Salone di Parigi 2016

Nuova Peugeot 308: prova su strada dell’anti Volkswagen Golf [FOTO e VIDEO]

Nuova Peugeot 308: prova su strada dell’anti Volkswagen Golf [FOTO e VIDEO]

Abbiamo provato la nuova Peugeot 308 con motore turbodiesel

da in Auto 2013, Auto nuove, Berline, Peugeot, Peugeot 308, Prove auto su strada, Video Auto
Ultimo aggiornamento:
    Peugeot 308: anti-golf francese

    Prova su strada Peugeot 308 1.6 e-Hdi Allure: all’attacco della Golf puntando su razionalità e consumi contenuti. E il meglio deve ancora arrivare.

    Ogni nuova segmento C che sbarca sul mercato ha l’”ingrato” compito di doversi misurare con chi, quel segmento, lo domina da decenni. Perché la nuova Peugeot 308 dovrebbe riuscire là dove in tanti hanno finora fallito? Anzitutto perché di vecchio c’è solo il nome, con un progetto nato dal foglio bianco, costruito su un pianale moderno, leggero e soluzioni di stile originali.

    Non è l’auto perfetta, perché alcune riserve sulle soluzioni del frontale le abbiamo, ma complessivamente ha la razionalità da auto tedesca, forse una delle carte vincenti per raccogliere il consenso del pubblico. Decisamente pregevole, poi, l’impostazione scelta per gli interni, in grado di dire qualcosa di diverso da tutte le avversarie. Originalità che va premiata, tuttavia, mal si sposa con la praticità: abbinare una manopola sul tunnel per gestire il touchscreen avrebbe reso molto più pratica l’interfaccia.

    E’ il prezzo da pagare per la pulizia stilistica: se si fa tutto attraverso il touchscreen, viene meno la prontezza e praticità dei pulsanti fisici, ma se vuoi quest’ultimi, allora la plancia si riempie in fretta.

    Lo stile

    E’ un’auto bella da osservare la nuova Peugeot 308, anche se certe scelte sono difficili da digerire. La linea propone soluzioni morbide e la fiancata senza dubbio è l’elemento con il design più riuscito. Qualche perplessità, invece, sul muso. Passino i gruppi ottici con la parte inferiore “disturbata” da una virgola di carrozzeria, ma la calandra così squadrata, un trapezio perfetto, sembra elemento quasi a sé. Peccato, perché complessivamente non dispiace affatto la 308 e anche la coda, pur senza stupire, dà idea di solidità. Ecco, forse è la ricerca a tutti i costi di quel rigore teutonico a spiazzare: il posteriore spiega al meglio il concetto.

    Dimensioni e bagagliaio

    Il nuovo telaio Emp2 sviluppato dal gruppo PSA ha consentito incredibili vantaggi dal punto di vista del peso, ridotto fino a 140 kg su alcune versioni. Quanto alle dimensioni della nuova Peugeot 308, la riduzione in lunghezza vale 3 centimetri, con 4 metri e 25 complessivi. E’ più stretta, con una larghezza di 1 metro e 80 centimetri, così come molto più bassa: 1 metro e 46 contro l’1.49/1.50 della precedente generazione.
    Dove svetta incontrastata tra tutte le avversarie di pari dimensioni (e anche più grandi) e alla voce bagagliaio, con 420 litri di capacità complessiva: imbattibile. L’accessibilità al vano è regolare, con una pratica protezione sul bordo, a nascondere anche il blocco del portellone. Bene la tappezzeria sul fondo (con una zona inferiore nascosta per riporre altri oggetti), mentre gli ancoraggi dei pistoni idraulici che sorreggono il portellone sono a vista.
    Ultimo dato è quello relativo al passo, che dà un buon indicatore della spaziosità degli interni: 2 metri e 62 centimetri, uno in meno della vecchia 308.

    Interni e plancia

    Salendo a bordo, sono senza dubbio gli interni a convincere ed esser promossi a pieni voti per la configurazione adottata. L’elemento distintivo è la plancia, in posizione alta e raggruppata intorno al touchscreen da 9.7 pollici, attraverso il quale gestire non solo l’infotainment ma anche la climatizzazione. Si riducono al minimo i pulsanti e la scena complessiva regala un impatto piacevole, esaltato dalla cromatura che racchiude schermo e bocchette d’aerazione. Ma per capire meglio il funzionamento, vi mostriamo questo video.

    Di scuola 208 sono invece volante e strumentazione, il primo con una corona di piccolo diametro, la seconda posizionata in alto e con due elementi analogici ben separati e racchiusi dentro elementi vagamente circolari. Il contagiri va al contrario. In senso antiorario, insomma, e sulle prime fa un po’ strano vederlo salire verso il centro del quadro L’intera impostazione dell’abitacolo prende un nome ben preciso sulla media della svolta in Peugeot: i-cockpit.

    Motori
    Al lancio, Peugeot 308 monta quattro motori diversi, due diesel e tre benzina. Abbiamo provato il 4 cilindri 1.6 litri e-Hdi, con start&stop, da 115 cavalli. E’ un’unità che si affida a una testa 8 valvole, mentre la nuova generazione di BlueHdi 2 litri e 1.6 litri arriverà nel corso del 2014, insieme ai turbo benzina 1.2 litri 110 e 130 cavalli. Al momento (dicembre 2013; ndr), invece, gli unici motori benzina sono un 3 cilindri aspirato 1.2 litri da 82 cavalli, il turbo 1.6 da 125 e 155 cavalli.
    Tornando al propulsore del test drive, oltre a 116 cavalli si può contare su una coppia di 270 Nm, disponibile già a 1750 giri/min. Il cambio è un sei marce manuale e la velocità massima dichiarata è di 196 km/h, con un’accelerazione da zero a cento che vale 11″4. I consumi non sono affatto un problema, poiché il dato dichiarato è di 3.7 litri/100 km nel ciclo misto, ma anche l’impiego in condizioni di traffico reale ha restituito medie elevate. Beve decisamente poco la nuova Peugeot 308. Non sarà forse il motore più moderno in giro questo millesei 8 valvole, ma fa egregiamente il proprio lavoro.

    Nel dettaglio, queste le caratteristiche dei motori della gamma Peugeot 308
    - 1.2 litri 12v Vti 82 cavalli – 3 cilindri – 160 Nm – cambio manuale 5 marce – 188 km/h, 13″0 0-100 km/h – 5 lt/100 km nel ciclo misto
    - 1.6 litri 16v Thp 125 cavalli – 4 cilindri – 200 Nm – cambio manuale 6 marce – 203 km/h, 10″4 0-100 km/h – 5.6 lt/100 km nel ciclo misto
    - 1.6 litri 16v Thp 155 cavalli – 4 cilindri – 240 Nm – cambio manuale 6 marce – 215 km/h, 9″1 0-100 km/h – 5.6 lt/100 km nel ciclo misto
    - 1.6 litri 8v Hdi 92 cavalli – 4 cilindri – 230 Nm – cambio manuale 5 marce – 183 km/h, 12″8 0-100 km/h – 3.6 lt/100 km nel ciclo misto
    - 1.6 litri 8v e-Hdi 116 cavalli – 4 cilindri – 270 Nm – cambio manuale 6 marce – 196 km/h, 11″4 0-100 km/h – 3.7 lt/100 km nel ciclo misto

    Test Drive

    Ora parliamo della nostra prova su strada della Peugeot 308. La parola d’ordine è dinamicità. E’ ciò che trasmette questa novità francese, che da fuori riprende chiaramente il meglio di casa Golf, ma dentro è originale e innovativa, e su strada si difende. Lascia interdetti al tatto e all’uso nei primi istanti il piccolo volante e il cruscotto messo più in alto rispetto al solito, ma ci si abitua abbastanza presto, nonostante iniziali correzioni dovute a curve troppo ampie di quelle necessarie. Riprendendo sempre la Volkswagen Golf, anche a lei piace attaccare, mordere l’asfalto, predilige una guida sportiva, anche se non ti tiene attaccato al sedile nello scatto. Una pecca è sicuramente la poca visibilità per la presenza del montante centrale alquanto ingombrante alla vista. Buonissimi i consumi, bellissimo il designo. Ottimo lo spazio interno per i sedili anteriori, mentre si poteva fare qualcosina di più per quelli posteriori.

    Listino prezzi e allestimenti
    L’offerta di nuova Peugeot 308 si articola su quattro allestimenti. Un po’ povero quello d’ingresso Access, abbinato al motore aspirato milledue benzina e ai due diesel. Serve unicamente a tenere il prezzo d’attacco molto basso, a 17.100 euro e difficilmente può rappresentare lo step ideale per l’automobilista medio in questo segmento di mercato.
    Le dotazioni di serie prevedono il climatizzatore manuale, il regolatore e limitatore di velocità, cerchi in lamiera da 15 pollici, luci a led diurne, radio con lettore cd/mp3 e ingressi usb, bluetooth, aux-in, ma nella conformazione tradizionale, non è l’i-Cockpit con il touchscreen 9.7 pollici.
    Lo step intermedio, già con tanti accessori extra e imprescindibili per un’auto di questa categoria, è Active. In aggiunta alle dotazioni dell’Access troviamo il climatizzatore bi-zona, i vetri elettrici posteriori, l’hill holder, i sensori di parcheggio posteriori, le luci interne ambiente a led, i cerchi in lega da 16 pollici, sensore luci e pioggia, volante multifunzione, touchscreen 9.7 pollici, sei altoparlanti, lettore mp3, presa usb, connettività bluetooth e ingresso aux-in.
    Specifica per chi l’auto la vive per lavoro è lo step Business, con in più rispetto al livello Active: bracciolo posteriore, retrovisori ripiegabili elettricamente, navigatore satellitare, due prese usb e Peugeot Connect con sim inclusa.
    Al vertice si posiziona l’allestimento Allure. Di serie ci sono il freno a mano elettronico, retrovisori ripiegabili elettricamente, sensori di parcheggio anteriori, sedili sportivi con regolazione lombare, cerchi in lega da 17 pollici, fari full led.

    Listino di Peugeot 308

    1.2 Vti 82 Access – 17.100 euro
    1.6 Hdi 92 Access – 19.900 euro
    1.6 Thp 125 Active – 20.800 euro
    1.6 e-Hdi 115 Access – 20.900 euro
    1.6 Hdi 92 Active – 21.600 euro
    1.6 Thp 155 Active – 22.200 euro
    1.6 Hdi 92 Business – 22.300 euro
    1.6 Thp 125 Allure – 22.500 euro
    1.6 e-Hdi 115 Active – 22.600 euro
    1.6 e-Hdi 115 Business – 23.300 euro
    1.6 Thp 155 Allure – 23.900 euro
    1.6 e-Hdi 115 Allure – 24.300 euro <- Versione in prova

    1468

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto 2013Auto nuoveBerlinePeugeotPeugeot 308Prove auto su stradaVideo Auto Ultimo aggiornamento: Giovedì 11/02/2016 11:36

    Salone di Parigi 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI