo è chiaramente lungo, si parla di una macchina di quasi 5 metri, ma l’idea che ci dà non è quella di essere una vettura pesante o poco dinamica, anzi le ruote generose e gli sbalzi corti ci danno l’impressione di essere una vettura prestazionale. Il frontale è molto aggressivo, incisivo che può essere anche esaltato da elementi sportivi a seconda dell’allestimento che si vuole scegliere. La mascherina del radiatore è un elemento di forte personalità con la grande Stella incastonata al suo interno, come già visto sulle Mercedes più moderne, anche se è disponibile a vostra scelta la mascherina classica con la Stella sopra il cofano, perché anche la tradizione vuole il suo spazio. I fari sono un altro degli elementi che valorizzano ancora di più questa macchina, con la loro forma pronunciata e l’utilizzo di vetri trasparenti. Di serie la Classe E monta fari LED High Performance statici, mentre la versione Premium hai i MULTIBEAM LED dinamici, 84 led che illuminano ciascuno una parte della strada senza però dare fastidio alle auto che vengono incrociate. I fari posteriori hanno una linea tesa e un design a fiaccola come per gli anteriori. Ma la cosa interessante e suggestiva è che le luci posteriori sono caratterizzate da un effetto luminoso che ricorda la polvere di stelle, sviluppato grazie alla tecnologia a led.

    Mercedes Benz Classe E 2016 interni

    Quello che è stato fatto per gli interni della nuova Mercedes-Benz Classe E è quello di ricreare il piacere, il salto di qualità percepito quando si saliva a bordo di una vettura della Stella negli anni ’60. Per questo motivo sono stati usati materiali, colori di un livello superiore. Tutto al tatto è piacevole, plastiche morbide, pelle ovunque dove perdersi e anche visivamente tutto questo lusso ed eleganza funzionano, anche perché non manca neanche il carattere sportivo visto sulla anche sulla Classe C. I sedili sono avvolgenti ed ergonomici, esteticamente sportivi ma ideali per fare un lungo viaggio. Le sedute, a seconda dell’allestimento scelto, possono essere in pelle o in pelle-tessuto. Quelli del pacchetto AMG sono completamente in pelle Memory. La plancia è molto elegante con tecnologici schermi, che fanno da contrasto ad elementi classici come le quattro bocchette di areazione, che richiamano l’affinità di questa vettura con il suo segmento superiore la Classe S. La qualità percepita è molto alta. Un altro elemento che dona una piacevole atmosfera all’abitacolo delle vettura sono le luci ambiente, 64 luci cromate. Se si sceglie di dotare la propria Classe E con il tetto aprile, la zona interna ne guadagnerà in luminosità e piacere, anche perché la superficie vetrata sarà estesa su tutto il tetto, fungendo da panoramico per i passeggeri posteriori.

    Mercedes Benz Classe E 2016 motore e consumi

    Per sottolineare come sono state fatte per bene le cose su questa nuova berlina di Mercedes-Benz, non bisogna dimenticare come qui si siano raggiunti risultati eccellenti per quanto riguarda il peso e i consumi. Partiamo dall’aerodinamica: è stato svolto un grande lavoro da parte di Stoccarda, raggiungendo un coefficiente di 0,23 CX grazie ad una linea molto pulita. Questo garantisce quindi un minor dispendio di carburante. Per rendere la Classe E più snella rispetto alla sua precedente generazione, sono stati utilizzati materiali in lega leggera come alluminio e magnesio che ne hanno conferito una riduzione del peso di 70 chilogrammi. Il nuovo cambio 9G-Tronic, un automatico nove marce che è installato di serie su questa vettura, garantisce una riduzione dei consumi del 6,5%. Sulla nuova Classe E compare anche una unità motoristica interessante, l’OM654. Si tratta di un motore a gasolio che scende finalmente sotto la soglia dei 2 litri di cilindrata, infatti è 1.950cc, che garantisce una maggior potenza rispetto al vecchio 2.143cc ben 24 in più per un totale di 194 cavalli. Questo motore così ben architettato riduce le emissioni di CO2 e fornisce un minor consumo, si parla di 25,6 km con un litro di diesel. Questo motore è realizzato in alluminio con pistoni in acciaio, inoltre ha delle bielle molto lunghe che consentono una maggiore affidabilità. Con una giusta manutenzione, non è impossibile pensare di raggiungere la soglia di 1.000.000 di km percorsi.

    Mercedes Benz Classe E 2016 sicurezza e tecnologia

    La nuova Mercedes-Benz Classe E è un’auto molto intelligente, incredibile per l’innovazione e per il suo sistema di Guida Autonoma. In Italia non è stato ancora dato il via libera e il permesso di utilizzare la guida autonoma liberamente, ma negli Stati Uniti e in Germania si. In Nevada la Classe E ha ricevuto la targa, la prima vettura di serie a potersi fregiare di questo titolo, per poter guidare in modo autonomo. I suoi software le consentono di guidare da sé, una cosa che può togliere le ansie e lo stress, e un modo per ridurre gli incidenti. Grazie allo Speed Limiti Pilot la Classe E è in grado di leggere la segnaletica e i cartelli stradali accelerando e decelerando di conseguenza. L’auto legge la strada ed è in grado di reagire con il traffico. PRE-SAFE Impluse side è una misura protettiva per le collisioni frontali e posteriori, crea una zona di assorbimento virtuale tutta intorno alla vettura. Negli impatti laterali la zona di assorbimento disponibile è limitata, il sistema allora quando rileva un rischio di impatto laterale imminente allontana il guidatore o il passeggero anteriore quanto più possibile dalla zona di forte pericolo prima della collisione. Il sistema utilizza camere d’aria integrate nei sostegni laterali degli schienali dei sedili anteriori che si gonfiano in pochi istanti. I passeggeri vengono quindi spinti verso una zona centrale dell’abitacolo, allontanandoli dal pericolo. PRE-Safe Sound sfrutta un riflesso naturale per preparare l’udito allo schianto di un incidente annunciato. La macchina emette un fruscio attraverso l’impianto audio quando stiamo per avere un incidente che stimola il muscolo stapedio dell’orecchio umano. La contrazione di questo muscolo minuscolo modifica temporaneamente il collegamento del timpano con l’orecchio interno, proteggendolo dalle pressioni sonore molto forti. ALWAYS ON è il sistema con cui la macchina interagisce con gli smartphone. Siamo sempre più connessi all’automobile, anche a distanza. Infatti anche seduti comodamente a casa si possono avere tutte le informazioni sulla propria vettura, anche la pressione degli pneumatici (per fare un esempio). Tramite lo smartphone è possibile anche parcheggiare la vettura rimanendo comodamente fuori dall’abitacolo. E-Call funziona anche in maniera autonoma, e si accorge se andiamo a finire in un fosso o una situazione di emergenza simile. La macchina manda un segnale alla forze dell’ordine, con la posizione dell’incidente.

    Mercedes Benz Classe E prova su strada

    Veniamo ora a parlare di ciò che più conta, come si comporta la nuova Mercedes-Classe E nella prova su strada. L’esemplare a nostra disposizione era una Classe E 220d, quindi con il nuovo motore 1995cc da 194 cv. Aprendo la portiera si affaccia di fronte a voi un abitacolo che si potrebbe definire più come un salotto, molto elegante, avvolgente, con ogni elemento al posto giusto, ad esaltare un armonia che abbiamo visto spesso sulle Mercedes-Benz moderne. Seduti sulla pelle Memory ci si sente coccolati, un materiale molto morbido al tatto e perfetto per accudire una persona in un lungo viaggio, grazie anche ad uno schienale avvolgente ed ergonomico. Le regolazioni sono tutte elettriche, eccetto la profondità, il classico avanti e indietro è regolato da tradizione con un leva. Il display di fronte al guidatore è digitale, futuristico, con contachilometri e contagiri non più analogici (almeno nella versione con pacchetto AMG). Al posto del contagiri è possibile impostare anche altre opzioni, che vanno dal consumo, ad altri parametri sui valori della macchina. Perfetti per qualche scrupoloso “NERD” del volante. E proprio il volante colpisce per la robustezza e per la praticità, perché qui troviamo tutto, compresi due pannelli touch con cui comandare il display di fronte a voi e quello della console centrale, che è situato alla destra del conducente. Un vero e proprio gioiello, uno schermo ad alta risoluzione con navigatore, rapido nelle risposte ed efficiente. Una volta accesa la vettura le emozioni non finiscono anzi, aumentano, in quanto questa macchina si fa apprezzare anche e soprattutto per le sue doti stradali. Il nuovo motore ha una progressione straordinaria, sprigiona una coppia distribuita ai giusti regimi, e la trazione posteriore chiude il cerchio del piacere. Si possono impostare molteplici funzionalità e assetti: dalla Eco, passando per Confort, Sport, Sport+ e Individual con cui si può usare il cambio manuale, tramite i paddles dietro al volante. Il cambio ha dei rapporti davvero rapidi, un doppia frizione che risponde immediatamente alla vostra chiamata, e che in funzione automatica, date le 9 marce disponibili non è mai sotto sforzo. Per certi strumenti sembra di viaggiare più su una navicella spaziale, che su una vettura dei nostri tempi, e la cosa si vede anche da piccoli dettagli: il primo che colpisce è la proiezione delle indicazioni stradali sul vetro di fronte al guidatore, che trasmette in sovrimpressione sia il limite di velocità della strada, sia la distanza della prossima svolta da compiere. mercedes benz classe e prova su strada Il sistema della guida autonoma per il momento è limitato per questioni legislative, ma quando ci si lascia trasportare dal cruise control abbinato al mantenimento della corsia, la cosa lascia a bocca aperta, perché l’auto è sempre precisa sulla carreggiata anche nelle curve ad alta velocità. L’auto in questa funzione mantiene la distanza con le vetture che ci stanno davanti e soprattutto interagisce anche con i limiti della strada che si sta percorrendo. Come detto la macchina è multimediale, è disponibile anche un collegamento con la rete 3g. Parlando invece del confort, qua stiamo su livelli davvero eccelsi: abbiamo parlato già della comodità delle sedute, ma quello che più colpisce in questa berlina è l’insonorizzazione, anche ad alte velocità nell’abitacolo non si è disturbati dal rumore del motore o da fastidi esterni. Tutto è votato al benessere, come dimostra anche l’impianto stereo Burmester che è più simile ad un impianto da cinema che da auto. Le sospensioni sono morbide, a beneficio quindi di chi sta dentro la vettura, che a fronte di una strada altamente sconnessa non avrà particolari traumi. Esteticamente la plancia è molto ben rifinita, grandi bocchette d’areazione per un sistema di climatizzazione di assoluto livello, i materiali usati sono di prima scelta dalle plastiche morbide ai rivestimenti in pelle che completano tutto l’abitacolo. Le luci di atmosfera donano alla macchina un’ambiente rilassante ed esclusivo. Nel tempo che abbiamo passato insieme non abbiamo trovato francamente molti difetti da elencare, ed anzi ci ha colpito per le sia doti da strada, essendo un berlina che può regalare grandi emozioni anche schiacciando il pedale, perché non si tratta solo di una sedan placida e tranquilla, ma se scatenata vi riempirà la faccia di grandi sorrisi, sia per il comparto tecnologico, l’infotainment e per il confort.

    Benzina: Mercedes-Benz E200 Auto 51.166 euro Diesel: Mercedes-Benz E220d Auto 53.003 euro Mercedes-Benz E350d Auto 59.592 euro Versioni: Il pacchetto Business Sport ha un costo di 2.074 euro in più. Il pacchetto Exclusive ha un costo di 4.771 euro in più. Il pacchetto AMG Line ha un costo di 8.339 euro in più.

    2725

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI